Dopo aver aggiunto Torino alla lista delle città  coperte dalla rete in fibra a 300 megabit al secondo, Vodafone mette a segno altri due traguardi. Uno riguarda la realizzazione del primo collegamento in fibra ottica con velocità  di 10 gigabit al secondo, a beneficio di un’azienda milanese.
Il secondo riguarda le reti cellulari, dove Vodafone ha sperimentato con successo il raggiungimento di una velocità  di 1,2 Gbps su infrastruttura 4G.

Vodafone 4G
In alto, i cinque apparati di rete Huawei 4G, uno per ogni frequenza, usati in carrier aggregation per fornire una velocità  di picco di 1,2 Gbps.

Iniziamo dal 4G. Con gli attuali apparati Huawei, Vodafone ha dimostrato che si può raggiungere la massima velocità  possibile definita dallo standard Lte Advanced (noto anche come Lte-A o 4G+), vale a dire 1,2 gigabit al secondo. Questo risultato viene ottenuto tramite la tecnica di carrier aggregation, cioè unendo tutte e 5 le bande di frequenza disponibili oggi per la rete cellulare.
Uno dei problemi più grossi che Vodafone si trova ad affrontare è l’occupazione delle frequenze intorno ai 900 MHz da parte delle “vecchie” reti Gsm. In una grande città  come Milano il traffico 2G viene valutato intorno al 30%, che cresce se si osserva il resto del Paese. L’obiettivo dunque è passare quanto prima in toto al 4G, anche per quanto riguarda il traffico voce, in modo da liberare quelle frequenze.

 

Vodafone 4G
Obiettivo raggiunto: il simulatore di carico mostra una velocità  stabile in download di 1,2 gigabit al secondo.

Per quanto riguarda un’offerta commerciale vera e propria dunque si dovrà  attendere ancora, senza dimenticare il fatto che i terminali Lte Cat9 in grado di reggere velocità  simili sono ancora pochi. Quello su cui Vodafone ha posto l’accento è che a livello infrastrutturale è tutto pronto, non c’è bisogno di compiere aggiornamenti di sorta sugli apparati Huawei di cui si serve l’azienda.

Diverso il discorso per la fibra ottica a 10 gigabit al secondo, basata su tecnologia 10GPON.  Se siete un’azienda e se siete a Milano potete  chiedere a Vodafone l’istallazione di una linea del genere.
Anche in questo caso l’infrastruttura è già  pronta. I requisiti sono sostanzialmente tre: avere una linea in fibra Ftth (Fiber to the Home, che arriva fino all’unità  abitativa, quindi), attivare la porta nella centrale telefonica e installare uno dei nuovi router  forniti da Vodafone.

Router per fibra
Il router per la fibra ottica a 10 Gbps fornito da Vodafone.

Una linea del genere ha una velocità  in uplink di 2,4 Gbps, ma l’obiettivo è arrivare a un collegamento simmetrico prima possibile. Le prime offerte commerciali saranno dedicate a un target esclusivamente business, almeno inizialmente, e sono previste entro la fine dell’anno.

 

CONDIVIDI

In PC Professionale dal 1999, appassionato delle ultime tecnologie (ma anche del retrocomputing di qualsiasi tipo), viaggi in moto e non, fotografia.