News

Amazon Fire TV Stick 4K

Michele Braga | 5 Settembre 2019

Amazon

Arriva in Italia il dispositivo per lo streaming con supporto all’assistente vocale Alexa e con l’offerta limitata per il lancio […]

Arriva in Italia il dispositivo per lo streaming con supporto all’assistente vocale Alexa e con l’offerta limitata per il lancio si risparmia.

È disponibile anche in Italia il Fire TV Stick 4K, il dispositivo targato Amazon per accedere ai servizi di streaming video attraverso la banda larga. A fargli compagnia troviamo anche un aggiornamento del modello base Fire TV Stick che rispetto al modello 4K è limitato alla riproduzione di contenuti in Full HD. La rinnovata linea di dispositivi, presentata all’IFA di Berlino, è abbinata a un nuovo telecomando con funzioni vocali Alexa ed è proposta con un software – localizzato anche in lingua italiana – rivisto nell’interfaccia grafica e nelle funzioni.

Amazon ci ha fornito un esemplare della versione 4K aggiornato all’ultima versione del software con qualche giorno di anticipo rispetto al lancio così da poterne valutare le funzionalità.

Il Fire TV Stick 4K disponibile ora anche in Italia. Permette di vedere in streaming i contenuti Amazon Prime Video e quelli di tanti altri servizi disponibili sul territorio nazionale.
Il Fire TV Stick 4K disponibile ora anche in Italia. Permette di vedere in streaming i contenuti Amazon Prime Video e quelli di tanti altri servizi disponibili sul territorio nazionale.

Fire TV Stick base e Fire TV Stick4K

Fire TV Stick e Fire TV Stick 4K sono dispositivi in grado di aggiungere funzioni di streaming evolute a qualunque televisore moderno. La forma è quella di un grande chiavetta: 85,9 x 30 x 12,6 mm per il modello base e 99 x 30 x 14 mm per quello in 4K, connettore Hdmi incluso; sul lato della chiavetta è presente anche un connettore Usb Micro-B per l’alimentazione. Pur essendo compatto non è raro che il Fire Tv Stick sporga dal bordo dei televisori che hanno porte di connessione laterali; per ovviare a qualunque inconveniente di connessione Amazon fornisce anche un cavo adattatore qualora le porte Hdmi dell’apparecchio Tv siano così vicine tra loro da non permettere l’inserimento diretto dello dispositivo. All’interno della confezione sono presenti anche il telecomando vocale Alexa (di cui parliamo più avanti) con le batterie e l’alimentatore da parete.

I due modelli differiscono per la risoluzione massima supportata: 720p e 1080p fino a 60 fps per il modello base e 2160p, 1080p e 720p fino a 60 fps per quello top di gamma. Esistono differenze anche per quanto riguarda la piattaforma hardware e la potenza di calcolo disponibile: nel caso del Fire TV Stick è presente una Cpu MediaTek MT8127D di tipo quad core basata sull’architettura ARM Cortex-A7 e che opera alla frequenza di 1,3 GHz; nel caso del Fire TV Stick 4K è presente una Cpu MediaTek MTK8695 di tipo quad core basata sull’architettura ARM Cortex-A53, mentre la frequenza operativa è pari a 1,7 GHz. Anche il comparto grafico è differente: nel primo caso è presente una Gpu Mali 450 MP4, mentre nel secondo caso troviamo una Gpu PowerVR IMG GE8300.

La differenze tra i due modelli non si fermano alla risoluzione e alla potenza dell’hardware; il modello Fire TV Stick 4K supporta anche la tecnologia HDR e Dolby Vision è di fatto è uno dei prodotti di questa categoria più completi sul mercato. Nello specifico il Fire TV Stick base supporta i formati video H.264 a 1080p30 e H.265 1080p30; il modello 4K supporta invece i formati Dolby Vision, HDR10, HDR10+, HLG, H.265, H.264 e VP9.

