Ecco le cause dell'attentato a YouTube

Come usare la Modalità con restrizioni di YouTube

YouTube permette di attivare una modalità di navigazione “ristretta” in grado di filtrare la maggior parte dei contenuti inadatti ai minori. Una funzionalità non perfetta ma potenzialmente alternativa a YouTube Kids o all’uso di tool esterni.

Se vogliamo navigare su YouTube senza incorrere in contenuti inappropriati, possiamo provare ad attivare la modalità di navigazione “limitata” messa a disposizione dal network di condivisione video. L’opzione è facile da attivare/disattivare, anche se non si tratta di una funzionalità in grado di mettere completamente al riparo da possibili brutte sorprese.

Sui browser desktop, la modalità di navigazione con restrizioni di YouTube si attiva facendo click sull’apposita impostazione accessibile dall’icona dell’account, quindi selezionando Attiva la modalità con restrizioni. A questo punto YouTube ricaricherà la pagina attualmente attiva applicando i filtri della nuova impostazione.

Modalità ristretta di YouTube

Un modo facile e veloce per verificare l’efficacia della nuova modalità è quello di effettuare una ricerca usando termini o espressioni scurrili – in italiano o in inglese poco importa: subito al di sotto della casella di ricerca, YouTube avviserà che “Alcuni risultati sono stati rimossi perché è attiva la modalità con restrizioni.

Per disabilitare la modalità di navigazione con restrizioni è ovviamente possibile procedere nel senso inverso da quello descritto nei paragrafi precedenti. In alternativa, quando la modalità con restrizioni è abilitata, sempre dalle impostazioni dell’account è anche possibile “bloccare” la suddetta modalità per impedire che altri la disabilitino.

Come YouTube tiene a sottolineare, la modalità di navigazione filtrata non è perfetta al 100% così come non lo è nessun filtro. La maggior parte dei contenuti potenzialmente inappropriati per i minori dovrebbero in ogni modo essere censurati, così da permette la navigazione sicura ai piccoli utenti che abbiamo in casa anche sul portale principale del network di video sharing.

PCProfessionale © riproduzione riservata.