Logitech G910 Orion Spectrum

Senza dubbio la Logitech G910 Orion Spectrum è la tastiera con il design più particolare e più imponente di questa prova. La scocca molto ampia non ha solo una funzione estetica, ma serve anche a fornire lo spazio necessario per ospitare i tasti e i controlli aggiuntivi che sono dedicati alla gestione delle funzioni multimediali, ma soprattutto alla programmazione e all’utilizzo delle macro. La G910 Orion Spectrum è, insieme alla Asus Strix Tactic Pro, dotata di numerosi tasti programmabili dedicati alle macro e dislocati attorno alla zona della mano sinistra e al blocco dei tasti WASD ampiamente utilizzati nei videogiochi.

La zona sinistra della tastiera offre numerosi tasti funzione programmabili.

La scocca è realizzata in materiale plastico di elevata qualità, tanto da non far rimpiangere l’utilizzo del metallo per conferire solidità al prodotto. Il poggipolsi è integrato e non rimovibile; non è di grosse dimensioni e ha una forma irregolare, ma nell’utilizzo pratico è risultato sufficientemente comodo durante un utilizzo intenso e prolungato della tastiera. Alla base della G910 Orion Spectrum troviamo i tasti proprietari Roamer-G che Logitech ha sviluppato in modo specifico per un prodotto destinato al mondo dei giocatori. La costruzione dei tasti Roamer-G è simile a quelle degli altri tasti meccanici, mentre il feeling durante l’utilizzo della tastiera è molto diverso. Anche con i piedini alzati, il piano di battitura dei tasti risulta piuttosto piatto. Al tocco, il cappuccio dei tasti appare più ampio della media e nella nostra prova l’abbiamo trovato poco confortevole per la scrittura. Detto ciò, però, la Orion Spectrum è risultata molto buona per giocare e quindi per un utilizzo dove le mani spostano poco e i tasti da battere sono in numero più limitato rispetto a quando la si utilizza per scrivere.

La G910 Orion Spectrum permette di salvare profili all’interno dei quali ogni tasto può essere programmato secondo le proprie esigenze. Offre anche numerosi tasti macro.

I tasti programmabili per le macro e per e funzioni avanzate sono nove: cinque sono dislocati in una fila verticale sul lato sinistro della tastiera, mentre gli altri quattro sono posti in una fila sopra ai prima quattro tasti funzioni standard. Nell’angolo sinistro in alto della tastiera sono presenti altri quattro piccoli tasti che servono per passare in modo rapido da un profilo utente ad un altro e per attivare la registrazione in tempo reale delle macro. Ancora, nell’angolo in alto
a destra della tastiera, sono presenti i tasti dedicati ai contenuti multimediali e il controllo a rotella per il volume audio.
Nella parte centrale in alto della tastiera sono presenti, infine, due piccoli tasti che servono per attivare e disattivare l’illuminazione della tastiera e per entrare e uscire dalla modalità gioco (quando attiva alcuni tasti possono essere disabilitati). Sempre in questa zona della tastiera è presente anche un supporto estraibile per smartphone o tablet; oltre ad avere il vostro dispositivo sott’occhio potete anche installare l’app controllo di Logitech che si connette alla tastiera via wireless.

Dal software di controllo è possibile selezionare l’effetto luminoso per la tastiera, oppure impostare una griglia con colori specifici per i principali tasti utilizzati.

Per poter configurare una tastiera dotata di così tante opzioni è necessario un software altrettanto completo. Il pannello di controllo Logitech, sebbene richieda qualche minuto per riuscire ad orientarsi, offre tutto quello di cui avete bisogno. Il pannello di controllo è ripartito in quattro sezioni principali che permettono di selezionare memorizzare
le impostazioni all’interno del profilo selezionato: una è dedicata all’assegnazione delle combinazioni di comandi ai tasti dedicati alle macro; la seconda permette di selezionare i tasti che devono risultare inattivi nel momento in cui si decide di attivare la modalità di gioco, in modo da evitare di inviare inavvertitamente comandi al sistema operativo come ad esempio la richiesta di ritorno alla scrivania con la conseguente riduzione a icona dell’applicazione attiva a pieno schermo. La terza sezione permette di impostare il colore e gli effetti dei led della tastiera, con la possibilità di assegnare colori diversi per ogni singolo tasto. L’ultima sezione è dedicata all’analisi dei tasti utilizzati più di frequente per avere una statistica di utilizzo per apportare modifiche alla configurazione e ottimizzare ulteriormente la posizione dei comandi. Come le altre tastiere più evolute, anche la G910 Orion Spectrum permette la registrazione in tempo reale delle macro e la loro ottimizzazione attraverso il pannello di controllo.

Il prezzo su strada non è popolare e consigliamo questa tastiera solo per un utilizzo gaming.

PRO Possibilità di impostare il colore per ogni tasto / Supporto macro avanzato / Numerosi tasti funzione aggiuntivi

CONTRO Poco indicata per la scrittura

Torna alla comparativa

PCProfessionale © riproduzione riservata.