Quali sono i programmi gratuiti (freeware o open source) che consigliereste ai vostri amici? Scrivete un’approfondita recensione per vincere.

Eccoci a un’altra gara di abilità . Questa volta vi sfidiamo sul terreno del giornalismo informatico puro. Su questo numero potete leggere un articolo con le recensioni dei freeware che la redazione ha reputato più interessanti per i nostri lettori.

Ma li abbiamo citati tutti? Qual è il programma che non è stato segnalato ma che secondo voi è il migliore in assoluto, che consigliereste ai vostri amici e che non manca mai sul vostro computer?

Scrivete una recensione, in  buon italiano, indicando i sistemi operativi supportati, quale compito svolge, i punti di forza e di debolezza (se ci sono). Segnalate un link tramite il quale scaricare l’applicativo e arricchite il tutto con la schermata nella quale è rappresentata una funzione importante del software.

La redazione sceglierà  i migliori post in base a tre caratteristiche: l’originalità  dell’applicativo, il livello di approfondimento della recensione e, chiaramente, la qualità  della scrittura. A chi avrà  inviato il post più votato dalla redazione invieremo un sistema di sicurezza Sitecom, composto dalla videocamera wireless 150N e dal modem router wireless 300N. Ad altri cinque lettori selezionati dalla redazione per la qualità  dei post invieremo i codici di attivazione della versione Premium di Evernote 4 (validità  un anno).

Inviate un post per ogni software che volete recensire.

Potrete postare i vostri articoli sino alla mezzanotte del 5 giugno.

Buon lavoro.

Ecco i premi

La telecamera Wireless Internet Security Camera 150N rappresenta il prodotto ideale per il controllo di vari spazi a casa (camera da letto dei bambini, soggiorno, ecc.) o in ufficio (area della reception, magazzino, ecc.) sfruttando i benefici della tecnologia senza fili. Collegando la telecamera IP alla rete wireless, sarà  possibile accedere alle immagini riprese in diretta dalla telecamera da qualsiasi PC o notebook collegato tramite la rete Intranet o Internet. La telecamera permette di sorvegliare qualunque locale della propria abitazione o dell’ufficio, in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo.

Specifiche tecniche
Protocolli network: TCP/IP, DHCP, SMTP, NTP, HTTP, FTP, NTP, RTP, RTSP.  Interfaccia network: connessione cablata via Ethernet 10/100 BaseT (RJ45), connessione wireless T1R basata sullo standard 802.11n. Due Led – Lente: lente a fuoco fisso con apertura f2.8mm.  Risoluzioni supportate: 640×480 (Vga); 320×240 (Qvga); 160×120 (Qqvga).  Video streaming: MPEG4; MJPEG

Giusto compendio alla Wireless Internet Security Camera 150N è il Wireless Modem Router 300N X2, con cui configurare una rete wireless e condividere connessione Internet a banda larga, file e periferiche. Grazie al modem ADSL integrato si può collegare il modem router (compatibile con tutti i provider di servizi Internet) direttamente alla linea ADSL. Il 300N X2 permette la copertura su due piani con velocità  wireless fino a 300 Mbps.

Specifiche tecniche
Automatic Firmware update: scarica automaticamente e installa il nuovo firmware appena è disponibile. Protocollo wireless 802.11 b+g+n. Velocità  wireless di 300 Mbps 802.3u 802.3i. Sicurezza: WEP 64 & 128 bit, WPA-TKIP, WPA-AES, WPA2, WPA-Radius Due antenne interne. Compatibilità  con Universal Plug & Play (UPnP) per la condivisione dei contenuti digitali

Evernote 4 è il software multipiattaforma che permette di realizzare un archivio di note digitali contenenti appunti scritti con l’editor integrato, immagini, ritagli di pagine Web. Evernote mette a disposizione una varietà  di strumenti tra cui un tool per la cattura di schermate e pulsanti di “Web clipping”, disponibili per i principali browser, che facilitano la cattura delle pagine Web o di una loro porzione. I Pdf inseriti nelle note possono essere aperti con un doppio clic in Adobe Reader oppure sfogliati direttamente all’interno di Evernote (per maggiori informazioni clicca qui per scaricare l’articolo che abbiamo pubblicato sul numero di febbraio 2011).

La versione a Premium a pagamento, che regaliamo, si differenzia da quella gratuita perché aumenta la tua capacità  di upload mensile a 1 Gbyte, per consentire di archiviare foto ad alta risoluzione, grandi quantità  di file e migliaia di note di testo e ritagli Web, permette di allegare alle note file di ogni tipo, anche documenti Microsoft Office o video, e offre strumenti di collaborazione avanzata.

