Phenom a 45 nm: i primi test sui consumi sono incoraggianti

AMD è sempre più vicina all’introduzione del nuovo processo produttivo a 45 nm che, secondo i dati in nostro possesso, dovrebbe permettere una significativa riduzione dei consumi contestualmente a un incremento delle prestazioni e della frequenza operativa.

La nuova tecnologia, di cui trovate un ampio approfondimento tecnologico sul numero di PC Professionale in edicola (luglio/agosto), permetterà  un discreto rinnovo di tutta la gamma Phenom, con nuove Cpu dai consumi ridotti paragonabili a quelli ottenuti da Cpu Intel.

 

cegeglgfztzom.jpg

Il sito cinese zol ha avuto la possibilità  di testare la prima Cpu costruita con questo processo produttivo, equipaggiata con 6 Mbyte di cache L3, un valore triplo rispetto ai 2 Mbyte adottati attualmente.

I dati si riferiscono al consumo di un sistema completo basato su Cpu Phenom “Agena” (i modelli attuali a 65 nm) e i nuovi “Deneb” a 45 nm, entrambe alla frequenza di clock di 2,3 GHz.

 

cekd19xa1g6tq2.jpgceyyybthpu9k2.jpg
Consumi in idle: i 45 nm portano una riduzione di 29 watt (17%)

 

ceeeluewhkpsy2.jpgceu7s75m2ejxq2.jpg
Consumi a pieno carico: in questo caso il miglioramento è di 46 watt (23%)

I risultati sono incoraggianti, le nuove Cpu dovrebbero finalmente colmare il gap tecnologico accumulato nell’ultimo periodo e, secondo i piani dell’azienda, riportare AMD a competere in maniera ancora più adeguata con lo storico rivale Intel. I primi modelli arriveranno sul mercato entro qualche mese, non mancheremo di informarvi sulle effettive potenzialità  del nuovo core “Deneb“.

Nessun Articolo da visualizzare