Anche Nvidia punta il dito contro Intel

Lo scossone provocato dalla sentenza della Commissione Europea a sfavore di Intel sta provocando un effetto domino che va ad interessare la maggior parte del mercato informatico.

nvidia-ion-24654654646.jpgNvidia ad esempio, dopo aver appreso della sentenza, ha ricominciato a sottolineare un punto chiave della politica Intel, che si scontra con le mire a breve termine dell’azienda stessa. Jen-Hsun Huang, CEO di Nvidia, afferma infatti che la politica dei prezzi di Intel sia scorretta anche nel settore emergente dei netbook, che impedisce di fatto di avere concorrenti nel segmento dei chipset. Intel vende infatti i processori Atom a circa 40€, ma offre anche bundle con processore e chipset a circa 20. I valori, che possono sembrare paradossali, sono frutto della politica Intel: se un’azienda compra il pacchetto completo paga il tutto 20€, mentre se decide di acquistare il solo processore (e utilizzare magari il chipset Nvidia) il prezzo è molto superiore.

Intel ha da sempre dichiarato la legittimità  di effettuare sconti ai produttori che acquistano da loro bundle di vario tipo, ma Nvidia non la pensa di certo allo stesso modo.

PCProfessionale © riproduzione riservata.

1 commento

  1. beh c’è anche da dire che nVidia ci macina su questa cosa visto che deve spingere la piattaforma Ion…
    Però effettivamente è un tiro bieco quello di vendere il prodotto singolo a X e il pacchetto bundle cpu + nb + sb a X/2: uno compra il bundle e butta via quello che non gli serve. Uhm non è carino per nulla…

Comments are closed.