come avere green pass smartphone ios android

News

Come avere il Green Pass su smartphone iOS e Android

Martina Pedretti | 4 Agosto 2021

Come avere il Green Pass con sé su iOS e Android? Come ottenerlo sul proprio smartphone? Ecco i metodi per avere il QR Code

Dal 6 agosto sarà obbligatorio in Italia avere il Green Pass, per poter accedere a determinati luoghi. Infatti il paese ha deciso di attuare questa nuova regolamentazione per limitare la diffusione del COVID-19, limitando l’accesso a eventi pubblici, ristornati al chiuso e gli spostamenti sul territorio europeo. Ma come avere il Green Pass sul proprio smartphone iOS o Android?

Come funziona

Il Green Pass è disponibile per i cittadini italiani in tre diverse condizioni. La prima è che si abbia ricevuto il vaccino contro il COVID, anche solo con la prima dose. In questo caso, se non si fosse completato il ciclo, il Green Pass sarà valido dal 15 giorno dalla prima dose fino alla seconda. Questo documento è valido fino a nove mesi, disponibile in formato cartaceo o digitale.

La seconda casistica è quella legata alla guarigione o al termine dell’isolamento in seguito all’infezione. Si tratta di una certificazione della validità di sei mesi, che può essere cartacea o digitale. Viene rilasciata dalla struttura presso la quale è avvenuto il ricovero del paziente affetto da Covid-19. In alternativa, per i pazienti non ricoverati, dai medici di medicina generale e dai pediatri.

La terza opzione è l’esecuzione di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo. Questa certificazione ha una validità di quarantotto ore dal rilascio ed è disponibile in formato cartaceo o digitale. Viene rilasciata dalle strutture sanitarie pubbliche, da quelle private autorizzate e dalle farmacie.

Come ottenere il Green pass su iOS e Android?

Ma come si può avere il Green Pass sullo smartphone, iOS o Android? Le modalità sono molteplici, e ve le riassumiamo qui sotto

  • sul sito dedicato dgc.gov.it; tramite SPID, codice fiscale o documento di identità;
  • sul fascicolo sanitario elettronico;
  • sull’app Immuni; tramite tessera sanitaria;
  • sull’app IO;
  • con il sistema TS, ovvero tramite i medici di base, i pediatri o altri autorizzati.

Green Pass sul sito del Governo

Sul sito del Governo è molto semplice ottenere il Green Pass su iOS e Android. Se si ha SPID o CIE, le identità digitali, basterà autenticarsi sul sito e poi acquisire la Certificazione verde COVID–19 in diverse lingue, comprese l’italiano e l’inglese.

Inoltre si può ottenere la Certificazione verde COVID–19 senza utilizzare l’identità digitale (SPID o CIE). In questo caso basterà essere in possesso di una Tessera Sanitaria e un preciso codice. Come si ottiene questo codice univoco? Il primo codice è quello legato a tampone antigenico rapido (NRFE), il secondo è quello del certificato di guarigione (NUCG). In alternativa a questi codici, si può invece inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti lasciati in fase di vaccinazione.

Se non hai ricevuto ancora il tuo SMS o la e-mail con il codice AUTHCODE, o se lo hai smarrito, per recuperarlo basta compilare il form presente a QUESTO sito.

Fascicolo Sanitario Elettronico

Se possiedi il Fascicolo Sanitario Elettronico, sarà facile accedere al tuo Certificato Vaccinale qualora tu abbia ricevuto la tua prima o seconda dose. In generale si potrà acquisire il Green Pass accedendo al Fascicolo Sanitario Elettronico, con le modalità previste nella Regione di residenza. Il Green Pass sarà messo a disposizione in formato scaricabile e stampabile (PDF) su iOS e Android.

Green Pass su app Immuni

Il Green Pass è accessibile su iOS e Android anche utilizzando l’App Immuni nell’apposita sezione “EU digital COVID certificate”, nella schermata iniziale. Per ottenere la Certificazione verde COVID-19 è necessario inserire:

  • le ultime 8 cifre del numero identificativo della tessera sanitaria,
  • la data di scadenza della stessa,
  • uno dei codici univoci, come sopra.

