facebook instagram pagamento

Facebook e Instagram saranno a pagamento?

Meta sta pianificando più funzionalità a pagamento per Facebook e Instagram

A distanza di mesi si torna a parlare della possibilità che social come Facebook e Instagram in futuro saranno a pagamento. Infatti sembra che Meta stia creando delle funzionalità in abbonamento per i suoi media, compreso WhatsApp, secondo un report interno riportato poi The Verge.

Infatti è nata una nuova divisione che studia proprio la possibilità di nuove funzioni a pagamento nelle sue principali app social. Il gruppo, chiamato New Monetization Experiences, sarà guidato da Pratiti Raychoudhury, che in precedenza era il capo della ricerca di Meta.

In un’intervista con The Verge, il vicepresidente della monetizzazione di Meta che supervisiona il gruppo, John Hegeman, ha affermato che la società è ancora impegnata a far crescere la propria attività pubblicitaria. Inoltre ha chiarito che non aveva in programma di consentire alle persone di pagare per disattivare gli annunci nelle sue app. “Penso che vediamo opportunità per creare nuovi tipi di prodotti, funzionalità ed esperienze per cui le persone sarebbero disposte a pagare e per cui sarebbero entusiaste di pagare“, ha affermato.

Il team di esperti è pronto a sviluppare nuove funzionalità esclusive, decisione che quindi arriva dopo il calo degli utili dell’azienda, anche dovuta alla concorrenza con TikTok. A lungo termine, Meta immagina che le funzioni a pagamento diventeranno una parte più significativa della sua attività. “Su un orizzonte temporale di cinque anni, penso che possa davvero muovere l’ago e fare una differenza piuttosto significativa”.

Meta non è il solo a spingere verso novità a pagamento. Negli ultimi due anni molti social media hanno iniziato a introdurre abbonamenti e strumenti accessibili solo pagando. TikTok sta testando gli abbonamenti a pagamento per i creatori dall’inizio di quest’anno, Twitter ha introdotto Super Follow e Discord guadagna interamente dal suo abbonamento Nitro. Inoltre, quest’anno sia Telegram che Snapchat hanno aggiunto livelli a pagamento che sbloccano funzionalità aggiuntive.

Ovviamente stiamo prestando attenzione a ciò che sta accadendo nel settore“, ha affermato Hegeman. “E penso che ci siano diverse aziende che hanno fatto cose interessanti, da cui spero che possiamo imparare ed emulare nel tempo“.

Nessun Articolo da visualizzare