Niente Google Street View? Alle Isole Faroe si usano le pecore

Che cosa si può fare se il proprio territorio non è stato preso in considerazione da Mountain View con l’invio delle telecamere di Google Street View per mappare l’area? Una soluzione originale ci giunge dalle Isole Faroe, territorio dipendente dalla Danimarca, dove il locale ente del turismo ha deciso di ovviare alla problematica, inviando le pecore sul territorio con tanto di videocamera posizionata sulla schiena per fare le riprese.

Da Visit Faroe Islands, la responsabile Durita Dahl Andreassen fa sapere che questa iniziativa è nata per fare pressione sulla società  di Sundar Pichai, affinché la stessa si decidesse finalmente ad inviare le auto con l’attrezzatura ad hoc per mappare il territorio delle isole. Del resto Big G nella sua mappatura ai quattro angoli del globo, si è spinta anche in aree ben più discoste, pur di immortalare le bellezze naturalistiche.

Con una popolazione formata da 49.000 persone e circa 80.000 pecore, alla fine, le isole hanno pensato bene di affidare l’incarico agli ovini, andando a realizzare l’iniziativa denominata ironicamente “Sheep View 360”: ogni pecora, infatti, è dotata di una videocamera che effettua riprese panoramiche a 360 gradi, sfruttando l’energia solare, e potendo peraltro muoversi liberamente sul territorio delle isole, senza alcun percorso prestabilito.

Ogni immagine ripresa durante il tragitto compiuto dalle pecore ha una sua precisa geolocalizzazione ottenuta attraverso il GPS e, la pubblicazione delle stesse, è curata in remoto attraverso lo smartphone: è la stessa responsabile di Visit Faroe Islands ad effettuare l’upload. Al momento, sono stati resi disponibili un video panoramico e le immagini a 360 gradi di cinque luoghi delle isole. Guardate il video qui sotto.

Nessun Articolo da visualizzare