Test: quattro car cam, sicurezza alla guida

Un testimone, imparziale, seduto sempre accanto a voi: la prova delle migliori dashboard camera per il professionista e l’utente consumer.

Le dashboard camera (spesso abbreviate in dash cam) sono dispositivi da auto molto specifici: si tratta di piccole videocamere da fissare al parabrezza o al cruscotto (in inglese dashboard, da cui prendono appunto il nome) che registrano il video di tutto quello che accade davanti ai vostri occhi. Introdotte sulle auto della polizia texana alla fine degli anni ’80, le prime dash cam registravano su cassette Vhs e servivano come strumento di prevenzione e protezione degli agenti. Queste vere e proprie scatole nere testimoniavano sia l’operato del poliziotto sia la reazione del “fermato”. Negli anni questi dispositivi, sulle autopattuglie, sono diventate sempre più comuni tanto che le immagini più spettacolari (o incredibili) sono diventate un vero e proprio fenomeno televisivo, con tanto di serie Tv dedicate (come World’s Wildest Police Videos della Fox).

Da dispositivo costoso e accessibile solo dalle istituzioni, le dash cam sono diventate sempre più economiche tanto da diventare oggi un dispositivo molto comune in Russia e in alcuni paesi del sud-est asiatico, per motivi ben diversi da quelli americani. In questo caso, infatti, le dash cam non sono utilizzate tanto dalle forze dell’ordine, quanto dai privati cittadini che se ne servono per evitare frodi assicurative e (ironia della sorte) contro le forze dell’ordine corrotte che contestano reati stradali mai commessi. Prima di analizzare nel dettaglio come sono fatte le dash cam, vediamo quali sono i motivi che potrebbero convincervi a comprarne una.

car cam screen

Il primo, e più ovvio, è quello di avere una soluzione in grado di registrare costantemente tutto quello che accade davanti ai vostri occhi. E in caso di incidente il video può diventare un vostro testimone, obiettivo e affidabile. I modelli più evoluti, oltre alla registrazione video, possono registrare anche la velocità  della vostra auto e i livelli di accelerazione/decelerazione. Un secondo motivo che può convincervi a comprare una dash cam, è la sua funzione di deterrente per chi guida. Immaginate, per esempio, di voler monitorare lo “stile di guida” dei vostri figli: in questo caso potreste avere, con un costo molto ridotto, un dispositivo che si attiva tutte le volte che si mettono al volante e che potrebbe evidenziare abitudini “imprudenti”. Sempre in quest’ottica, alcune autoscuole stanno adottando proprio le dash cam come strumento didattico, per poter rivedere e correggere, una volta rientrati in classe, gli errori commessi durante le guide di pratica.

Un terzo motivo, professionale, riguarda i proprietari di ditte di autotrasporti: in questo caso le dash cam, installate sulla vostra flotta, hanno il doppio compito di vigilanza e protezione. Infatti i vostri autisti, sapendosi osservati, da un lato sono stimolati a una guida più sicura, dall’altro sanno che possono sempre contare su un testimone imparziale.
[symple_box color=”yellow” text_align=”left” width=”100%” float=”none”]

Le quattro car cam in prova

> Blackvue DR500GW-HD
> Garmin Dash Cam 10 / 20
> Octocam Roadscan Pro
Transcend DrivePro 200

[/symple_box]

> Continua a leggere: il test di quattro car cam

PCProfessionale © riproduzione riservata.