In questo caso il Green Pass viene mostrata in formato QR code e salvato nel dispositivo mobile, iOS o Android, per essere visualizzato e mostrato anche in modalità offline.

Su app IO

Infine si può ottenere il Green Pass su iOS o Android ricevendo direttamente un messaggio sull’app IO, ogni volta che la piattaforma nazionale rilascerà un certificato intestato a te. Non appena si apre il messaggio, l’app mostra il QR Code e i dati del certificato. A questo punto il Green Pass si potrà esibire direttamente da IO. Altrimenti è possibile salvare il certificato con il suo QR Code nella memoria locale dello smartphone.

In questo caso non si deve quindi inserire codici o altri dati, ma è sufficiente aver fatto almeno una volta l’accesso in App con SPID o CIE.

Se non riesci ad accedere ad a nessuno di questi strumenti, per avere il Green Pass su smartphone, iOS o Android, dovrai recarti dal tuo medico o in farmacia. Usando la Tessera Sanitaria, essi potranno Certificazione verde COVID-19. In questo caso saranno necessario il codice fiscale e i dati della Tessera Sanitaria. Tuttavia il Green Pass sarà consegnato in formato cartaceo, pertanto bisognerà eseguire uno scanner per averlo sul proprio dispositivo.

cola phone coca-cola smartphone

News

Uno smartphone firmato Coca-Cola è in arrivo? Il rumor

Martina Pedretti | 25 Gennaio 2023

Smartphone

Sembra che il primo smartphone firmato e prodotto da Coca-Cola sia in arrivo: cosa sappiamo del rumoreggiato ColaPhone

Il ColaPhone arriva su Internet: Coca-Cola lancerà il suo smartphone?

Avete letto bene, nelle ultime ore online si sta parlando di un presunto nuovo smartphone lanciato proprio da Coca-Cola: il ColaPhone. I primi render del presunto dispositivo sono trapelati online, e gli utenti del web si stanno chiedendo cosa ci sia di reale in questa storia.

Un insider chiamato Ice Universe ha pubblicato una foto su Twitter che ritrae proprio il misterioso ColaPhone. L’immagine mostra uno smartphone dal retro, interamente brandizzato Coca-Cola, dalla scritta al colore rosso.

“Ecco la prima foto di sempre del nuovo #ColaPhone! Per realizzarlo Coca-Cola potrebbe affidarsi ad un brand leader del settore. Chi potrebbe essere?”, chiede l’account.

La scocca posteriore del render dello smartphone, ricorda un Realme 10 4G con una nuova veste che riprende proprio il logo di Coca-Cola. Inoltre l’account @Colaphonegloba segue 8 account, compreso quello di Realme.

Si tratta quindi di una collaborazione di rebranding di uno smartphone già esistente o, come suggerisce il nome ColaPhone, di un prodotto del tutto nuovo? O ancora si tratta di una semplice bufala che si sta diffondendo sul web?

Allo stato attuale delle cose non possiamo confermare nessuna di queste opzioni. Tuttavia restiamo in ascolto per scoprire quante più novità sulla questione.

Twitter Bue, abbonamento più costoso: Musk svela i motivi

News

Abbonamento di Twitter Blue più costoso: Musk svela i motivi

Andrea Sanna | 24 Gennaio 2023

Twitter

In arrivo su Twitter Blue un abbonamento un po’ più costoso. Elon Musk svela i motivi di questa scelta e i privilegi

Con il lancio ufficiale di Twitter Blue, l’abbonamento mensile per gli utenti, Elon Musk si lascia scappare sul suo account ufficiale la possibilità di avere un ulteriore prezzo, più costoso. Cosa permette di fare? Nascondere i tweet riguardanti annunci e sponsorizzazioni.

Secondo l’amministratore delegato questa mossa su Twitter Blue aumenterebbe le entrate per l’azienda, parallele a quelle degli investimenti pubblicitari. Mediante il suo profilo Elon Musk ha twittato quanto segue:

“Gli annunci sono troppo frequenti e visibili su Twitter. Stiamo lavorando per per affrontare entrambi i problemi nelle prossime settimane”.

