Intel era da tempo interessata al settore della auto a guida autonoma: non a caso recentemente aveva creato il brand Intel GO. L’azienda americana dei processori ha infatti acquisito Mobileye, con una manovra dal costo di ben 15,3 miliardi di dollari.

La mossa, che prevede un prezzo di 63,54 dollari per azione, dunque il 34% in più rispetto all’ultima chiusura di Mobileye a Wall Street, è la maggiore acquisizione al mondo di una società  incentrata sul settore della guida autonoma. Nel corso degli anni Mobileye si è specializzata in auto intelligenti sviluppando sistemi di guida assistita, controlli di corsia e mantenimento della distanza, utilizzati dalle maggiori case automobilistiche, tra cui BMW, Volvo, Buick e Cadillac. Intel si augura che la transazione si chiuda entro i prossimi nove mesi e che porterà  immediati benefici finanziari, sotto forma di migliori performance per Eps e free cash flow.

I due gruppi stanno già  collaborando, e puntano a mettere in produzione auto a guida autonoma realizzate con BMW entro il 2021: i primi test sulle strade pubbliche di questi modelli dovrebbero essere effettuati già  nella seconda metà  del 2017. Per Intel si preannuncia una nuova sfida in un settore in chiara crescita esponenziale, poiché nel giro di pochi anni molti produttori dovranno equipaggiare le proprie auto con sistemi self-driving.

 

CONDIVIDI

Laureato in lingue e da sempre patito di elettronica, cerco di combinare al meglio queste due passioni, senza mai abbandonare il sogno di diventare un traduttore professionista.