apotecachemo-robot-per-farmaci-chemioterapia

Ecco Apotecachemo, il robot che prepara i farmaci per la chemioterapia

La rivoluzione tecnologica sta offrendo il suo potenziale innovativo anche all’interno del campo medico, introducendo novità  in grado di rivoluzionare un ambito dove l’affidabilità  e la precisione sono elementi fondamentali: ad Arezzo, per esempio, presso l’ospedale San Donato è stato presentato un nuovo robot, Apotecachemo, che si occuperà  della preparazione dei farmaci impiegati per la chemioterapia.

Questo particolare settore della farmacologia, la cui centralità  per lo sviluppo di cure efficaci per contrastare il cancro è indiscussa, attraverso Apotecachemo può beneficiare del supporto di una macchina in grado di ottimizzare il lavoro svolto dal personale nella preparazione di farmaci tanto importanti e, anche in ragione del notevole lavoro di ricerca e di sviluppo, molto onerosi per il servizio sanitario pubblico del nostro apese.

Grazie infatti all’impiego del robot, all’interno della struttura sanitaria aretina sarà  possibile sfruttare tutta la precisione della macchina per impiegare con precisione elevata queste risorse indispensabili per la cura dei pazienti. Apotecachemo, inoltre, permette di evitare l’esposizione del personale sanitario ad agenti citotossici, permettendo così di prevenire rischi per la salute degli operatori coinvolti nella preparazione dei farmaci.

D’altro canto, grazie alla tracciabilità  dei prodotti impiegati per la preparazione dei farmaci, attraverso i diversi sensori e le interfacce di controllo predisposte in Apotecachemo, è possibile evitare errori umani e, quindi, garantire una migliore sicurezza del paziente, che può contare sull’efficacia di un sistema per la verifica di tipo gravimetrico, andando ben oltre gli standard di precisione offerti da una preparazione manuale.

Nessun Articolo da visualizzare