Google e WhatsApp si schierano dalla parte di Apple sulla questione backdoor iPhone

Il fronte dei brand tecnologici americani si sta compattando contro il Governo che vuole i dati degli utenti in alcuni casi
Google e WhatsApp si schierano dalla parte di Apple sulla questione backdoor iPhone

Apple ha trovato già due alleati importanti nella sua battaglia contro il Governo americano che ha chiesto di creare una versione di iOS modificata con una backdoor per leggere i dati alla ricerca di elementi utili in contesti di indagini. Si tratta di Google e di WhatsApp.

Per Google si è espresso il CEO Sundar Pichai che ha scritto che forzare le imprese all’hacking può compromettere la privacy degli utenti.

Per WhatsApp ha postato su Facebook il CEO Jan Koum che ha scritto: «Non potremmo essere più d’accordo. La nostra liberà è a rischio, dobbiamo impedire la creazione di un precedente del genere».

http://www.apple.com/customer-letter/ – I have always admired Tim Cook for his stance on privacy and Apple's efforts to…

Posted by Jan Koum on Wednesday, February 17, 2016

Sulla questione è intervenuto anche Edward Snowden.

Questo articolo potrebbe piacerti:
Google renderà i JPEG più leggeri del 35%
Categorie
News

Web strategist, blogger.
Nessun commento

Rispondi

*

*

Seguici su Facebook

Iscriviti alla newsletter di Pc Professionale!


Riceverai solo contenuti editoriali scelti da PcProfessionale.it

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
1 anno (12 mesi) a soli 37,00 €

L'informazione più attendibile, precisa e autorevole per appassionati e professionisti del Personal Computer.
PC Professionale è il mensile che si occupa delle tecnologie emergenti e dei progressi dell'informatica.
Il suo laboratorio interno, primo in Italia sia per dimensioni sia per numero di test effettuati, fornisce ogni mese prove e valutazioni di prodotti hardware e software indicandone caratteristiche, finalità e difetti.

La versione digitale è inclusa nell’abbonamento!