Revisioni del chipset Intel Z87 e l’interfaccia Usb 3.0

Domanda: Recentemente ho assemblato un nuovo computer desktop. La mia scelta è caduta sulla scheda madre Asus Z87-C e sul processore Intel Core i5-4590. Gli altri componenti, un hard disk Western Digital Caviar Black da 1 Tbyte, due moduli Dimm Kingston da 4 Gbyte ognuno, masterizzatore Asus DRW-24F1ST e l’alimentatore Atx Corsair CX430, saranno recuperati dal precedente Pc. Al momento della consegna il negoziante mi ha informato che la scheda madre Asus Z87-C non era più disponibile, proponendomi di acquistare al suo posto la Z87-Plus che, a suo dire, sarebbe equivalente come prestazioni ma dotata di funzionalità  aggiuntive. Questo componente mi sarebbe stato fornito con una differenza di prezzo minima grazie alle promozioni messe in atto dalla stessa Asus. Fortunatamente, al momento dell’acquisto, era presente un amico che mi ha sconsigliato di procedere perché secondo lui la scheda madre Asus Z87-Plus sarebbe basata su una revisione del chipset precedente rispetto alla Z87-C. Ho quindi deciso di rinviare l’operazione per ulteriori investigazioni. Nelle specifiche tecniche delle due schede madri non si fa riferimento a differenze nel chipset visto che entrambi dovrebbero essere basate sull’Intel Z87. Potete darmi un consiglio su quale scegliere? la scheda madre Z87-C è davvero fuori produzione? E, se ciò fosse vero, quale potrei acquistare al suo posto?

Cpu-Z è uno strumento diagnostico per schede madri e processori e consente di visualizzare l'effettiva revisione del chipset.
Cpu-Z è uno strumento diagnostico per schede madri e processori e consente di visualizzare l’effettiva revisione del chipset.

Risposta: La scheda madre Asus Z87-Plus è dotata di alcune funzionalità  aggiuntive rispetto alla Z87-C: sono disponibili uno slot Pci Express x16 e uno slot Pci in più. Anche la disponibilità  di porte Serial Ata è stata aumentata da 6 a 8 e le porte Usb 3.0 sul retro sono 6 invece di 4. La connettività  ethernet della Z87-Plus è fornita da un chipset Intel, mentre per la Z87-C è stato adottato un più economico adattatore di rete Realtek. Infine la Z87-Plus adotta un circuito di regolazione della tensione a 8 fasi che consente di ottenere overclock del processore più elevati, mentre quello della Z87-C ha sole 4 fasi. La scheda madre Asus Z87-Plus è quindi più indicata per chi intende implementare una configurazione con elevate prestazioni nella grafica 3D, mentre la Z87-C è un componente più tradizionale, destinato all’utilizzo casalingo o come stazione di lavoro. A parte le caratteristiche appena elencate l’architettura di base delle due schede madri è identica e si basa, appunto, sul chipset Intel Z87.

I primi esemplari di questo componente, introdotto per supportare i processori con core Haswell, presentano un problema nell’implementazione dell’interfaccia Usb 3.0. La revisione C1 può portare alla disconnessione delle periferiche Usb nel momento in cui il computer si risveglia dallo Standby e ciò porta all’impossibilità  di accedere ai dati fino a quando non si ricollega il dispositivo. Sebbene si tratti di un malfunzionamento che si verifica solo con una concomitanza di eventi, è senza dubbio preferibile acquistare schede madri dotate della revisione C2, che non presentano questo inconveniente. È quindi probabile che i primi esemplari di entrambe le schede madri, Z87-Plus e Z87-C, fossero equipaggiati con la versione C1 del chipset ma, ormai, tutti i componenti attualmente in vendita dovrebbero essere stati aggiornati con la revisione C2. Per fortuna Asus etichetta i propri prodotti in maniera chiara: nell’adesivo presente sulla scatola della scheda madre è indicata la revisione del chipset. Se il modello è Z87-C (C2) oppure Z87-Plus (C2) si avrà  la certezza di essere in possesso della versione aggiornata. La stessa verifica può essere eseguita anche dopo l’assemblaggio del computer mediante Cpu-Z. Una volta lanciata questa utility sarà  sufficiente entrare nel segnalibro Mainboard e verificare la revisione del South Bridge. Per garantire la massima affidabilità  nella rilevazione consigliamo di utilizzare l’ultima versione di Cpu-Z, scaricabile gratuitamente da www.cpuid.com.

A maggio scorso Intel ha rilasciato il nuovo chipset Z97 che si propone come nuova piattaforma per tutti i processori dotati di socket Lga 1150. Questo componente è del tutto equivalente al precedente Z87 ma aggiunge il supporto all’interfaccia Pci Express M.2 che consentirà  il collegamento diretto di nuove memorie di massa ad alte prestazioni, come le unità  Ssd, che adotteranno questa connessione. Allo stesso tempo il chipset Z97 garantirà  la compatibilità  con i nuovi processori che Intel rilascerà  entro la fine dell’anno. In base a quanto appena spiegato, è sicuramente consigliabile scegliere una scheda madre basata su questo chipset invece che sul precedente Z87. La stessa Asus ha recentemente presentato la scheda madre Asus Z97-C che, come lascia intendere il nome, è la naturale evoluzione della precedente Z87-C. Invitiamo il nostro lettore a valutare l’utilizzo di questo componente per il suo nuovo computer. In alternativa le schede madri basate su chipset Z87 potranno ancora essere prese in considerazione, ma solo nel caso in cui si riesca ad ottenerle con uno sconto significativo rispetto al prezzo di listino.

PCProfessionale © riproduzione riservata.