foglia-artificiale-produzione-farmaci

Da una foglia artificiale i principi attivi per i farmaci

Dalla Eindhoven University of Technology – ateneo olandese – ci giunge la notizia dello sviluppo di una foglia artificiale che, tramite l’esposizione alla luce, è in grado di produrre i principi attivi che possono essere utilizzati per la preparazione dei farmaci: questo robot, in sostanza, sarebbe in grado di realizzare un’operazione paragonabile alla fotosintesi clorofilliana.

Per realizzare questa foglia artificiale, i ricercatori olandesi hanno utilizzato il Luminescent Solar Concentrator (LSC), il quale è realizzato da molecole fotosensibili, capaci di raccogliere un’importante quantità  di fotoni.

La foglia è a sua volta costituita da due pagine: quella scura – con le venature – è dotata di una serie di piccoli tubi al cui interno scorre un liquido, il quale, esposto alla luce raccolta dal LSC, è in grado di generare una fonte di energia tale da dare il via a delle reazioni chimiche.

Per coloro i quali volessero approfondire ulteriormente l’argomento, riportiamo qui di seguito il link presso il quale si può leggere la documentazione messa a disposizione del pubblico.

PCProfessionale © riproduzione riservata.