Spotify

Spotify e altre app iOS fuori uso per colpa di Facebook

Spotify e altre note app iOS hanno smesso di funzionare a causa di un problema riscontrato nella funzionalità di login con account Facebook.

Diversi utenti hanno segnalato che Spotify, Tinder, Pinterest, TikTok e altre popolari app iOS vanno in crash all’avvio. Il problema si verifica sia su iPhone che iPad, mentre le versioni desktop e Android funzionano normalmente. Sembra che la causa sia da addebitare al Facebook SDK (Software Development Kit).

Spotify in crash: colpa di Facebook

Come si può vedere nel breve video condiviso da un utente su Twitter, Spotify e altre app si chiudono subito dopo l’avvio. Caratteristica comune delle app è il supporto per il login tramite account Facebook. Questa funzionalità viene inclusa con il SDK fornito dall’azienda di Menlo Park. Il problema è stato confermato sulla pagina riservata agli sviluppatori. Un analogo inconveniente era accaduto circa due mesi fa.

Fortunatamente il problema sembra in via di risoluzione, come comunicato da Spotify su Twitter.

Facebook incoraggia gli sviluppatori ad integrare il suo servizio di login, offrendo in cambio informazioni sull’uso delle app. Secondo lo sviluppatore Guilherme Rambo, il SDK consente all’azienda di Menlo Park di raccogliere i dati sugli utenti delle app e di tenere traccia delle conversioni degli annunci pubblicati sul social network.

Ad ogni avvio, l’app effettua una chiamata ai server, anche se l’utente non accede tramite account Facebook. Se il servizio è down, l’app va in crash. Una possibile soluzione è disattivare la connessione ad Internet prima di aprire l’app. In alternativa è possibile installare Lockdown Apps per bloccare le chiamate delle app ai server di Facebook.

Quando il servizio di Facebook viene ripristinato è possibile rimuovere l’app.

Aggiornamento: Facebook ha comunicato che il problema (ora risolto) è stato causato da una modifica al codice.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.