Google One

Google One, backup gratuito su iOS e Android

Il backup automatico dei contenuti dello smartphone e la gestione dell'archiviazione saranno gratuiti con l'app Google One per Android e iOS.

Google One è un servizio in abbonamento che l’azienda di Mountain View ha annunciato due anni fa e che viene proposto quando l’utente vuole incrementare lo spazio di archiviazione su Google Drive. Una delle funzionalità, introdotta a settembre 2019, viene ora offerta gratuitamente a tutti. Si tratta del backup automatico dei contenuti dello smartphone. La nuova app per Android e iOS include inoltre uno storage manager, disponibile anche sul web.

Oltre allo spazio di archiviazione aggiuntivo (100 GB, 200 GB e 2 TB), l’abbonamento a Google One include il gruppo Famiglia (condivisione del piano con altri 5 membri della famiglia), l’assistenza degli esperti Google e altri vantaggi (ad esempio, il 10% di sconto sul Google Store e crediti su Google Play). Il backup automatico gratuito su smartphone Android include messaggi, contatti, app, foto e video (questi ultimi in qualità originale). La corrispondente app iOS offre invece il backup di contatti, eventi di calendario, foto e video.

Lo spazio disponibile senza abbonamento è 15 GB. Se occorre ulteriore spazio è possibile sottoscrivere l’abbonamento direttamente dall’app. I prezzi sono 1,99 euro/mese (o 19,99 euro/anno) per 100 GB; 2,99 euro/mese (o 29,99 euro/anno) per 200 GB; 9,99 euro/mese (o 99,99 euro/anno) per 2 TB.

Gli utenti che vogliono eliminare i file superflui possono utilizzare il nuovo storage manager (Gestione archiviazione in italiano). È possibile cancellare foto e video da Google Foto, file da Google Drive ed email (spostate nel cestino o quelle di spam) in Gmail.

Le nuove funzionalità saranno disponibili su Android nei prossimi giorni, mentre gli utenti iOS dovranno aspettare qualche settimana. Le novità sono riservate agli account consumer, non ai clienti G Suite.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.