AMD Ryzen 4000G Series

AMD Ryzen 4000G, nuove APU per desktop

AMD ha svelato sei nuovi processori Ryzen 4000G con GPU Radeon a 7 nanometri che verranno distribuiti esclusivamente tramite gli OEM.

AMD ha annunciato i nuovi processori Ryzen 4000G per desktop. In realtà si tratta di APU, in quanto integrano CPU a 4/6/8 core e GPU Radeon con 3/6/7/8 core. L’azienda californiana ha presentato anche le corrispondenti versioni Pro che offrono funzionalità specifiche per l’utenza business.

AMD Ryzen 4000G Series

I Ryzen 4000G sono basati sull’architettura Zen 2 a 7 nanometri e utilizzano ancora il socket AM4. Sono quindi la versione desktop dei Ryzen 4000 Mobile, ma con frequenze e TDP superiori. La serie comprende sei modelli che si differenziano in base al numero di core/thread, alla frequenza di clock (base e turbo), oltre che in base al numero di core e alla frequenza della GPU. Le varianti GE hanno un TDP inferiore (35 watt contro 65 Watt).

AMD Ryzen 4000G

AMD ha evidenziato l’incremento prestazionale rispetto alla precedente generazione (oltre 2,5 volte), ma soprattutto rispetto ai corrispondenti processori Intel (ad esempio, le performance grafiche del Ryzen 7 4700G sono fino al 202% superiori a quelle del Core i7-9700). Ovviamente la GPU integrata utilizza la memoria di sistema, per cui è consigliabile installare almeno 16 GB di RAM DDR4-3200.

Questi sono invece i sei modelli Ryzen Pro 4000G. L’unica differenza è rappresentata dal supporto per varie tecnologie business, tra cui la crittografia delle memoria.

AMD Ryzen Pro 4000G

Le nuove APU Ryzen 4000G verranno consegnate solo agli OEM per l’installazione nei PC desktop pre-assemblati. Non ci saranno quindi versioni “boxed” con o senza ventola. Non è noto se e quando verranno distribuiti sul mercato retail.

L’azienda californiana ha inoltre annunciato sei APU Athlon Gold e Silver, basati sull’architettura Zen+, appartenenti alla serie 3000G. Anche questi processori saranno disponibili tramite gli OEM.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.