Boxx Apexx 4 sotto test con Nvidia Iray

0
4415

In questo momento stiamo provando una workstation Boxx Apexx 4 realizzata appositamente per un confronto con i sistemi Nvidia VCA (Visual Computing Appliance). Potrete leggere le prove della Apexx 4, dei processori Xeon e degli acceleratori Quadro sui prossimi numeri di PC Professionale.
La configurazione include due processori Intel Xeon E5-2690 v4 di ultima generazione; ogni processore è dotato di 14 core fisici che fornisco alla Apexx 4 un totale di 28 core fisici con la possibilità  di gestire fino a 56 thread in simultanea attraverso l’utilizzo della tecnologia Hyper-Threading di Intel. Per mantenere i processori all’interno dei parametri di temperatura corretti anche quando la potenza di calcolo della workstation è sfruttata al massimo è presente un sistema di raffreddamento a liquido che prevede un circuito dedicato per ogni processore.

 

Le immagini sono relative alla workstation che stiamo provando ed è possibile vedere i sistemi di raffreddamento a liquido dedicati ai processori, così come i tre acceleratori Nvidia posizionati uno a fianco all’altro. A dispetto della densità  dei componenti installati e della loro potenza di calcolo, la soluzione Apexx 4 è estremamente silenziosa per essere una workstation di questo calibro.

Intel_Xeon
I nuovi Intel Xeon E5-2690 v4 utilizzano l’architettura Intel Broadwell-EP, sono dotati di 14 core fisici e di 35 Mbyte di cache Intel Smart.
Quadro_M6000_F
L’acceleratore Nvidia Quadro M6000 basato sull’architettura Maxwell 2 e in questo caso equipaggiato con 12 Gbyte di memoria locale.

A fianco degli Xeon sono presenti 3 acceleratori Nvidia Quadro M6000, ciascuno dei quali è equipaggiato con 12 Gbyte di memoria. Per permettere ai processori Xeon e agli acceleratori Quadro di operare in modo ottimale anche su progetti di grande scala, sono presenti 128 Gbyte di memoria di sistema.

Se vi state chiedendo quanto consuma un sistema di questo tipo, eccovi accontentati: a pieno carico, ovvero con processori Xeon E5-2690 v4 e acceleratori Quadro M6000 occupati al 100% – questa workstation consuma circa 920 watt.

Al momento ci stiamo concentrando sui test che sfruttano la tecnologia Nvidia Iray che è stata sviluppata per il rendering a base fisica e che è in grado di generare immagini fotorealistiche simulando il comportamento fisico delle luci e dei materiali. A differenza dei tradizionali renderer di produzione, Iray offre risultati che rispecchiano i comportamenti del mondo reale.

PCProfessionale © riproduzione riservata.