Snapdragon 750G

Snapdragon 750G, nuovo chip 5G di Qualcomm

Qualcomm ha svelato il nuovo processore Snapdragon 750G con modem 5G integrato che verrà utilizzato nei futuri smartphone di fascia media.

Qualcomm ha annunciato un nuovo processore mobile con modem 5G integrato. Lo Snapdragon 750G è il quarto chip della serie 7 compatibile con le reti di nuova generazione, dopo gli Snapdragon 765/765G/768G. In termini di specifiche potrebbe essere considerato la versione aggiornata dello Snapdragon 730G.

È ormai chiaro che l’obiettivo dei produttori è rendere accessibile a tutti le elevate prestazioni delle reti 5G. Il nuovo SoC di Qualcomm permetterà quindi di incrementare l’offerta con smartphone più economici. Lo Snapdragon 750G, realizzato con tecnologia di processo a 8 nanometri, è composto da una CPU octa core Kryo 570 con frequenza massima di 2,2 GHz, una GPU Adreno 619 e un modem Snapdragon X52 5G.

Per quanto riguarda la CPU, Qualcomm promette un aumento delle prestazioni fino al 20% e un miglioramento fino al 10% nel rendering grafico rispetto allo Snapdragon 730G. Un ulteriore incremento fino al 20% è dovuto al Qualcomm AI Engine di quinta generazione, utilizzato per le funzionalità fotografiche (audio e video), il riconoscimento vocale e nei giochi.

Il SoC supporta schermi con risoluzione full HD+, HRD10+ e refresh rate di 120 Hz, fotocamere fino a 192 megapixel, gli standard Wi-Fi 6, Bluetooth 5.1, NFC, GPS e Galileo, porte USB 3.1 Type-C e la tecnologia di ricarica rapida Quick Charge 4+. Lo Snapdragon 750G è inoltre compatibile a livello di pin e software con lo Snapdragon 690, quindi i produttori possono aggiornare il processore in poco tempo.

Qualcomm comunica che il chip sarà disponibile entro la fine del 2020. Il primo smartphone basato sullo Snapdragon 750G verrà annunciato da Xiaomi (quasi certamente durante l’evento del 30 settembre riservato alla serie Mi 10T) e farà parte della serie Mi 10.

PCProfessionale © riproduzione riservata.
Seguo l'evoluzione tecnologia dalla fine degli anni '80 dopo aver acquistato il Commodore 64 e dal 2008 questa passione è diventata un lavoro. Da oltre 12 anni scrivo articoli su diversi argomenti tech e da maggio 2020 ho iniziato la collaborazione con PC Professionale.