Nvidia e Intel trovano un accordo: Sli anche su Nehalem con i chip X58

Dopo una prima fase di stallo negli ultimi mesi Intel e Nvidia hanno dialogato a lungo per risolvere la spinosa questione del supporto Sli sui prossimi chipset Intel X58.

All’inizio della storia le due parti sembravano distanti: Intel non aveva infatti alcuna intenzione di concedere la licenza di utilizzo del nuovo bus QPI (Quick Path Interconnect) a Nvidia, che non sarebbe stata di conseguenza in grado di produrre chipset per la prossima generazione di processori Intel Nehalem.

A causa di ciò Nvidia non avrebbe offerto il supporto Sli ai chipset Intel futuri. La posizione più delicata era probabilmente quella Nvidia: se non avesse concesso lo Sli a Intel sarebbe stata tagliata fuori dal giro di produzione chipset per Nehalem, e lo Sli sarebbe stato supportato solo su Cpu AMD, con tutte le ovvie conseguenze del caso data la rivalità  nel settore grafico tra le due aziende.

D’altra parte concedere a Intel lo sfruttamento dello Sli avrebbe potuto ridurre drasticamente la vendita di chipset, dato che gli acquirenti, attirati dalle ottime prestazioni dei chipset prodotti da Intel e dal supporto contemporaneo di CrossFire e Sli difficilmente avrebbero optato per chipset Nvidia.

La decisione sembra comunque essere stata presa: Nvidia soddisferà  le richieste di Intel di supporto Sli e in cambio avrà  la licenza di utilizzo del QPI.

3b.jpg
Il chip Intel X58

A questo punto per Nvidia non resta che rimboccarsi le maniche e sfornare un chipset concorrente di X58 in grado di far pendere il giudizio degli utenti a proprio favore. Le indiscrezioni vorrebbero per il momento un accordo molto più articolato; Nvidia si focalizzerebbe sulle soluzioni di fascia media Lynnfield con socket LGA1160, lasciate scoperte dai migliori chipset Intel. In questo settore Nvidia potrebbe proporre ottimi chipset con grafica integrata e prestazioni superiori a quelle normalmente offerte da Intel.

Nessun Articolo da visualizzare