robot-smart-lavoro-uomo

PoliMi: brevetto robot smart per l’industria 4.0

La rivoluzione dell’IoT e dell’industria 4.0 si profila sempre più all’orizzonte, grazie al costante sviluppo di soluzioni tecnologiche volte ad integrare in modo sempre più “naturale” i robot smart in ambito lavorativo: l’ultima novità  in questo senso, ci giunge dal Politecnico di Milano, che ha brevettato un sistema in grado di controllare questi robot intelligenti, eliminando quelle soluzioni di protezione (come barriere,…) adottate fino ad oggi.

Attraverso questa innovazione tecnologica, è infatti possibile gestire i movimenti di uno (o anche di diversi) robot smart in ambito industriale, indipendentemente dal fatto che siano montati in una posizione fissa o siano mobili, e ancora, senza che il numero di “organi terminali” sia un ostacolo: le barriere protettive diventano inutili, perché il software riesce ad individuare la presenza (e la posizione) delle persone, prevedendo i movimenti.

Il collegamento tra il robot smart e il sistema di controllo, poi, permette di gestire eventuali situazioni impreviste in maniera del tutto sicura: grazie al software del PoliMi, infatti, la macchina è in grado di muoversi in modo differente da quello preimpostato, con il risultato che è in grado di rallentare, arrestarsi o scegliere un’altra direzione in funzione della presenza di un eventuale ostacolo, che verrebbe così evitato senza alcuna conseguenza.

Oltre a prevenire situazioni pericolose, il nuovo software consente anche di incrementare la produttività  dei robot smart, i quali possono infatti gestire meglio i loro movimenti durante il lavoro, ma non solo: le macchine, in ragione della capacità  di “autoregolarsi” nel moto, possono anche ottimizzare i consumi energetici e, laddove riescano a continuare il proprio lavoro anche in presenza di ostacoli, mantengono alta la redditività .

Nessun Articolo da visualizzare