GLEAM: cellulare low cost di Motorola

L’erede del celebre Motorola RAZR V3 sarà  in vendita nei prossimi giorni anche sul mercato italiano a meno di 100 euro.

Il Motorola GLEAM, disponibile in tre varianti di colore – graphite gray, thistle e lacquer red – ricorda nel design il fortunato predecessore grazie all’apertura a conchiglia e uno spessore di soli 13,9 millimetri.

Il “low cost” del produttore americano è un GSM dual band dotato di un display interno da 2.4 pollici nel formato QVGA, una fotocamera da 2.0 Megapixel, lettore Mp3 con radio FM, Bluetooth e memoria espandibile tramite schede di memoria microSD.

Ecco le principali caratteristiche di Motorola GLEAM:

  • Supporto del browser WAP 2.0
  • Sms, Mms, e-mail (POP3/IMAP)
  • 16 MB di Ram e 5 MB di memoria interna
  • Micro SD espandibile fino a 16 GB
  • Display da 2,4″ con risoluzione QVGA
  • Gsm dual band 900/1800
  • Bluetooth 2.1 + EDR con supporto del profilo A2DP2
  • Connettore Micro Usb per alimentazione e dati (USB 2.0 HS); jack audio da 3,5 mm
  • Lettore Mp3 e radio multimediale

Il Motorola GLEAM sarà  in vendita da marzo al prezzo di 99 euro (Iva inclusa).

[nggallery id=461]

PCProfessionale © riproduzione riservata.

1 commento

  1. /* Style Definitions */
    table.MsoNormalTable
    {mso-style-name:”Tabella normale”;
    mso-tstyle-rowband-size:0;
    mso-tstyle-colband-size:0;
    mso-style-noshow:yes;
    mso-style-priority:99;
    mso-style-parent:””;
    mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
    mso-para-margin:0cm;
    mso-para-margin-bottom:.0001pt;
    mso-pagination:widow-orphan;
    font-size:11.0pt;
    font-family:”Times New Roman”,”serif”;
    mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
    mso-bidi-theme-font:minor-bidi;
    mso-fareast-language:EN-US;}

    Lo sto usando da una settimana e devo dire che mi sta piacendo molto. Fa poche cose – è comunque un semi entry level – ma quelle poche le fa bene e ci mette del suo per creare una giusta e gradevole personalizzazione. Innanzitutto è molto sottile, leggero, comodissimo da usare. I tasti non sono in realtà tali, ma delle “isole” create sulla base in alluminio, con i numeri serigrafati in rilievo. La loro grandezza superiore alla media li rende pratici anche per chi ha le mani grandi. È luminosissimo in quasi tutte le sue azioni. All’accensione e spegnimento presenta un gradevole effetto di luce scorrevole sul logo in fondo alla tastiera: i tasti sono ben illuminati, e il display, pur piccolo come dimensioni, ha una nitidezza che sorprende. Di default è fornito con bellissimi e artistici sfondi, uno più bello dell’altro. Peccato invece per le suonerie, solo 16 e decisamente orribili. La fotocamera è di soli 2 Mpixel. Va bene per foto panoramiche senza grandi pretese (non siamo ai livelli di un Nokia N8 per intenderci), come anche la ripresa dei video.
    Purtroppo, di default, è fornito con soli 5 MB (sì, proprio mega), nemmeno sufficienti per caricarci l’mp3 favorito da usare come suoneria. D’accordo che il prezzo è contenuto, ma così poca memoria è quasi come non averla.
    L’uso dei vari menu, anche senza libretto istruzioni, è molto intuitivo e semplice, e permette di personalizzare nel dettaglio il cellulare. Sulla cover esterna mostra l’orario, e si illumina con fasci Led all’arrivo di una chiamata.
    Ho notato, però, che se c’è una chiamata persa e il cellulare è chiuso, non c’è modo di sapere che la si è persa, a meno di aprirlo. Avrei trovato più utile una qualche forma di avvertimento (lampeggiamento, ad esempio), anche a cellulare chiuso.
    La batteria, pur di scarso amperaggio, complice anche il piccolo visore, consente un uso intensivo per più giorni senza dover ricorrere alla ricarica (e questo per Motorola è già un passo avanti).
    A parte questi dettagli il Motorola Gleam mi sta piacendo molto, sia per il suo design, molto riuscito e con personalità, sia per la sua facilità d’uso.

Comments are closed.