google-car-addio-chris-urmson

Google Car: l’addio di Chris Urmson

Dopo avervi riportato la notizia dei cambi di programma della multinazionale di Cupertino per quanto riguarda lo sviluppo della iCar (o Apple Car), oggi, abbiamo modo di parlarvi delle peripezie di un altro big player del settore hi tech, Google, le cui sperimentazioni con la Google Car sono sicuramente ben più avanzate rispetto a quanto fatto dall’azienda di Tim Cook, tuttavia, ora per Mountain View arriva un addio importante, quello di Chris Urmson.

Chi ha avuto modo di seguire i progetti dell’azienda di Sundar Pichai nel campo dell’automotive, saprà  bene come Urmson sia stato impegnato nel ruolo di responsabile tecnico del progetto di Google Car sin dal 2009, preoccupandosi in modo particolare di gestire l’implementazione dei servizi online che supportano ogni sviluppo ottenuto dalla famosa automobile con guida automatica realizzata dall’azienda statunitense.

Urmson, a questo proposito, ha fatto sapere di voler lasciare Google per iniziare nuove avventure in campo tecnologico, senza specificare in questo senso il motivo del suo addio, che peraltro non è stato nemmeno commentato ufficialmente da Mountain View. Secondo il New York Times, però, l’ex responsabile tecnologico di Google Car se ne sarebbe andato in seguito a un dissenso con Larry Page circa gli sviluppi dell’auto automatica.

È interessante notare, da un punto di vista strettamente correlato all’attività  svolta dallo stesso Urmson, come le 24 Lexus RX450h e le altre 34 vetture sperimentali di Google Car abbiano percorso più di 1.842.000 miglia, delle quali, più di 643.000 senza che vi fosse qualcuno all’interno delle stesse per guidarle sulla strada: più di un milione di km in totale autonomia, quindi, un risultato molto rilevante per l’auto a guida autonoma.

Nessun Articolo da visualizzare