microsoft-azure-authenticator-protezione-dati-android-iOS

Azure Authenticator di Microsoft anche su Android e iOS

Il futuro di Microsoft – lo abbiamo già  visto anche con i dati dell’ultima trimestrale resa nota dall’azienda di Satya Nadella – passa obbligatoriamente per il mondo del cloud. In questo comparto, infatti, Redmond è riuscita a proporsi come partner affidabile con un gran numero di aziende, andando a stringere partnership strategiche in tanti settori e, ora, portando una novità  interessante per chi usa Azure anche su iOS e Android.

Microsoft ha infatti deciso di introdurre il sistema di autenticazione attraverso il lettore per le impronte digitali anche nel mondo del cloud – esattamente come avevamo già  visto con Outlook e altri servizi web – con la nuova app Azure Authenticator, una soluzione per incrementare il livello di sicurezza e, soprattutto, per garantire una migliore protezione dei dati degli utenti conservati all’interno della nuvola.

Per poter utilizzare questa nuova applicazione, gli utenti che usano dispositivi Android riceveranno un messaggio di posta elettronica direttamente da Microsoft, attraverso il quale verrà  messo loro a disposizione un link per scaricare l’app. Nel caso degli utenti iOS – sempre che gli stessi abbiano attività  la funzione degli aggiornamenti automatici – l’app riceverà  un update senza che l’utente debba compiere alcuna azione.

L’azienda di Redmond ha peraltro deciso di rendere disponibile questa applicazione per una gestione sicura del cloud – in precedenza riservata ai clienti aziendali – a tutti gli utenti, introducendo attraverso questa nuova app la possibilità  di gestire in maniera più veloce le notifiche provenienti da Azure, evitando che le persone debbano continuamente ripetere il login per prendere visione del contenuto della notifica.

La nuova app permetterà  anche di gestire sia i profili cloud aziendali sia quelli privati a partire dallo stesso smartphone, migliorando significativamente l’esperienza utente con Azure. Per poter approfittare di queste ultime novità , secondo quanto annunciato da Microsoft, bisognerà  attendere fino al prossimo 15 agosto.

Nessun Articolo da visualizzare