Dopo il primo sorprendente tablet prodotto da Microtech, che abbiamo avuto modo di provare circa un anno fa, arriva il nuovo modello e-tab Pro. Il nome sottolinea da subito come l’intenzione sia quella di prendere l’ottima base vista in passato e creare su di essa un modello ancora più evoluto, performante e adatto alle esigenze di mobilità  e praticità  che l’utenza normalmente cerca in questi dispositivi.

e-tab-pro-1

La filosofia aziendale, già  esplorata lo scorso anno con il modello e-tab, è caratterizzata dalla presenza a bordo del sistema operativo Remix OS, una via di mezzo ben riuscita tra Windows e il classico Android. Ora si espande ulteriormente, andando a proporre questo tablet con un sistema dual boot in grado di offrire sia un’esperienza Windows 10 completa di tutto sia un’ottima espressione della nuova release di Remix OS. L’e-tab Pro è un tablet costruito attorno a uno schermo da 10,1 pollici con risoluzione di 1.920 x 1.200 pixel, caratterizzato da un rapporto d’aspetto di 16:10, che lo rende assolutamente preferibile rispetto alla grande maggioranza dei modelli che si fermano a 16:9. La differenza, che può sembrare poco evidente, all’atto pratico si fa sentire eccome, permettendo un utilizzo sia in verticale sia in orizzontale al massimo delle proprie potenzialità .

e-tab-pro-1

La scocca, interamente in alluminio e magnesio, rappresenta un altro punto di forza per questo tablet. Non ha nulla da invidiare a marchi ben più blasonati, e risulta al tempo stesso resistente e leggera, anche se il peso ne risente purtroppo in maniera negativa.

L’e-tab Pro è decisamente bello e solido, ma non certo un peso piuma.

La maggior parte delle connessioni si trova sul lato sinistro: una classica porta micro Usb 2.0, una più evoluta Type-C (da cui effettuale la ricarica), una micro Hdmi e un jack per cuffia e microfono. Sul fronte multimediale troviamo il microfono e uno dei due altoparlanti stereo (il secondo è sul lato opposto), in grado di fare un discreto lavoro. A completare il tutto due slot in grado di ospitare una micro Sim (la nostra configurazione ha la connettività  4G) e una micro Sd per espandere la memoria integrata. In alto il pulsante di accensione e spegnimento e il bilanciere del controllo volume, mentre in basso dei connettori proprietari per la e-keyboard, la tastiera che completa il dispositivo e che viene venduta a 59 euro.

Quest’ultima merita un approfondimento separato. Costruita con la stessa cura dei dettagli del tablet, ne esalta le caratteristiche e ne espande le funzionalità . I tasti ad isola sono ben costruiti e risultano utilizzabili in ogni frangente. Il sistema di aggancio con il tablet è magnetico ed estremamente solido. Si può sollevare e scuotere tutto l’insieme e non incorrere in distacchi accidentali. È possibile un’inclinazione continua senza problemi e lo schermo può essere inserito indifferentemente verso la tastiera o in contrapposizione, permettendo diverse modalità  di visione. La tastiera include due porte Usb 2.0 e un lettore di impronte digitali (compatibile con Windows Hello). Tra i particolari migliorabili c’è il touchpad non al livello del resto e il peso, piuttosto elevato ma necessario a bilanciare il tablet quando agganciato. Come accessorio (39 euro) è disponibile anche e-note: uno stilo con 512 livelli di pressione riconosciuti, utilizzabile sia con Windows Ink sia con gli applicativi Android.

Sotto la scocca troviamo altre conferme: un processore Intel Atom X5- Z8300, modello quad core a 14 nm con frequenza di 1,44 GHz e Turbo a 1,84 GHz, che integra anche una grafica Intel HD con 12 core e 500 MHz di frequenza. La memoria Ram di tipo Ddr3-L è di 4 Gbyte, mentre lo storage è composto da una memoria allo stato solido da 64 Gbyte, capace di prestazioni comunque discrete (160 MB/s in lettura e 50 MB/s in scrittura). Lo spazio, diviso tra due sistemi operativi, non è moltissimo, ma comunque sufficiente considerando la possibilità  di aggiunta di una micro Sd fino a 128 Gbyte.

screenshot
Remix OS mette a disposizione un vero multitasking, con le app aperte sempre disponibili sulla taskbar inferiore. È un’evoluzione di Android molto sofisticata ma allo stesso tempo pienamente compatibile con tutte le app.

Questa è in effetti la caratteristica chiave del prodotto, ovvero la capacità  di ospitare in dual boot Windows 10 Home e una versione personalizzata di Android, Remix OS, di cui abbiamo parlato diffusamente in passato. Su Windows 10 nulla da dire, è lo stesso che si trova sul Pc o sul portatile. Il sistema operativo è completo in tutte le sue parti, nella versione a 64 bit, e svolge egregiamente il proprio lavoro. Il riconoscimento automatico della modalità  tablet o notebook (quando si collega la tastiera) è perfetto e tutti gli elementi hardware sono riconosciuti e integrati. La porzione di disco riservata a Windows è di circa 42 Gbyte, di cui 25 liberi all’utente.

Il secondo sistema operativo è probabilmente la miglior realizzazione Android per tablet dopo i sistemi originali Google. Remix OS (che ha l’unico difetto di basarsi ancora su Android 5.1.1) offre un multitasking avanzato, integra tutte le funzionalità  Android (Play Store in primis) con un’interfaccia che lo fa assomigliare a un sistema desktop.

Troviamo infatti una barra inferiore molto simile a quella di Windows, in grado di ospitare le icone delle applicazioni aperte (e passare tra una e l’altra con un semplice tocco), un pulsante Start, un altro per mostrare il desktop e un file manager, oltre a una barra delle icone in basso a destra con informazioni su batteria, orologio, connessioni e così via. Tutte le opzioni sono disponibili anche nei classici menu Android. Sono preinstallati gli applicativi Office, che sul sistema girano in maniera egregia. Per passare da un sistema operativo all’altro la procedura è semplicissima. Integrate nelle opzioni base (spegni, riavvia, standby) troviamo sempre un “Riavvia in Android” o “Riavvia in Windows” in base a dove ci si trova. Qualora il sistema fosse spento apparirà  all’avvio una schermata di scelta e 10 secondi di tempo, dopodiché verrà  avviato l’ultimo sistema operativo utilizzato.

e-tab-pro-2

Le sole vere limitazioni del prodotto sono le due fotocamere. La principale da 5 Mpixel offre immagini solo sufficienti, mentre quella frontale, da 2 Mpixel è ancora meno evoluta e risulta adatta solo a qualche sporadica videochiamata senza troppe pretese. In dotazione anche gli auricolari e-sound, di buon livello e un caricatore da ben 3A per la ricarica veloce.

La prestazioni sono nel complesso molto buone, in entrambe i sistemi operativi. Il prezzo d’acquisto ragionevole rappresenta un giusto compenso per le qualità  messe in campo da questo e-tab Pro.

Microtech e-tab Pro
Euro 329,00 Iva inclusa.
Versione solo Android  da 299 euro
Voto: 8,0

+ PC PRO: Caratteristiche tecniche e costruzione • Connettività  4G • Grande versatilità 

– PC CONTRO: Fotocamere non all’altezza

Produttore: Microtech

CONDIVIDI

In PC Professionale dal 1999, appassionato delle ultime tecnologie (ma anche del retrocomputing di qualsiasi tipo), viaggi in moto e non, fotografia.