Hardware

Raffreddamento a liquido: l’anello mancante

Davide Piumetti | 17 Agosto 2009

La prova di una soluzione di raffreddamento rivoluzionaria per prezzo, assenza di manutenzione e facilità  di installazione. CoolIT rende il dissipatore a liquido Domino A.L.C. davvero alla portata di tutti.

domino1ape.jpg
Il particolare mercato dei sistemi di raffreddamento per processori si può storicamente dividere in settori ben definiti. Da una parte possiamo catalogare i dissipatori standard forniti da Intel e AMD, soluzioni ad aria caratterizzate da un’efficienza appena discreta, e adatte al solo funzionamento normale delle Cpu con le quali sono vendute. Un’altra categoria facilmente accessibile a tutti gli utenti, anche alle prime armi, è quella dei sistemi di raffreddamento alternativi (ma sempre ad aria) prodotti dalle più grandi aziende del settore, progettati per migliorare il raffreddamento della Cpu e fornire margini di overclock superiori oppure garantire una migliore silenziosità  rispetto ai modelli standard.
Oltre alla categoria ad aria, il settore propone soluzioni alternative con raffreddamento a liquido o con gas compressi, spesso costruiti in maniera quasi artigianale, piuttosto complicati da gestire e molto costosi in senso assoluto. Tutto questo viene però messo in discussione dal prodotto che analizzeremo nel seguito, una nuova soluzione in grado di offrire prestazioni di raffreddamento di ottimo livello unite a una facilità  d’uso assoluta e a un prezzo d’acquisto molto interessante. Il sistema che vedete in queste pagine prende il nome di Domino A.L.C. (Advanced Liquid Cooling) ed è prodotto da CoolIT Systems, azienda canadese attiva nello sviluppo di moduli di raffreddamento.

Domino è una soluzione completa per il raffreddamento del processore basata sui principi dei classici sistemi a liquido, ma con alcune particolarità  che la rendono unica nel suo genere. Domino è infatti venduto come un unico, distinto, elemento a sé stante, prodotto e distribuito già  pronto per l’utilizzo. Ciò che lo differenzia maggiormente dai sistemi a liquido tradizionali è infatti la precisa scelta del produttore di offrire un sistema completamente chiuso che non richiede nessuna manutenzione, caratteristica che lo accomuna maggiormente ai dissipatori ad aria di fascia alta rispetto a quelli a liquido semi artigianali. Il Domino è nella pratica costituito da tutti i componenti fondamentali di un sistema a liquido: un waterblock, una pompa per il ricircolo dell’acqua, un radiatore e relativa ventola per il raffreddamento e tubazioni di raccordo. Esteticamente l’intero dispositivo si presenta come un radiatore monoventola da 120 mm al quale è fissata una piccola pompa a 12 volt e, attraverso due stretti tubi flessibili ma molto resistenti, il waterblock. L’intero sistema è alimentato tramite il classico connettore per la ventola della Cpu. Una paratia laterale copre buona parte del Domino, paratia che integra un display Lcd, su cui sono mostrate le diverse informazioni sui regimi di rotazione della ventola e della pompa, e un piccolo tasto, che permette di modificare i parametri di funzionamento.
Il waterblock è nella sua costruzione molto semplice, ed utilizza una staffa superiore dotata di quattro viti con molle di tenuta per essere fissato alla scheda madre. Domino include di default le diverse staffe necessarie per l’installazione su tutte le piattaforme in commercio, sia AMD sia Intel.
Il montaggio dell’intero sistema è veramente semplice e richiede (escluso il tempo necessario a rimuovere il precedente dissipatore) davvero pochi minuti. La ventola fissata al radiatore è infatti dotata di quattro inserti in gomma caratterizzati da una particolare forma a cuneo che, inseriti nei fori propri delle ventola tradizionalmente posta sul retro di quasi ogni telaio in commercio, permette di fissare senza nessuno strumento l’intero dispositivo. Questo sistema permette un’installazione molto rapida e contestualmente riduce le vibrazioni che potrebbero generare fastidiosi rumori. Nel kit in commercio sono inclusi due set di questi cunei di gomma, che permettono di installare il sistema in diversi Pc, la loro resistenza meccanica non è però eccellente e, dopo qualche installazione/rimozione, devono essere sostituiti. Fortunatamente è possibile anche installare il Domino con le classiche viti proprie delle ventole.

Radiatore e ventola
Quasi tutti i telai hanno lo spazio per installare una ventola posteriore da 120 mm. Ed è proprio qui che deve essere posizionato il Domino.

domino2ape.jpg
Pompa per il ricircolo
Nessuna alimentazione particolare: basta il classico connettore a 3 pin.