A livello di usabilità i due prodotti sono identici ed estremamente semplici da configurare e da utilizzare. Entrambi supportano la tecnologia Bluetooth (4.1 per il modello base, 4.2 e BLE per il modello 4K) e quella Wi-Fi 802.11a/b/g/n/ac dual band a doppia antenna e con tecnologia Mimo. La connessione Wi-Fi è utilizzata per collegare il Fire TV Stick alla rete di casa, ma qualora questa non fosse disponibile è possibile acquistare un adattatore opzionale per la rete cablata.

Per la configurazione è sufficiente inserire il dispositivo in una porta Hdmi del televisione, collegare l’alimentazione (potete provare anche ad alimentarlo collegando il cavo a una porta Usb della Tv, ma la potenza potrebbe non essere sufficiente) e quindi seguire la procedura guidata che permette di configurare la rete Wi-Fi e il proprio account Amazon.

La nuova interfaccia

Con il rilascio dei nuovi Fire TV Stick cambia l’interfaccia grafica che, attraverso un aggiornamento software, sarà disponibile anche per chi possiede il Fire TV Stick base già commercializzato in Italia. La nuova interfaccia è ispirata a quella dei principali servizi di streaming come Netflix e introduce funzioni particolarmente interessanti per quanto riguarda lo strumento di ricerca dei contenuti. Attraverso la collaborazione con le altre piattaforme di streaming Amazon sta progressivamente integrando i cataloghi dei contenuti degli altri servizi presenti sul mercato così da poter offrire una ricerca estesa e completa. In altri termini non è più necessario avviare l’applicazione di ogni singolo servizio per scoprire cosa offre, ma è sufficiente interrogare il Fire TV Stick per ottenere nella schermata Home tutti i risultati presenti nei servizi per i quali si dispone di un account attivo.

Oltre alla ricerca specifica è possibile fare richieste per genere o macro categorie; in futuro si potranno fare ricerche anche per attore o per aree tematiche.

Telecomando e funzioni Alexa

L’elemento chiave che migliora in modo sensibile l’usabilità e l’esperienza di utilizzo di Fire TV Stick è il telecomando Alexa che supporta i comandi vocali. Premendo e mantenendo premuto l’apposito tasto del telecomando è possibile comandare o fare richieste ad Alexa e ottenere una riposta sotto forma di azione o di contenuto visualizzato a schermo. Di fatto con il telecomando la televisione si trasforma in qualcosa che potremmo definire un Echo Show da parete. Grazie all’interazione di un trasmettitore a infrarossi è ora possibile utilizzare il telecomando per accendere e spegnere la Tv così come per regolare il volume dell’uscita audio.

Il telecomando vocale Alexa è compatibile anche con Fire TV Basic Edition: è sufficiente acquistare il solo telecomando ed eseguire l’aggiornamento del software per avere a disposizione tutto quello che si ottiene acquistando il Fire TV Stick standard.

Se possedete un dispositivo della serie Echo potete abbinarlo con il Fire TV Stick così da poter invocare l’assistenza di Alexa senza dover prendere in mano il telecomando. In questo caso, mancando l’input del pulsante del telecomando, è necessario utilizzare la parola di attivazione che di base è “Alexa”. Se avete un solo dispositivo Fire TV registrato sul vostro account, Alexa dovrebbe abbinarsi automaticamente – dovete solo chiedere al vostro dispositivo Alexa di svolgere un’operazione che includa Fire TV per completare l’associazione, ad esempio “Alexa, apri Netflix su Fire TV.” Se disponete di più dispositivi Echo o Fire TV, dovrete utilizzare l’app Alexa per associare i vostri dispositivi.

Disponibilità e prezzi

I prodotti Fire TV Stick 4K, Fire TV Stick e il telecomando vocale Alexa sono disponibili da subito per l’acquisto attraverso il portale Amazon.it. La Fire TV Stick 4K ha un prezzo ufficiale di 59,99 euro, ma per un breve periodo potrà essere acquistata al prezzo scontato di 44,99 euro. La Fire TV Stick standard è venduta al prezzo ufficiale di 39,99 euro, ma anche in questo caso sarà possibile acquistarla per un periodo limitato al prezzo scontato di 24,99 euro. Come abbiamo detto, chi già possiede una Fire TV Basic Edition può acquistare il solo telecomando per aggiungere l’interazione vocale: questo ha un prezzo di listino di 29,99 euro e potrà essere acquistato per un tempo limitato al prezzo di lancio di 15,99 euro.

