YouTube Gaming

YouTube pensiona la app Gaming

Il colosso del video sharing ha comunicato l’intenzione di abbandonare la app dedicata al Gaming, un settore che ora rappresenta una prospettiva troppo importante per relegarla a un canale separato rispetto a quello principale.

A partire da domani 30 maggio 2019, YouTube Gaming cesserà di funzionare sui gadget mobile. Il portale di condivisione video di Google/Alphabet ha riaffermato il proprio impegno nell’ambito dei contenuti videoludici, ma la loro fruizione non sarà più confinata a una app dedicata e separata da quella principale.

La decisione di YouTube arriva a confermare il sostanziale insuccesso del canale Gaming, una piattaforma lanciata nel 2015 e pensata come strumento per mettere in evidenza i “creatori” di contenuti a base di videogiochi che non ha però mai raggiunto l’obiettivo sperato. Alla fine, YouTube Gaming si è invece trasformato in un canale in cui era più difficile farsi trovare dagli utenti finali piuttosto che il contrario.

Google ha già rimosso YouTube Gaming dallo store Play, e ora la app verrà definitivamente “spenta” anche per chi l’aveva già scaricata e installata sul proprio dispositivo Android. L’operazione non dovrebbe portare complicazioni particolari, anticipa Google, mentre gli utenti interessati potranno trasferire le sottoscrizioni presenti su Gaming alla app YouTube principale.

In maniera solo apparentemente paradossale, la conclusione dell’avventura di YouTube Gaming non rappresenta la fine dell’interesse di Google per il settore videoludico ma piuttosto l’esatto contrario: il colosso di Mountain View ha deciso di investire un gran mucchio di quattrini nel business con lo streaming di Stadia, sistema che adopererà YouTube come un cavallo di troia con cui invogliare gli utenti all’uso della piattaforma.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Ha avuto il suo incontro fatale con la tecnologia negli anni '80, prima con i giochi arcade e poi con l'Intellivision di Mattel, e da allora la passione è andata solo aumentando. Quando non passa il proprio tempo a consumare notizie sull'attualità informatica ama leggere (su carta), scrivere, fotografare e collezionare vecchi libri sui sistemi operativi obsoleti.