Silenziosa, fredda, con overclock: iChill GTX 960 Ultra

La scheda grafica Ultra di Inno3D è stato pensato per budget ristretti, ma per chi cerca anche elevate prestazioni.

A qualche mese di distanza dal lancio ufficiale, i prodotti GeForce GTX 960 sono ampiamente disponibili e rappresentano la soluzione d’ingresso per i videogiocatori che vogliono dotarsi di una scheda grafica con architettura Nvidia Maxwell con un budget di circa 250 euro.

Dopo l’annuncio della Titan X – della quale potete leggere la recensione in questo stesso numero – la GeForce GTX 960 è il quarto modello in ordine di prestazioni all’interno dell’offerta Nvidia, preceduta proprio dalla nuova top di gamma, dalla GeForce GTX 980 e dalla GTX 970. Il panorama sembra però destinato a cambiare ulteriormente nel corso delle prossime settimane: secondo fonti ufficiose sarebbe in arrivo una GeForce GTX 980 Ti, basata sulla stessa Gpu impiegata sul modello Titan X.

Lasciando da parte i modelli di fascia più alta, il segmento di fascia media è presidiato dall’ampio parco di modelli che i partner dell’azienda californiana hanno sviluppato a partire dalle caratteristiche di base della GeForce GTX 960. Sono infatti pochissimi i modelli che rispecchiano le specifiche di riferimento, come ad esempio il modello Ultra della linea iChill di Inno3D.

Il lato posteriore della scheda presenta una placca metallica che funge da protezione  e da supporto per il dissipatore frontale; questo, infatti, sporge in lunghezza rispetto al pcb.
Il lato posteriore della scheda presenta una placca metallica che funge da protezione
e da supporto per il dissipatore frontale; questo, infatti, sporge in lunghezza rispetto al pcb.

Basate sul processore grafico GM206-300 – un silicio differente da quello dei modelli superiori – le schede GeForce GTX 960 presentano un’architettura Maxwell ridotta. I blocchi Gpc (Graphics Processing Cluster) sono due per un totale di otto moduli SMM (Maxwell Streaming Multiprocessor) e 1.024 Cuda Core.

Inno3D_4

Questi dati derivano direttamente dalla struttura dei moduli SMM, ciascuno dei quali integra al suo interno 128 Cuda Core, un PolyMorph Engine 3.0, quattro warp scheduler, 32 unità  di Load/store, 32 unità  per funzioni speciali, otto unità  di texture, una struttura di cache dedicata e l’accesso alla cache condivisa della Gpu.

Uno dei principali punti di forza dell’architettura Maxwell consiste nell’ottimo rapporto tra consumi energetici e prestazioni. Questa caratteristica permette da un lato di realizzare schede molto silenziose quando si rispettano le frequenze operative standard, ma anche di progettare schede equipaggiate con sistemi di raffreddamento evoluti sono in grado di sfruttare le potenzialità  di overclock della Gpu GM206-300.
Il modello Ichill GTX 960 Ultra vanta una frequenza operativa base di 1.329 MHz per la Gpu che in modalità  Gpu Boost sale fino alla frequenza massima di 1.393 MHz. Un rapido raffronto con i valori standard mostra un incremento impostato in fabbrica rispettivamente di 203 MHz e di 215 MHz. Anche sul fronte della memoria la frequenza equivalente è superiore a quella di specifica e pari a 7.200 MHz.

Grazie al grande dissipatore e alle caratteristiche della Gpu, la scheda rimane a ventole spente tranne nelle situazioni di maggiore carico.

Inno3d Caratteristiche

La prova

Inno3d prestazioniPer quanto riguarda le prestazioni, la GeForce GTX 960 è indirizzata alle configurazioni di gioco affiancata da un monitor con risoluzione di 1.920 x 1.080 pixel. Questa è la soglia oltre la quale si osserva un repentino calo di prestazioni con i videogiochi più moderni o quando si impostano livelli alti per i filtri di qualità  dell’immagine. In queste situazioni, l’incremento delle frequenze operative ha un impatto limitato e si osservano incrementi limitati a pochi fotogrammi al secondo rispetto ai modelli standard.

Nei test FireStrike del 3DMark, i valori sono buoni, ma crollano alle impostazione più alte quando, oltre al limite imposto dal numero delle unità  di calcolo, si avverte l’influenza della quantità  di memoria locale. Dobbiamo ricordare che la potenza di calcolo non è tutto quando si desidera giocare a risoluzioni molto elevate oppure in stereoscopia oppure con configurazioni a più monitor; in questi casi 4 Gbyte di memoria diventano il minimo sindacale.

A titolo di confronto è sufficiente considerare che i modelli GeForce GTX 970, 970 e Titan X – questa è pensata anche per applicazioni in realtà  virtuale o aumentata con la futura generazione di visori 3D – dispongono rispettivamente di 4 e 12 Gbyte di memoria. Se giocate alla risoluzione di 1.680 x 1.050 pixel questa GeForce GTX 960 è una valida soluzione, mentre sopra a questa risoluzione potrebbe essere necessario limitare l’utilizzo dei filtri antialiasing.

Il prezzo su strada del modello iChill Ultra è di poco sopra la media, ma in linea con le versioni con overclock dei produttori concorrenti.
Michele Braga

 

 

Inno3d ichill Geforce gTX 960 ultra

Euro 225 Iva inclusa

+ PRO
Overclock di fabbrica
Sistema di raffreddamento evoluto

– CONTRO
Occupa tre slot Pci Express

Produttore: Inno3D, www.inno3d.com

PCProfessionale © riproduzione riservata.