prime video lite

News

Amazon sta testando l’abbonamento economico Prime Lite

Martina Pedretti | 16 Gennaio 2023

Amazon

Amazon sta testando in India una versione economica del suo abbonamento Prime, chiamata Prime Lite: ecco cosa sappiamo

Sembre che Amazon stia testando l’abbonamento economico Prime Lite

Amazon sta testando un nuovo servizio di abbonamento economico per gli utenti in India. Soprannominata Prime Lite, la sottoscrizione è attualmente disponibile come versione Beta per alcuni utenti Prime del paese.

Nel dicembre 2021, Amazon Prime ha aumentato il prezzo dell’abbonamento annuale in India, è successivamente anche nel resto del mondo. Ora però è in fase di test Amazon Prime Lite, una sottoscrizione a costo ridotto, con un’offerta diversa da quella classica, in termini di vantaggi e servizi offerti.

Attualmente l’abbonamento costa 1499 rupie per un anno, ovvero circa 17 euro. Il costo di Amazon Prime Lite si abbasserebbe invece a 999 Rupie, ovvero circa 11 euro.

La notizia di Amazon Prime Lite è stata confermata da OnlyTech, che spiega anche le maggiori differenze con il servizio che tutti conosciamo. La prima è legata alla velocità di consegna, dato che Prime Lite offre la consegna in due giorni e non quella in giornata o in un giorno che invece promette l’abbonamento classico.

Invece parlando di Prime Video, gli utenti Prime Lite possono ancora accedere a contenuti illimitati, che però non saranno disponibili in formato HD. Inoltre sarà presente la pubblicità all’interno della piattaforma streaming. Amazon Prime Video Lite potrà poi trasmesso in streaming su due dispositivi alla volta, uno dei quali dovrebbe però essere un telefono cellulare.

Mentre Prime Lite offre vantaggi e servizi quasi simili come Amazon Prime, c’è una grande differenza. Gli utenti non potranno infatti accedere ad Amazon Prime Music con il nuovo abbonamento Prime Lite. Inoltre gli abbonati non avranno accesso a promozioni sugli audiolibri di Audible, ebook gratuiti, ricompense e giochi gratuiti di Prime Gaming, oltre rateizzazione degli acquisti su più pagamenti mensili a tasso zero.

Non sappiamo ad oggi se questa novità arriverà anche in Italia e quale potenzialmente potrebbe essere il suo prezzo. Attualmente l’abbonamento nel nostro paese costa 49,90/anno e 4.99/mese. L’offerta ridotta non riprenderebbe sicuramente il prezzo del servizio nel mercato indiano, ma si adatterebbe a quello italiano.

Su Amazon in arrivo un’app dedicata allo sport? Il rumor

News

Su Amazon in arrivo un’app dedicata allo sport? Il rumor

Andrea Sanna | 29 Dicembre 2022

Amazon

Stando ad alcuni rumor Amazon pare stia lavorando a un’app interamente dedicata allo sport. Ecco quanto emerso fino a ora

Se su Netflix non sembrano esserci ancora i presupposti affinché si possa introdurre lo sport in diretta, non si può fare lo stesso discorso su Amazon. La nota azienda, infatti, pare sia pronta ad aggiungere una nuova applicazione dedicata interamente allo sport. Si tratterebbe di un portale in grado di fruire contenuti trasmessi in streaming e disponibili on demand in esclusiva. Ad esempio pensiamo alle partite di Champions League al mercoledì o ai vari documentari dedicati a squadre e sportivi.

A parlare di questo è The Information che ha dato qualche dettaglio a riguardo. Premessa fondamentale: a oggi si tratta di indiscrezioni e di ufficiale non ci sarebbe nulla, ma comunque quel che basta per far parlare. Stando a quanto emerso pare che l’amministratore delegato Andy Jassy stia puntando i contenuti sportivi tanto da aumentare il budget per le trasmissioni live. Un investimento sicuramente importante.

