Arriva la Consumer Preview di Windows 10

Una versione preliminare di Windows 10 specifica per il mercato consumer verrà  rilasciata la prossima settimana. Come la Technical Preview dello scorso ottobre, indirizzata invece ai professionisti IT, potrà  essere scaricata da tutti i partecipanti al programma Windows Insider (l’iscrizione è gratuita: richiede solo un Microsoft Account e può essere fatta qui).

win10_xbox_devices_Print

La Consumer Preview porterà  con sé parecchie novità , ma non tutte saranno presenti nella prima build: alcune arriveranno, afferma Microsoft, “nel corso dei prossimi mesi”. Il che significa che la versione definitiva del sistema operativo probabilmente si farà  attendere per un po’: Microsoft ancora non ha segnalato una data, ma le previsioni che indicavano il prossimo aprile sono senza dubbio troppo ottimistiche: l’uscita ad ottobre, in tempo per la stagione degli acquisti natalizi, ci sembra invece fattibile. In compenso c’è già  un’informazione importante sul prezzo: per i primi 12 mesi l’upgrade a Windows 10 sarà  gratuito non solo per gli utenti di Windows 8 e 8.1, ma anche per quelli di Windows 7.

E veniamo alle funzioni, partendo da quella più attesa: il menu Start. Già  si sapeva non solo che in Windows 10 questo elemento sarebbe stato ripristinato, ma anche che avrebbe ospitato anche le Live Tile (i riquadri animati dello Start screen).

win10_windows_startscreen piccolo

Lo Start Menu della Consumer Preview potrà  essere espanso a pieno schermo, per dar maggiore spazio alle Live Tile, come potete vedere qui sotto:

win10_windows_startscreen largo

La Barra degli accessi (Charms Bar) di Windows 8 sarà  rimpiazzata da una nuova barra laterale che ne espanderà  le funzioni e servirà  anche da centro notifiche per le applicazioni.

Un’altra novità  che farà  qui il suo esordio è la modalità  Continuum, studiata per i possessori di dispositivi “convertibili”, che faciliterà  il passaggio dalla modalità  di lavoro tradizionale – orientata all’uso di mouse e tastiera – a quella touch.

La Consumer Preview conterrà  poi Cortana, l’assistente vocale intelligente che prende il nome da un personaggio della serie Halo di videogiochi per Xbox. Inizialmente supporterà  sette lingue (tra cui probabilmente anche l’italiano), che diventeranno 15 nella release definitiva.

Cortana

Nella prima incarnazione della Consumer Preview non sarà  invece presente Spartan, il browser che prenderà  il posto di Internet Explorer.

win10_windows_spartan

Spartan avrà  un aspetto diverso dal suo predecessore, un nuovo motore di rendering, una modalità  di lettura offline (le pagine marcate come “da leggere” saranno scaricate in locale) e permetterà  di annotare le pagine Web e di condividerle con altri utenti.

Spartan sarà  un’Universal App, ovvero un’App in grado di girare su tutti i dispositivi Windows: non solo sui tradizionali Pc ma anche sugli smartphone e i tablet di piccole dimensioni (quelli con schermo inferiore a 8″). Windows 10 sarà  disponibile infatti anche per i device di questo tipo, e la Technical Preview di Windows 10 for Phones verrà  rilasciata a febbraio. Questa edizione di Windows integrerà  anche alcune altre Universal App gratuite, in particolare Word, Excel e PowerPoint.

L’arrivo di Windows 10 per gli smartphone e i piccoli tablet suona come una campana a morto per Windows RT: il nuovo sistema operativo non uscirà  per questa piattaforma, anche se Microsoft, per non abbandonare del tutto chi ha acquistato il Surface RT e i pochi altri prodotti dello stesso tipo, sta lavorando a un aggiornamento che dovrebbe incorporare almeno alcune delle novità  di Windows 10.

Per quanto riguarda l’uso di Windows come piattaforma di gaming, bisogna segnalare innanzitutto l’arrivo di DirectX12, che promette un passo in avanti significativo in termini di velocità  e capacità  grafiche. I possessori di una Xbox potranno poi giocare direttamente sul loro Pc i giochi della console, grazie a un meccanismo di streaming locale.

Durante l’evento di presentazione della Consumer Preview, di cui potete vedere la replica in streaming  a questo indirizzo (o a questo, se preferite una sintesi di pochi minuti con i momenti salienti), Microsoft ha anche alzato il velo su un progetto segreto che portava avanti da cinque anni: Windows Holographic.

win10_holoLens

Si tratta di una piattaforma di realtà  aumentata basata sugli ologrammi: grazie agli occhiali speciali Microsoft Hololens, l’utente può sovrapporre al proprio campo visivo oggetti 3D ed elementi di interfaccia utente generati da applicazioni Windows 10, e interagire con essi. Per supportare Holographic Microsoft ha creato il tool di modellazione HoloStudio, che permette di creare, usando gesti delle mani, oggetti 3D virtuali da integrare poi in un’applicazione software o stampare con una stampante 3D. Le potenzialità  di Windows Holographic sono impossibili da descrivere in poche parole; per averne un’idea vale davvero la pena guardare il video dell’evento (la parte relativa a Holographic inizia all’ora 1:37) oppure questo demo pubblicato da Microsoft su YouTube:

http://youtu.be/aThCr0PsyuA

 

PCProfessionale © riproduzione riservata.