.
Waterblock
Si avvita direttamente alla scheda madre (o alla staffa posteriore in dotazione) tramite 4 semplici viti.

.
Il piccolo display laterale, oltre a mostrare le velocità  di ventola e pompa, indica la temperatura propria del liquido interno e permette, attraverso un pulsante posizionato a lato, di modificare il funzionamento del sistema in tre diverse modalità : Quiet, Performance e Full. La prima modalità  ha come priorità  il mantenimento della maggiore silenziosità  operativa possibile, garantendo al contempo temperature non troppo elevate; la seconda cerca invece il miglior compromesso tra prestazioni e rumore mentre la terza imposta ventola e pompa al massimo per avere la miglior capacità  di raffreddamento possibile. Durante i nostri test, eseguiti all’interno di un case chiuso con temperatura ambiente di 22,5 °C, la silenziosità  è stata davvero eccellente nella prima modalità  e più che sufficiente nell’impostazione Performance.
domino-voto.pngAttivando il sistema al massimo la rumorosità  cresce raggiungendo valori percepibili, anche se inferiori a quelli del dissipatore originale Intel. Le prestazioni di raffreddamento sono eccellenti in ogni caso, rispetto a quanto offerto da Intel la temperatura, sia in idle che a pieno carico, è inferiore di circa 10 – 15 °C. Domino A.L.C. offre dunque prestazioni di ottimo livello tipiche dei più basilari sistemi di raffreddamento a liquido unite a una facilità  di installazione notevole propria solitamente dei soli dissipatori ad aria, risultando un’ottima scelta sia per ridurre la rumorosità  sia per aumentare le possibilità  di overclock della Cpu.

Da PC Professionale di luglio 2009

iPad Pro con chip M2 uscita prezzi

Hardware

iPad Pro con chip M2: uscita, prezzo, colori e caratteristiche

Martina Pedretti | 18 Ottobre 2022

Tutto sul nuovo iPad Pro con chip M2

Apple annuncia iPad Pro con chip M2: news su uscita, prezzo, colori e caratteristiche del dispositivo.

Indice dei contenuti

iPad Pro con chip M2 uscita

Apple ha lanciato il nuovo iPad Pro con chip M2! Infatti è stato presentato il device con il potente chip nuovo design e tante novità. Prima di parlarne in dettaglio, sappiamo già quando esce? La sua uscita non è lontana, dato che uscirà il 26 ottobre il dispositivo è già preordinabile sul sito o in negozio.

Caratteristiche iPad Pro con chip M2

Quali sono le caratteristiche di iPad Pro con chip M2? Sono due i formati disponibili: quello con display da 11″ offre una visione spettacolare in un design compatto, mentre quello co display XDR da 12,9″ offre più spazio per vedere contenuti HDR.

Il nuovo chip M2 ha una CPU a 8 core con prestazioni migliorate del 15% rispetto al chip M1, con le GPU 10-core che si superano del 35%. Questi fattori determinano anche la possibilità di modificare immagini pesanti, video e oggetti 3D.

Come da direttive europee, sarà finalmente incluso, oltre al connettore Lightning, anche universale USB-C e USB 4. Apple garantisce una connettività wireless veloce, e un supporto per accessori come Magic Keyboard Folio, Apple Pencil (seconda generazione) e Smart Keyboard Folio.

Sono due i colori in cui è disponibile iPad Pro con chip M2: grigio siderale e argento. Il dispositivo arriverà con iPadOS 16.

Il comparto fotografico offre un Grandangolo da 12MP e ultra‑grandangolo da 10MP, con Fotocamera TrueDepth con ultra-grandangolo.

Ogni iPad può collegarsi alle reti Wi‑Fi, con il modello Wi‑Fi + Cellular si rimane online anche quando non c’è una rete Wi‑Fi nelle vicinanze. iPad Pro M2 è compatibile con la tecnologia Wi-Fi 6E.

Prezzi

Quanto costa Pro con chip M2? Il modello di iPad Pro 11″ ha un prezzo a partire da 1069 euro per il modello Wi-Fi e da 1269 euro per Wi-Fi + Cellular. iPad Pro 12,9″ è disponibile a partire da 1469 euro per Wi-Fi e da 1669 euro per Wi-Fi + Cellular. Saranno disponibili tagli di memoria da 128GB, 256GB, 512GB, 1TB e 2TB.

ipad 10 uscita prezzi

Hardware

iPad 10 è ufficiale: uscita, prezzo, colori e caratteristiche

Martina Pedretti | 18 Ottobre 2022

Tutto sui nuovi iPad 10

Apple annuncia iPad 10: news su uscita, prezzo, colori e caratteristiche del dispositivo di decima generazione.

