Bisticci tra Facebook ed Apple per Ping

Rapporti tesi tra i due big: il lancio del social network interno ad iTunes, Ping, e la successiva richiesta di utilizzare le API di Facebook Connect per cercare i...

ICON_SocialNtwRapporti tesi tra i due big: il lancio del social network interno ad iTunes, Ping, e la successiva richiesta di utilizzare le API di Facebook Connect per cercare i contatti di Facebook da dentro Ping, non è piaciuta al re dei social network che ha negato ad Apple l’uso delle sue Api.
Un autogoal per i paladini del social grid, con Zuckerberg che da anni predica a favore di una rete sempre più aperta e di utenti sempre più connessi tra loro. O forse i 160 milioni di utenti iTunes e l’ecosistema Apple fanno paura anche a Facebook che peraltro sul segmento musica non è stato finora così incisivo.Molti si sono anche chiesti che bisogno c’era per Apple di mettere in piedi un nuovo social network se pur legato alla musica di iTunes, e se non sarebbe stato più facile creare un canale dedicato all’interno di Facebook, ma pare che quest’ultima abbia chiesto condizioni troppo onerose.
Così oggi i principali blog tecnologici riportano di attriti in corso tra Facebook ed Apple, con il social netowrk che si difende motivando il diniego all’uso delle Api come preventivo a un eccesso di traffico che sarebbe arrivato sui server di Facebook, creando instabilità al sito e alle sue infrastrutture. E in effetti nelle pagine sul regolamento per gli sviluppatori viene specificato che oltre i 100 milioni di chiamate quotidiane ai server, la società si riserva di modificare gli aspetti contrattuali.

Questo articolo potrebbe piacerti:
Facebook: la vittoria di Trump non dipende dal social network

Da notare che qualche mese fa Twitter aveva avuto gli stessi problemi con le Api di Facebook Connect , bloccate anche queste sul nascere, e dopo mesi di inutili trattative ha rimosso tale funzione alla fine di agosto.

Categorie
Web & Social
-->
Nessun commento

Rispondi

*

*

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com