CONDIVIDI
  • ilmaurino

    Tor
    L’overview del sito ufficiale del Progetto Tor recita: “Tor è una rete di tunnel virtuali che permette alle persone e ai gruppi di incrementare la loro privacy e sicurezza su Internet“.
    Si tratta di una suite di applicazioni (di remota origine militare) di protezione della privacy personale, che amministra, in modo totalmente trasparente, il reinstradamento e la cifratura del traffico dati in rete, e con una efficienza tale che perfino l’ISP non saprà quali siti l’utente sta visitando. La protezione non copre solo il surfing su web, ma si estende a tutte le applicazioni costruite sul protocollo TCP tipo chat, login remoto, ecc.          
    Il principio di funzionamento di Tor è semplice: nella sostanza Tor costruisce, nella grande rete, una sottorete di sever anonimi, chiamati relay, gestiti da volontari in vari paesi nel mondo, che si interpongono tra la macchina chiamante e il sito (o il servizio) chiamato, consentendo il flusso di dati, ma cancellando, ad ogni passaggio, gli elementi di identificazione del chiamante, in modo che il server remoto veda un indirizzo IP che non è quello reale, ma l’ultimo della catena
    creata da Tor. In più i relay dopo un certo tempo, tipicamente 10 minuti, cambiano itinerario, riducendo ancora di più le possibilità di identificazione. 
    Le applicazioni della suite:
    TorButton: componente aggiuntivo per Firefox, rende elementare l’uso di Tor. Una volta installato è sufficiente un click per cominciare a navigare in modo  anonimo (occorre avere Vidalia installato).
    Tor Browser Bundle: la soluzione più comoda, rapida e semplice per l’utente medio. Si tratta di un pacchetto completo, totalmente portabile, contenente Vidalia e una versione modificata di Firefox. Lo si estrae in una sottodirectory qualunque (anche su chiavetta USB) e si lancia il file Start Tor Browser.exe.
    Vidalia: interfaccia grafica e centro di controllo di Tor. La visualizzazione delle rete Tor su un planisfero è particolarmente suggestiva. 
    Arm: Tor a linea di comando. Fornisce informazioni sullo stato delle risorse di Tor. Solo per esperti.
    Orbot: progetto per portare Tor sui dispositivi mobili che usano Android.
    Tails: distribuzione live preconfigurata da masterizzare (o installare su  chiavetta USB) per non lasciare tracce nel sistema che usiamo abitualmente.
    TorStatus: un portale che fornisce dati di stato sul nostro uso di Tor.
    Metrics Portal: un portale in cui si possono consultare statistiche dettagliate (grafici compresi) sulla condizione della rete Tor.
    Per chi lo desidera, inoltre, è possibile pubblicare siti web o offrire servizi remoti, accessibili solo da Tor, in modo completamente anonimo, nascondendo il proprio IP, e quindi la locazione geografica del sito. Per poterlo fare occorre:
    1) Installare Tor.
    2) Installare un web server locale.
    3) Attivare i servizi nascosti (hidden services) di Tor.  
    Il progetto Tor, disponibile per Windows, Mac, Linux/BSD/Unix, Android, Maemo/N900 è supportato
    da una community di volontari, ma una piccola donazione è sempre bene accetta.
    PRO
    – Il livello di protezione della propria identità è il più alto che si possa sperare di avere oggi.
    – Permette di cambiare identità ogni volta che lo si desidera.
    – Prestazioni generali più che accettabili per la maggior parte del tempo.
    – Ottimo livello di integrazione del TorButton dentro Firefox.
    – Così semplice che può essere usato anche dall’ultimo dei principianti.
    – Open source : i sorgenti sono liberamente scaricabili e modificabili.
    – Lascia la libertà di usare anche altri browser e navigare in maniera non anonima.
    – Lo spirito del progetto spinge gli utenti sia a farsi carico della propria privacy, sia ad essere sensibili alla privacy degli altri. Esempio: è possibile configurare la propria macchina come bridge (ponte) per permettere l’accesso alla rete ad altri utenti i cui ISP tentano di bloccare la connessione ai relay di Tor.
    CONTRO
    – A tratti la connessione può rallentare. Se poi, in un dato momento, i server disponibili sono pochi o sovraffollati (accade raramente!), la lentezza potrebbe diventare esasperante.
    – Il browser integrato in “Tor Browser Bundle” è una versione modificata di Firefox e, per ovvi motivi, non è mai l’ultima disponibile. Idem per il TorButton, che può non essere compatibile con l’ultimissima versione di Firefox.
    – L’accesso ai servizi remoti che usiamo abitualmente può riservare sgradevoli sorprese. Un esempio: tipicamente alcuni servizi Web2.0 (Facebook, per esempio) usano la localizzazione geografica dell’IP dell’utente; se io accedo al servizio attraverso Tor, essendo l’ultimo IP della catena anonima quello che conta, il servizio mi può restituire una pagina localizzata in una qualche lingua straniera.
    – Il server remoto di un servizio al quale abitualmente accedo attraverso il mio IP, se raggiunto attraverso Tor, potrebbe reagire considerando l’accesso un tentativo di intrusione illegale e ri-chiedermi i dati del mio account per verifica. Inoltre svariati system administrator conoscono Tor e tentano palesemente di impedirne l’uso.
    – Il livello di protezione è certamente altissimo, ma nessuno potrà mai darci la certezza assoluta che uno dei nodi della catena anonima (in particolare l’ultimo) non appartenga a qualche curiosone che tenta di capire chi sta facendo che cosa….
    LINK
    – La homepage: https://www.torproject.org/index.html.en
    – Pagina del download: https://www.torproject.org/download/download.html
    – Il download diretto di Tor Browser Bundle(in italiano):
    https://www.torproject.org/dist/torbrowser/tor-browser-1.3.24_it.exe
    – Configurare servizi nascosti: https://www.torproject.org/docs/tor-hidden-service.html.en
    È compreso un esempio di sito anonimo (in inglese).
    – Una buona guida (in italiano): http://proxoit.altervista.org/tor/tor-vidalia.html