Sembrerebbe infatti che le entrate pubblicitarie, questi almeno stando ai dati degli analisti, sarebbero in diminuzione. Un qualcosa che preoccupa, dato che il tutto si è verificato dopo l’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk.

In una conversazione sotto il suo post originale, il CEO ha anticipato la possibilità di un abbonamento più costoso che regali agli utenti di Twitter un’esperienza differente, ovvero senza le pubblicità. Per farlo però è necessario sostenere un prezzo più alto rispetto a quello chiesto oggi da Blue.

Una spesa che si aggira intorno agli 11 dollari, circa il 35% in più rispetto all’iscrizione effettuata via web. Dunque oltre a ottenere le funzionalità esclusive già rese note, quali la spunta blu, modificare e annullare tweet, la modalità di lettura per conversazioni lunghe, si aggiunge quest’altra funzione.

Come riporta anche l’Ansa, Twitter non ha mai spiegato i motivi della differenza di prezzo. Anche se il tutto pare dipendere “dalle commissioni di Google e Apple sui rispettivi negozi digitali, per l’acquisto di servizi aggiuntivi e pacchetti extra.

Ricordiamo che, a partire dal 19 gennaio, Twitter Blue è sbarcato negli Stati Uniti, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Regno Unito sia su Android che su Apple. Non sappiamo se via via il tutto si espanderà anche nel resto del mondo.

Netflix cerca hostess e un ingegnere di software

News

Netflix cerca hostess e un ingegnere di software

Andrea Sanna | 24 Gennaio 2023

netflix

Con un comunicato Netflix rende noto che è alla ricerca di hostess e un ingegnere di software. Requisiti e stipendi da capogiro

Se altre piattaforme stanno facendo pulizia di personale, Netflix invece è alla ricerca di forze fresche. La piattaforma streaming con un annuncio ha fatto sapere che ha bisogno di hostess e di un ingegnere di software. Il tutto chiaramente retribuito.

«Hai una passione per l’aviazione e il desiderio di lavorare con l’equipaggio dei tuoi sogni?», questo l’annuncio emesso dalla società di produzione. Il comunicato però è diventato virale per un altro motivo. Netflix ha reso noto, infatti, lo stipendio da sogno che è pronto ad offrire ai fortunati candidati, i quali verranno poi selezionati per essere assunti. Ebbene tenetevi forti: la cifra si aggirerebbe tra i 60 e il 385 mila dollari, circa 355 mila euro con il cambio attuale. Insomma, davvero niente male!

Negli States la notizia ha fatto il giro del web, considerando che in media un assistente di volo guadagna circa sei volte in meno. Ma cosa si dovrà fare per riuscire a ottenere uno stipendio di tale portata? Trattandosi di Netflix, quindi un’azienda privata, c’è qualche richiesta maggiore come la flessibilità per quantità e durata dei viaggi. Anche se in generale il lavoro rispetta le mansioni tipiche che svolge comunemente l’hostess. Niente più e niente di meno, ma di certo è una vera svolta per la propria carriera.

Chi riuscirà a ottenere l’ambito posto offerto da Netflix lavorerà in un jet Gulfstream G550 lungo 30 metri e con solo 19 posti. A bordo due piloti e saranno necessari almeno due assistenti di volo. Uno è quello ricercato dall’annuncio, il cui compito sarà quello di accompagnare le riunioni, o magari intrattenere i viaggiatori durante il volo e diretti verso eventi cinematografici.

Passiamo poi al capitolo legato all’ingegnere di software. Ebbene pare che Netflix sia alla ricerca di questa figura professionale, in grado di lavorare da remoto o direttamente nella Silicon Valley, negli uffici dell’azienda. Come per la precedente mansione, anche qui il guadagno è decisamente alto: dai 90.000 ai 900.000 dollari all’anno. La cifra, però, come reso noto, sarà decisa in base a: competenze, background e capacità ed esperienza presenti sul curriculum di ogni candidato.

Insomma se avete i giusti requisiti: fatevi avanti!

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.