jurassic smartphone

2020-2030: Jurassic Smartphone

Il 31 dicembre ha chiuso non solo il 2019, ma un intero decennio. Ed è tempo di bilanci e di previsioni per quello che vedremo nel 2020-2030.

Il mese di dicembre 2019 è stato non solo l’ultimo mese dell’anno, ma anche l’ultimo mese del decennio. Ma cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi anni? E quali saranno i trend? Se mi chiedete una personale previsione per il 2020-2030 non ho dubbi, il 5G – e quello che comporterà – rivoluzionerà completamente le nostre vite. Ma voglio fare un’altra previsione, molto più provocatoria: il prossimo decennio sarà ricordato per la scomparsa degli smartphone.

Provocazione? In parte sì, ma ci sono validi motivi. Incomincio dai dati, premettendo che tutti i numeri che vedete in questa pagina provengono da analisi e dati di mercato IDC. Per il terzo trimestre consecutivo gli smartphone sono in decrescita: l’ultimo dato parla di un -1,4%. E si tratta di dati globali, in cui alcuni mercati, come quello indiano e quello dei paesi emergenti, è ancora positivo. Se per esempio prendessimo come riferimento la Cina, vedremmo una decrescita al -3,6%. Gli analisti prevedono un cambio di tendenza con l’arrivo del 5G, ma la sostanza cambia di poco: nel 2019 la produzione di smartphone è pari a 1,37 miliardi, nel 2023 sarà di 1,48 miliardi, con un tasso di crescita anno su anno del 1,1%. Insomma, il mercato degli smartphone non scomparirà, ma ormai è un mercato maturo, senza nessun sbocco di crescita.

Se ripercorriamo gli ultimi 30 anni, si vede che è un trend costante: la decade 2000-2010 sarà ricordata (anche) per il sorpasso dei notebook a discapito dei desktop, quella 2010-2020 ha segnato il sorpasso di smartphone e tablet su notebook e desktop. Insomma, dispositivi sempre più piccoli, portatili e personali. Ma se ci pensate bene, cosa rende unico (e insostituibile) il vostro smartphone? I vostri contatti, le vostre foto, le vostre app. Insomma i vostri dati.

In un mondo orientato sempre più al cloud, in cui contenuto e contenitore sono slegati, cosa impedirebbe di avere non più un unico dispositivo personale, ma tanti (e tutti intelligenti)? Sto pensando ai wearable, di cui gli smartwatch sono solo un esempio. È un mercato davvero in esplosione, tanto che gli analisti sono costretti ad aggiornare, costantemente al rialzo, le previsioni. Quello dei wearable è oggi un mercato di “soli” 223 milioni di pezzi, ma nel 2023 crescerà a 302 milioni (con una crescita anno su anno al +7,9%). E l’80% sarà rappresentato da smartwatch e hearable (ovvero tutti i dispositivi “indossabili” nelle e sulle orecchie, traducibili in italiano come “cuffie smart”). Se ci pensate bene, già oggi lo smartphone durante le telefonate fa solo da ponte con gli auricolari. Cosa ci impedirebbe, in un futuro prossimo, di usare per telefonare solo delle cuffie smart, dotate di eSim e 5G?

Ma la forza dirompente dei wearable non è quella di distribuire funzioni che già adesso possiamo svolgere con lo smartphone, ma quella di aggiungere nuove funzionalità. Per esempio, potremmo parlare nella nostra lingua con persone straniere, avendo entrambi una traduzione real time con i nostri hearable. Un altro esempio, molto meno futuristico e molto più reale (e l’articolo dedicato agli smartwatch questo mese ve lo mostrerà) è quello dedicato al wellness e all’healthcare. Già oggi raccolgono molti dati: quanto ci muoviamo, quanto dormiamo, come sta il nostro cuore. Anche in questo caso, funzioni impossibili da ottenere con uno smartphone.

Se ancora non vi avessi convinto che il mercato del futuro non è quello degli smartphone, ma dei wearable, potrei ricordarvi che Google ha da poco acquisito Fitbit per 2,1 miliardi di dollari e che il prossimo anno arriveranno sul mercato i Pixel Buds (le cuffie smart firmate big G). Così come potrei ricordarvi che il Ceo di Apple, Tim Cook, ha definito i risultati dei wearable della mela morsicata come “esplosivi”, con un incremento anno su anno del 50%. Insomma, gli smartphone sono in salute ma intravedono un meteorite all’orizzonte. E sono i wearable.

PCProfessionale © riproduzione riservata.