Google Web Story

Google aggiunge le Web Story alla sua app

L'azienda di Mountain View ha inserito le Web Story nella scheda Discover dell'app Google per Android e iOS, in modo da raggiungere un numero maggiore di utenti.

Anche Google ha le sue storie. In questo caso si tratta però di un modo per consentire agli editori di pubblicizzare i loro contenuti. Le Web Story sono visualizzate nella parte superiore della scheda Discover nell’app Google per Android e iOS. La funzionalità è inizialmente disponibile in Brasile, India e Stati Uniti, ma arriverà anche in altri paesi e in altri prodotti dell’azienda di Mountain View.

Le Web Story non sono una vera novità. Google aveva infatti lanciato le AMP Story nel 2018 e ora ha integrato le storie nella versione mobile di Google Search. Ciò consentirà di raggiungere un numero maggiore di utenti, in quanto l’app per Android e iOS viene utilizzata da oltre 800 milioni di persone al mese. Per vedere le Web Story è sufficiente aprire la scheda Discover (la prima in basso a sinistra).

Google Web Story

Le anteprime delle storie, mostrate nella parte superiore di Discover, hanno un’immagine e un titolo. Per sfogliare le storie è sufficiente toccare lo schermo in modo da passare alla pagina successiva, mentre uno swipe consente di passare alla storia successiva nel carosello.

Google Web Story

Per la creazione è possibile utilizzare MakeStories, NewsroomAI o il Web Story editor per WordPress. Gli autori hanno il pieno controllo delle Web Story (creazione, hosting, condivisione e monetizzazione). Sul sito dedicato è possibile trovare alcune storie suddivise per argomento.

Al momento, oltre 2.000 siti web hanno pubblicato storie che sono state indicizzate da Google. Come detto, le Web Story in Discover sono inizialmente disponibili in Brasile, India e Stati Uniti. Non è noto quando arriveranno anche in Italia.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.