In base a quanto riferito sembrerebbe che l’applicazione di Amazon incentrata sullo sport, sarebbe molto simile a quella di Prime Video. La struttura dovrebbe essere più o meno uguale. Ovvero contenuti live da una parte e on demand dall’altra. Per farvi un esempio pratico:

Amazon a oggi ha in possesso le partite del mercoledì di Champions League. Dunque in caso di creazione dell’app le troveremo tra i contenuti in diretta. Sempre su Prime Video ci sono le serie e film documentari dedicati a squadre (come la Juve per esempio) e queste saranno inserite nella sezione on demand.

Ci teniamo a ribadire che a oggi non c’è niente di ufficiale, ma pare che il progetto possa comunque concretizzarsi e ci sarebbero tutti i presupposti. Servirà però del tempo affinché possa diventare realtà. Il fatto che ci sia una nuova app, però, fa dubitare qualcuno. Questo perché molto probabilmente potrebbe essere richiesto un abbonamento separato da Prime Video e dunque risultare più caro.

Ma attendiamo conferme o smentite da Amazon, anche per capire se l’app in questione dedicata allo sport avrà dei costi ben precisi o sarà inclusa nell’abbonamento già in possesso degli utenti.

Amazon, in Texas e California consegna pacchi con dei droni

News

In Texas e California Amazon consegna pacchi con dei droni

Andrea Sanna | 29 Dicembre 2022

Amazon

I pacchi Amazon in Texas e California saranno consegnati grazie ai droni. E in tempi brevissimi: appena un’ora!

Quante volte vi sarà capitato di ordinare un pacco su Amazon e desiderare di riceverlo immediatamente? Ebbene in alcune zone dell’America, parliamo della California e del Texas, già da giugno il servizio ha preso il via servendo alcune precise aree. Il tutto si era già verificato nel 2016 in Inghilterra peraltro.

Ora che siamo sotto le feste, negli USA hanno pensato bene di intensificare il lavoro e mettere così alla prova le modalità di consegna. Pensate che una persona che ordina un pacco grazie all’utilizzo dei droni lo riceve entro un’ora dall’ordine. L’attività in questione si chiama, come già noto, Amazon Prime Air. Può consegnare un numero di pacchi (chiaramente fino a una certa grandezza) ai clienti di Lockeford, in California, e a College Station, in Texas.

A riguardo proprio la portavoce di Amazon, Natalie Banke ha fatto sapere a KTXL Fox 40: “Il nostro obiettivo è introdurre in sicurezza i nostri droni nei cieli. Stiamo iniziando in queste comunità e nel tempo espanderemo gradualmente le consegne a più clienti”.

La Federal Avation Administration ha permesso questo permesso nel 2020, ma solo oggi ha preso vita definitivamente. Così per cominciare hanno scelto le due città menzionate che contano precisamente 3500 residenti (a Lockeford) e 120.000 abitanti (a College Station).

In base a quanto emerso pare le le consegne sono effettuate, a oggi, in un raggio di 6 km dai centri di consegna. I clienti che hanno acquistato qualcosa su Amazon hanno fatto sapere che dopo aver confermato il proprio acquisto hanno ricevuto informazioni sul tracciamento e il tempo stimato per l’arrivo del pacco.

Altra piccola curiosità: pare che i droni Amazon siano in grado di volare anche in caso di avaria e riducono al minimo le onde sonore ad alta frequenza. Quelli attualmente in uso si chiamano MK27-2 e hanno in dotazione un hardware e software per poter volare in autonomia. Per evitare ostacoli e arrivare a destinazione gli addetti ai lavori hanno pensato di programmarli. Attualmente, però, sono monitorati affinché il tutto vada a buon fine.

Tra l’altro pare che sia in lavorazione il nuovo drone Amazon, MK30, più leggero e sicuro, in grado persino di resistere alle intemperie. L’impiego effettivo potrebbe partire dal 2024. L’azienda ha intenzione anche di espandere il tutto in altre zone degli Stati Uniti.

E chissà che il tutto non possa arrivare oltre oceano!

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.