big-data-4-aziende-italiane-su-10-non-conoscono

Big Data: in Italia, per 4 aziende su 10 sono sconosciuti

Secondo uno studio condotto nel nostro paese da Adecco e Università  Milano Bicocca, su 10 aziende, 4 non non conoscono il concetto di Big Data e, addirittura, solo il 12 percento usa gli stessi per scopi commerciali, mentre nel 48 percento dei casi, queste informazioni vengono sfruttate soltanto in maniera parziale, nonostante siano ritenuti una risorsa per i prossimi anni.

Per lo studio sono state prese in considerazione 350 aziende – assortite per quanto riguarda le dimensioni e soprattutto i comparti economici in cui sono operative – nonostante il settore industriale metalmeccanico-elettronico (con il 41.02 percento) quello del commercio e servizi (con il 26.29 percento), sia rientrato maggiormente in linea di conto per la ricerca.

Il 47.14 percento delle aziende coinvolte sono PMI, tuttavia, questo aspetto da solo non spiega questo ritardo nell’approccio tecnologico: in effetti, il 35.03 percento degli intervistati sono operativi in grosse industrie, società  che dovrebbero avere una maggiore vocazione per quanto riguarda l’adozione di soluzioni tecnologiche evolute, ad esempio cloud et similia.

Nonostante questi dati, il 97 percento delle aziende coinvolte nello studio ha dichiarato di percepire i big data come un’opportunità  per il proprio futuro economico, anziché un rischio: tuttavia, solo un quinto del campione decide poi di investire in questo senso, con progetti già  avviati, mentre un 10 percento è propenso a farlo, mentre ben foltito è il gruppo di coloro i quali non agiscono.

Il 32.43 percento sottolinea infatti di non aver in cantiere alcun progetto e il 37.16 percento non ha alcun tipo di interesse nei confronti di questi investimenti. Nel confronto internazionale, l’Unione Europea risulta essere piuttosto arretrata rispetto all’Asia o agli Stati Uniti.

Nessun Articolo da visualizzare