Indice dei contenuti

iPad 10 uscita

Apple ha lanciato il nuovo iPad 10! Infatti è stato presentato l’iPad di decima generazione, con un nuovo design e tante novità. Prima di parlarne in dettaglio, sappiamo già quando esce? La sua uscita non è lontana, dato che già oggi 18 ottobre il dispositivo è disponibile all’acquisto sul sito o in negozio.

Caratteristiche iPad 10

Quali sono le caratteristiche di iPad 10? Tra le principali citiamo un display Liquid Retina da 10,9, il processore A14 Bionic e la tanto attesa porta USB-C. Lo schermo si estende ai bordi del device con una risoluzione pari a 2360×1640 pixel, luminosità fino a 500 nit e la tecnologia True Tone.

Gli utenti Apple diranno addio al tasto circolare del TouchID, che viene integrato nel tasto di accensione superiore. Come da direttive europee, si saluta anche il connettore Lightning in favore di quello universale USB-C. Apple garantisce una connettività wireless veloce, e un supporto per accessori come Magic Keyboard Folio.

Sono quattro i colori in cui è disponibile iPad 10: blu, rosa, giallo e argento. 

Sotto la scocca c’è il chip A14 Bionic, che offre prestazioni migliorate del 20% rispetto alla generazione precedente. Si parla anche di una migliorata batteria, per poter utilizzare il dispositivo più a lungo.

Invece per quanto riguarda il comparto fotografico troviamo una fotocamera frontale, ultragrandangolare e da 12 megapixel, che ora si trova sul lato orizzontale. Tra le funzioni come non citare l’Inquadratura automatica, che segue in modo automatico i movimenti del soggetto per mantenerlo centrato. Passando alla camera frontale, siamo davanti a un sensore da 12MP con grandangolo che scatta foto in HD e video 4K, ma anche clip in slow-motion a 240 fps.

IPad 10 include anche due microfoni, nuovi altoparlanti stereo in orizzontale, il supporto a 5G e WiFi 6.

Prezzi

Quanto costa iPad 10? Il modello di decima generazione ha un prezzo che parte da 589 € nella versione Wi-Fi e da 789 € per la versione Wi-Fi + Cellular. Il costo varia anche a seconda della memoria scelta, da 64 GB o da 256 GB.

microsoft Surface Laptop 5 uscita prezzo

Hardware

Surface Laptop 5: uscita, prezzi, colori e caratteristiche

Martina Pedretti | 13 Ottobre 2022

Tutto sul nuovo Surface Laptop 5

Microsoft ha annunciato all’evento Surface il nuovo Surface Laptop 5: news su uscita, prezzo e caratteristiche.

Indice dei contenuti

Surface Laptop 5 uscita

Prima di parlarne in dettaglio, sappiamo già quando esce Surface Laptop 5? Il nuovo pc sarà disponibile in Italia dal 25 ottobre prossimo. Questa la data di uscita ufficiale. Le versioni sono già pre-ordinabili sul sito dell’azienda. Preordinando ora il nuovo Surface Laptop 5 è possibile scegliere anche gli auricolari Surface Earbuds del colore che si preferisce.

Surface Laptop 5 caratteristiche

Tra le caratteristiche di Surface Laptop 5 troviamo processori Intel Core i5/i7 di 12a generazione, con piattaforma Intel Evo. La RAM invece è LPDDR5x da 8, 16 e 32GB, con SSD da 256GB a 1TB. Incluso è inoltre il sistema Windows 11.

Lo schermo PixelSense è sempre touch, in due formati: da 13,5″ (2256 x 1504 a 201 PPI) o 15″ (2496 x 1664 a 201 PPI). La batteria ha un’autonomia fino a oltre 17 ore, con supporto webcam da 720p. Varia anche la gamma di porte disponibili: 1 USB-C con supporto a USB 4.0 e Thunderbolt 4. 1 unità USB-A 3.1, un jack da 3.5 mm e un Surface Connect. Con l’ultraveloce porta Thunderbolt 4 si può collegare un monitor 4K, caricare il proprio portatile e trasferire più rapidamente i file video di grandi dimensioni. Immancabile poi il supporto a Dolby Vision IQ e Dolby Atmos e la possibilità di usare Surface Pen.

Si tratta di un portatile elegante e super leggero con un peso minimo di 1,272 kg e una tastiera confortevole.  

Passando ai colori disponibili, il device è acquistabile in Platino Alcantara e Nero Metallo.

Durante l’evento è stato annunciato anche Surface Pro 9.

Prezzo

Quanto costa Surface Laptop 5? Il modello da 13,5″ parte da un prezzo di 1.209 euro, mentre il 15″ da 1.589 euro. Nel costo finale sono inclusi gli auricolari Surface Earbuds.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.