Analogue Duo console

Analogue Duo, il ritorno del PC Engine (in Full HD)

Analogue presenta il suo nuovo “omaggio” videoludico alle console che furono. Duo ripropone una delle piattaforme più misconosciute degli anni ’80. Un classico ricreato e pienamente compatibile con l’audiovisivo moderno.

Il PC Engine (o Turbografx-16 com’è conosciuto negli Stati Uniti) è una delle console meno note della storia dei videogiochi. Una piattaforma uscita negli anni ’80, che ha dovuto subire la schiacciante concorrenza dei colossi di settore e che ora viene (giustamente) celebrata da chi detiene il marchio (Konami) o da riproposizioni di terze parti come quella di Analogue.

Konami ha già commercializzato una variante Mini della storica console nipponica, e ora tocca alla corporation specializzata in riproposizioni moderne delle macchine classiche dire la sua sulla questione. Analogue Duo non è un banale scatolotto che emula il PC Engine su chipset mobile come il succitato PC Engine Core Grafx Mini, ma piuttosto un dispositivo in grado di ricreare i più minuti circuiti operativi della console originale e di rendere tale console compatibile con l’ecosistema audiovisivo moderno.

Analogue Duo

Analogue Duo sfrutta la programmabilità del chip FPGA Altera Cyclone V per garantire una compatibilità “assoluta” con tutti i giochi usciti per le diverse incarnazioni della piattaforma PC Engine. Gli appassionati possono avere la certezza che le loro cartucce e i loro CD-ROM per TurboGrafx-16, PC Engine, SuperGrafx, TurboGrafx CD, PC Engine CD-ROM² e Super Arcade CD-ROM² gireranno su Analogue Duo come farebbero sulle console originali.

In più, Analogue Duo include un’uscita HDMI in grado di fornire un segnale video in Full HD (o anche 720p/480p) “privo di lag”, sia NTSC che PAL, audio 48Hz a 16-bit, porte USB, Bluetooth ma anche una porta per usare i controller dell’epoca. Inclusi nella confezione ci saranno un gamepad wireless prodotto da 8BitDo, un cavo HDMI e uno USB per l’alimentazione.

Analogue Duo uscirà nel 2021 “in quantità limitate”, al prezzo decisamente accessibile di $200. Per chi invece considera il costo esagerato, in rete è ancora possibile acquistare un’esemplare di PC Engine Mini al costo di €100 circa. Una riproposizione piuttosto mediocre (ma con tanti giochi integrati) per una piattaforma che meriterebbe di essere ricordata con maggiore considerazione rispetto ai soliti Mega Drive o Super Nintendo.

PCProfessionale © riproduzione riservata.