GPU

Radeon HD4850: la svolta di AMD

Redazione | 19 Giugno 2008

Dopo la presentazione ufficiale delle schede Nvidia GeForce GTX260 e 280, anche AMD è in procinto di lanciare la nuova […]

Dopo la presentazione ufficiale delle schede Nvidia GeForce GTX260 e 280, anche AMD è in procinto di lanciare la nuova generazione grafica basata sul chip RV770, che rappresenta un punto di fondamentale importanza per l’azienda.

Innanzitutto i prodotti: nel prossimo periodo vedranno la luce tre nuove schede AMD che prenderanno il posto (e la nomenclatura) delle Radeon HD3800: Radeon HD4850, HD4870 e (probabilmente) HD4870 X2.

 

date01.png

La data di lancio delle nuove schede grafiche è fissata al 25 giugno per il modello HD4850, mentre si dovrà  attendere l’8 luglio per la HD4870 e circa 8 settimane per la versione dual Gpu.

In teoria AMD avrebbe voluto presentare direttamente le schede (e tutti i dati a esse riferiti) il giorno 25, in concomitanza con la disponibilità  ufficiale del primo modello. Questo non è stato possibile a causa di una piccola fuga di notizie e per via dei produttori delle schede, già  pronte in buon numero e la cui commercializzazione (in barba ad AMD) sta iniziando proprio in questi giorni.

Per questo AMD ha concesso alla stampa, in via del tutto eccezionale, di divulgare ufficialmente le prime informazioni sulle nuove schede già  nella giornata di oggi, limitatamente però alla sola scheda Radeon HD4850 e al materiale indicato dall’azienda.

 

4850-550.jpg

AMD utilizza per la nuova generazione di schede un approccio diametralmente opposto a quello del concorrente. Nvidia, con GT200, ha costruito il più grande e potente chip grafico della storia, con una superficie di circa 650 mm2, 1,4 miliardi di transistor e un consumo massimo di 236 watt.

Nvidia però deve a questo punto scontrarsi con un processo industriale non in grado di avere delle rese produttive di altissimo livello e pagando alle fonderie taiwanesi incaricate della produzione un costo per chip molto superiore alla media. Inoltre la costruzione di chip per schede di fascia più bassa richiederà  una reingegnerizzazione del chip, con conseguenti costi aggiuntivi e tempistiche dilatate.

 

amd-rv770.png

AMD ha invece optato per un chip di dimensioni ridotte e con consumi massimi di 110 watt, adatto per la fascia media (o medio alta) del mercato. RV770 equipaggerà  le schede HD4850 e HD4870, mentre per il top di gamma dual Gpu ne verranno utilizzate due (con un consumo massimo comunque inferiore ai 200 watt).

Nvidia invece difficilmente riuscirà  a proporre nel breve periodo una scheda con due Gpu GT200, per via delle dimensioni complessive e dei consumi molto elevati.

In questi casi AMD non punta direttamente a competere con la GTX280 con una singola scheda con una Gpu, ma cerca di offrire la maggior convenienza nel rapporto tra prezzo e prestazioni.

 

date.png

L’esempio qui riportato mostra il posizionamento delle Vga AMD confronto quelle di Nvidia, prettamente dal punto di vista del prezzo d’acquisto; le prestazioni sono analizzate in un secondo momento.

La Radeon HD4850 sarà  infatti proposta nella fascia di prezzo compresa tra 150 e 200€, tra la GeForce 9600GT (a dire il vero leggermente più economica) e la 8800 GTS 512.

Per il momento non possiamo ancora offrirvi una panoramica completa dell’architettura interna della Gpu, ma vi assicuriamo che le informazioni che emergeranno nel prossimo periodo saranno davvero molto interessanti.

 

hd4850_pcie_512mbgddr3_lite_box_card.jpg

Le prestazioni ottenibili dalla Radeon HD4850 (prodotta nel nostro caso da Sapphire) sono mostrate qui sotto, e sono solo un’anticipazione di quelle che troverete prossimamente sulla rivista (insieme anche a quelle delle schede attualmente ancora sotto NDA).

 

4850-ut3.png

 

 

 

Piattaforma di test:

Cpu: Intel Core 2 Extreme 9770

Memoria: 2 x 1 GB OCZ Ddr 3 1.333 MHz

Disco: Seagate Barracuda 7200.10

Sistema op.: Windows Vista Home Premium

Driver: Catalyst 8.6 (AMD) e Forceware 177.34 (Nvidia)

GeForce RTX 3060 Ti

GPU

GeForce RTX Game On, le nuove GPU per il gaming arrivano a gennaio

Alfonso Maruccia | 18 Dicembre 2020

Gaming GeForce Gpu Nvidia

NVIDIA programma in calendario il suo nuovo evento a tema GeForce, occasione in cui è prevista la presentazione delle ultime GPU da gioco appartenenti alla famiglia Ampere.

Il prossimo 12 gennaio, NVIDIA metterà fine alle indiscrezioni, le mezze conferme e le discussioni delle ultime settimane sui nuovi modelli di GPU Ampere in arrivo sul mercato. L’evento GeForce RTX: Game On è infatti fissato per quella data, con una presentazione virtuale interamente dedicata al brand più popolare per la grafica videoludica su PC.

GeForce RTX: Game On sarà un “evento broadcast speciale”, promette NVIDIA, un’occasione in cui sarà presente il vice-presidente senior della corporation (divisione GeForce) Jeff Fisher già presente, in passato, durante la presentazione di GeForce RTX 2060 e i laptop con design Max-Q.

