Telegram

Telegram 7.3, chat vocali nei gruppi

La nuova versione di Telegram consente di attivare le chat room vocali per i gruppi che possono ospitare migliaia di partecipanti.

L’azienda russa guidata da Pavel Durov ha annunciato un’interessante novità per i gruppi nella versione 7.3 di Telegram. I partecipanti possono ora utilizzare le chat vocali, ovvero conference call sempre attive. Altri miglioramenti riguardano l’archiviazione su scheda microSD, l’editing delle foto, gli sticker e le animazioni.

Telegram spiega che ogni gruppo può diventare una chat room vocale, ad esempio per creare un ufficio di lavoro virtuale. I membri del gruppo possono entrare e uscire in qualsiasi momento. Dopo l’attivazione da parte dell’amministratore del gruppo, nella parte superiore della schermata verrà mostrata una barra con il numero dei partecipanti e la foto del loro profilo.

Il canale audio rimane sempre aperto, ma è possibile silenziare il microfono toccando l’icona corrispondente. Gli utenti possono muoversi liberamente nell’app, quindi sfogliare le conversazioni e inviare messaggi. Su Android è disponibile un widget con i controlli del microfono che viene visualizzato anche se Telegram è in background.

Tealegram widget chat vocali

Le versioni per Windows e macOS consentono di scegliere un pulsante per il “push-to-talk” da utilizzare per controllare il microfono. Le chat vocali possono ospitare migliaia di partecipanti. Nelle prossime settimane verranno aggiunte altre funzionalità, come la soppressione del rumore, i video e la condivisione dello schermo. In pratica Telegram farà concorrenza ai noti servizi di videoconferenza.

Con la nuova versione di Telegram è stata incrementata la velocità di caricamento degli sticker. Su Android sono stati aggiunti l’opzione per salvare i dati su scheda microSD, nuove animazioni e la possibilità di modificare le foto già inviata. SU iOS è invece possibile usare Siri per la lettura dei messaggi.

Il CEO Pavel Durov ha comunicato che, a partire dal prossimo anno, verranno mostrate inserzioni pubblicitarie nei canali di grandi dimensioni. Questa novità è necessaria per coprire le spese di gestione del servizio. Non ci sarà nessun banner nelle chat private e di gruppo. Tutte le funzionalità attuale rimarranno gratuite. Le nuove riservate alle aziende saranno a pagamento.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.

Nessun Articolo da visualizzare