  • ilmaurino

    Precision Helper
    Potente software gratuito di assistenza alla creazione di help con organizzazione di file HTML, XML, immagini e script, prodotto da una piccola e aggressiva start-up della Repubblica Ceca: la Precision Software & Consulting.
    Sostanzialmente è un clone gratuito di alcuni programmi commerciali, in particolare dell’eccellente (e costoso!) prodotto di help authoring Help&Manual.
    Pensato principalmente per gli sviluppatori che vogliono completare il frutto delle loro fatiche con un sistema di help in linea, è ottimo anche per i redattori di documenti complessi (manuali tecnici, tutorial, guide ipertestuali, anche da pubblicare sul web) partendo da pagine singole in HTML e CSS, per produrre i seguenti formati in uscita: 
    *.CHM: i tipici file di help in linea dei programmi Windows.
    WebHelp: tutto il progetto integrato in un template, pronto per essere immediatamente
    pubblicato su un sito web.
    ePUB:  diffusissimo formato e-book.
    Single HTML doc: tutto il progetto in un singolo file HTML.
    Adobe PDF: Purtroppo il formato non è supportato in modo nativo, come invece era
    stato annunciato alcuni mesi fa: occorre salvare il progetto in un singolo file HTML e poi usare una delle tante stampanti virtuali in circolazione per convertirlo (per esempio PrimoPDF).
    Precision Helper si appoggia, per la compilazione, alla risorsa gratuita Html Help Workshop di Microsoft (compilatore hhc.exe e libreria standard hha.dll in \Windows\System32), ma supporta qualunque altro compilatore con la stessa interfaccia di programmazione.
    Lo spazio di lavoro è diviso in 3 aree ben organizzate :
    * A sinistra: area di navigazione, suddivisa a sua volta in 6 sotto-aree:
    – Tabella dei contenuti.
    – Indice delle parole chiave.
    – Identificatori di contesto.
    – File inclusi nel progetto.
    – Settaggi generici.
    – Lista dei progetti correnti.
    – Lista dei progetti già compilati.
    * Al centro: il suo contenuto varia contestualmente all’area di navigazione.
    Nel lavoro quotidiano questo spazio sarà dedicato prevalentemente allo sviluppo del singolo argomento (il topic). Qui troviamo anche un ottimo editor di codice sorgente con evidenziazione della sintassi.      
    * A destra: strumenti di supporto allo sviluppo:
    – Help in linea sensibile al contesto.
    – Potente funzione di ricerca testuale nei topic del progetto.
    – Object inspector (mostra i dati del topic visualizzato).
    – File di log.
    Alcuni dei plus di Precision Helper:
    – Può creare un progetto nuovo anche da un file *.CHM già esistente.
    – Supporta l’uso di template e ne comprende alcuni molto semplici.
    РDentro il suo ambiente il drag and drop ̬ pienamente supportato.
    – Un quick launcher configurabile per lanciare rapidamente azioni e progetti preferiti.
    – Un visualizzatore di file *.CHM.
    PRO
    РResta fedele al suo nome: ̬ molto preciso nella gestione delle risorse.
    – Interfaccia chiara, pulita, elegantissima, con 15 temi disponibili e toolbar configurabile.
    – È possibile estendere l’applicazione attraverso add-on. Per il momento quelli disponibili sono ancora pochi (6 nel momento in cui scrivo), ma la strada è tracciata… 
    – Un sistema di help in linea esaustivo, redatto in modo molto elegante (con Precision Helper stesso, ovviamente), purtroppo solo in inglese.
    CONTRO
    – Il limite principale che marca la distanza tra questo tool e i principali prodotti
    commerciali è la totale mancanza di un editor visuale di topic e di immagini, parzialmente colmata dalla semplicità con cui Precision Helper permette di usare gli editor esterni.
    – E’ disponibile in 6 lingue tra cui, purtroppo, non l’italiano, ma la software house è in trattative con vari traduttori, quindi è lecito aspettarsi a breve la soluzione del problema.
    – Sarebbe apprezzato qualche formato in uscita in più rispetto a quelli supportati
    (per esempio il PDF in modo nativo), ma, anche in questo caso, gli autori fanno sapere che, a breve, ci sarà qualche novità (intervista al capo progetto Roman Macura
    qui http://www.oemenema.tk/publisher/precision_software_and_consulting).
    LINK
    – Homepage: http://www.be-precision.com/products/precision-helper/
    – Download diretto: http://www.be-precision.com/download/download_file.php?filename=PrecisionHelperSetup.exe
    – Help in linea: http://www.be-precision.com/products/precision-helper/webhelp.php