GeForce RTX: Game On

Alle 18:00 (ora italiana) del 12 gennaio 2021 dovrebbe dunque tenersi la presentazione di uno dei modelli di GeForce RTX 3000 descritti nei rumor dell’ultimo periodo. NVIDIA potrebbe presentare la versione “liscia” della recentemente svelata GeForce RTX 3060 Ti, o forse si potrebbe assistere al debutto della GPU di fascia enthusiast GeForce RTX 3080 Ti.

Qualunque siano le intenzioni di NVIDIA per GeForce RTX: Game On, evento che cade esattamente nel mezzo dell’edizione 2021 (e quindi esclusivamente online) del Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas, a questo punto sono chiare due cose: la corporation delle GPU non sembra particolarmente preoccupata dalla concorrenza di AMD Radeon RX/Big Navi, e qualsiasi nuovo modello di GeForce sarà inevitabilmente destinato a finire in pasto ai criminali specializzati nella ignobile arte dello scalping.

NVIDIA GeForce RTX 3080

GPU

GeForce RTX 3080 Ti, NVIDIA rimanda il lancio a febbraio 2021?

Alfonso Maruccia | 16 Dicembre 2020

AMD GeForce Gpu Nvidia

Stando ai nuovi rumor, NVIDIA avrebbe deciso di rimandare il lancio di GeForce RTX 3080 Ti di un mese. La minaccia di Big Navi contro la versione “liscia” della GPU non preoccupa più di tanto.

Nonostante un lancio a dir poco problematico e il pasticcio dei condensatori (o forse dei driver) incapaci di reggere ai picchi di frequenza della GPU, la GeForce RTX 3080 è oggi uno dei prodotti più desiderati e desiderabili dagli appassionati di videogiochi su PC. La scheda acceleratrice di NVIDIA è potente, talmente potente che l’azienda avrebbe deciso di rimandare di qualche settimana il debutto della sua versione “maggiorata”.

Il focus è ancora una volta la GeForce RTX 3080 Ti, la GPU che secondo le indiscrezioni servirebbe a NVIDIA per contrastare l’offerta concorrente di AMD Radeon RX 5000 (e di RX 6900 XT in particolare). La nuova GeForce Ampere dovrebbe arrivare a gennaio, anzi no: gli ultimi rumor in tal senso spostano la data del debutto in avanti di un mese, quindi a febbraio 2021.

NVIDIA GeForce RTX 3000 - 1

NVIDIA avrebbe deciso di rinviare il debutto di GeForce RTX 3080 Ti perché, come confermano i benchmark indipendenti, la minaccia di AMD Big Navi non è così pericolosa come inizialmente preventivato. Le due architetture sembrano equivalersi in alcuni giochi, mentre in altri le GeForce Ampere sono più veloci. Anche Radeon RX 6900 XT non è poi così irraggiungibile, a livello di frame al secondo, dal punto di vista di una RTX 3080.

Un’altra ipotesi sul rinvio prenderebbe poi in considerazione la scarsità di GPU GeForce in commercio rispetto alla domanda, un problema che accomuna anche AMD (e chiunque altro abbia lanciato un prodotto hi-tech in questi mesi) e che dovrebbe persistere almeno fino a febbraio. In tal modo NVIDIA avrebbe modo di far calmare le acque e di migliorare la resa di mercato della linea Ampere, prima di far debuttare la nuova GPU GeForce RTX 3080 potenziata.

GeForce RTX 3090

GPU

MSI: rubati 40 container carichi di GeForce RTX 3090

Alfonso Maruccia | 9 Dicembre 2020

Gpu Mercato MSI

MSI ha denunciato il furto di centinaia di nuove GPU GeForce RTX 3090, un carico decisamente prezioso per cui l’azienda ha offerto una taglia e persino clemenza se i responsabili si autodenunceranno.

E’ davvero un periodo nero per MSI, la corporation taiwanese che nel 2020 ha già dovuto affrontare il suicidio del CEO Sheng-Chang “Charles” Chiang e un incendio nell’impianto cinese di Kunshan. L’ultimo guaio dell’azienda riguarda il furto un carico di GPU GeForce RTX 3090 dal valore di centinaia di migliaia di dollari.

Stando a quanto denunciato alla polizia, 40 “container” carichi di GeForce RTX 3090 sono stati rubati da un impianto cinese di MSI. Il valore della merce sparita è di circa 336.000 dollari, più di 220 GPU Ampere, e secondo MSI il furto sarebbe avvenuto con la complicità di un dipendente interno.

L’area da cui sono sparite le GPU è infatti controllata tramite videosorveglianza, mentre i mezzi di trasporto che vanno e vengono dalla struttura sono ispezionati con una certa frequenza. Oltre a contattare la polizia, MSI ha anche offerto una taglia di 100.000 Yuan (circa $15.300) a chiunque potrà fornire informazioni utili sull’accaduto.

L’obiettivo principale di MSI è in ogni caso recuperare la merce sottratta, e in tal senso l’azienda ha anche detto di voler essere “clemente” con chi è coinvolto nella vicenda se deciderà di collaborare al recupero. Come tutte le altre novità hi-tech uscite in questi ultimi mesi, le potenti GPU GeForce RTX 3090 sono al momento uno dei prodotti più desiderati dagli utenti. Le aziende faticano a soddisfare la domanda della clientela, e il furto cinese ai danni di MSI non farà che esacerbare ulteriormente la situazione.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.