Ecco come il Cloud può diventare il vantaggio competitivo delle aziende

Liberazione dalla infrastruttura fisica, accessibilità ovunque e da ogni dispositivo, costi accessibili e scalabili, semplicità di utilizzo, servizi personalizzati, sicurezza. Spinte dalla diffusione degli smartphone come strumento anche di...
Ecco come il Cloud può diventare il vantaggio competitivo delle aziende

Liberazione dalla infrastruttura fisica, accessibilità ovunque e da ogni dispositivo, costi accessibili e scalabili, semplicità di utilizzo, servizi personalizzati, sicurezza. Spinte dalla diffusione degli smartphone come strumento anche di lavoro (secondo l’agenzia media Zenith nel 2017 il 75% degli accessi a Internet avverrà tramite mobile), sono sempre più le piccole aziende e quelle medio-grandi (Pmi) che ricorrono a servizi  di Cloud computing (letteralmente “nuvola informatica”) rinunciando alla infrastruttura fisica IT (Information Technology)  per sfruttare risorse informatiche ospitate da terze parti.

A sostenerlo è  uno studio di ULI – Utility Line Italia, uno dei più antichi ISP – Internet Service Provider italiani, fondato da Vittorio Figini nel 1995 nell’hinterland milanese, a Seveso. Secondo i dati dell’Osservatorio Cloud & ICT del Politecnico di Milano, il mercato del Cloud in Italia ha registrato nel 2016 un incremento del 18% che lo ha portato a raggiungere un valore di 17 miliardi di euro. La spesa più alta nella “nuvola informatica” è stata effettuata dalle aziende del settore manifatturiero (23% del mercato), seguito da quello bancario (21%), telecomunicazioni e media (14%), servizi (10%), grande distribuzione e commercio (9%), pubblica amministrazione e sanità (9%), servizi pubblici locali (9%), assicurazioni (5%). Rispetto agli altri Paesi europei, stando all’ Ufficio statistico dell’Unione europea (Eurostat), il 40% delle aziende italiane sceglie il Cloud per l’archiviazione, elaborazione e trasmissione dei dati grazie alla disponibilità su richiesta tramite Internet.

Sulla base del campione di aziende analizzato da ULI – Utility Line Italia,  dal 2014 al 2016 sono passate dal 20% al 60% quelle che utilizzano servizi Cloud, dai più ordinari, come l’amministrazione del personale e la gestione di paghe e contributi, all’impiego dei servizi di back up per l’archiviazione dei dati, la formazione, la comunicazione, la promozione e illustrazione dei propri prodotti ai clienti tramite dispositivi. La dimensione dell’impresa risulta fondamentale: utilizza servizi Cloud il 40% delle organizzazioni con più di 50 dipendenti e solo il 20% di quelle con tra i 10 e 49 addetti. Le motivazioni che spingono i clienti di ULI a ricorrere al Cloud: liberazione dalla infrastruttura fisica, accessibilità ovunque e da ogni dispositivo,  costi accessibili e scalabili, semplicità di utilizzo, servizi personalizzati, sicurezza.

“Qualsiasi azienda – afferma Vittorio Figini, amministratore di ULI – Utility line Italia – grazie al Cloud può usufruire di servizi personalizzati, sicuri e affidabili. La richiesta è esplosa da quando tutti i mobile dispongono di connessione Internet veloce e vengono anche utilizzati come strumento di lavoro. Oggi c’è una maggiore consapevolezza del ruolo strategico e dei risparmi economici di un’azienda che si libera di infrastrutture fisiche di IT. Cloud e relativi servizi cresceranno in Italia con la diffusione della banda larga. Le aziende talvolta esprimono dubbi sulla sicurezza, che noi superiamo ospitando i dati in remoto in data center italiani.”

“Il Cloud – dichiara Nicola Mariani dello omonimo Studio fondato nel 1930 nella città di Cesano Maderno – rappresenta un vantaggio competitivo, semplifica le procedure della gestione del personale e quello delle paghe e dei contributi. La flessibilità d’uso è complementare ai vantaggi legati alla personalizzazione dei servizi. Per un’azienda come la nostra, il Cloud ha rappresentato un’opportunità di digitalizzazione che ha consentito di stare al passo delle più avanzate tecnologie consentendo di ridurre l’onere dei costo gestionali in IT”.

“Il Cloud – sostiene Massimo Vaccarino, amministratore di Thesma, azienda di Seveso che opera nel settore dei programmi gestionali – offre vantaggi di scalabilità ed evita esposizione economica legata all’acquisto e alla manutenzione di infrastrutture IT. Consente di mettere insieme sistemi di condivisione, sviluppo e comunicazione, interna ed esterna, delle competenze e dei servizi in modo totalmente sicuro e flessibile. Permette di espandersi con le performance da grande azienda.  Diventa quindi volano strategico della società e dei propri clienti .”

Categorie
Notizie dalle aziende
Un commento
  • pasta
    17 maggio 2017 at 16:45
    Rispondi
  • Rispondi

    *

    *

    Seguici su Facebook

    1 anno (12 mesi) a soli 37,00 €

    L'informazione più attendibile, precisa e autorevole per appassionati e professionisti del Personal Computer.
    PC Professionale è il mensile che si occupa delle tecnologie emergenti e dei progressi dell'informatica.
    Il suo laboratorio interno, primo in Italia sia per dimensioni sia per numero di test effettuati, fornisce ogni mese prove e valutazioni di prodotti hardware e software indicandone caratteristiche, finalità e difetti.

    La versione digitale è inclusa nell’abbonamento!