Test: Dac Asus Essence One MKII

Dal 2011 – anno della presentazione della Xonar Essence One – a oggi, i dispositivi audio della linea Xonar hanno riscosso un buon successo tra gli appassionati di musica, che nei prodotti Asus hanno trovato una soluzione performante, versatile e, soprattutto, customizzabile per sfruttare le potenzialità  della musica liquida. L’Essence One si è subito distinta per le caratteristiche peculiari uniche nel segmento delle schede audio Usb esterne, che aggiunte al vantaggioso rapporto prezzo/prestazioni l’hanno resa un prodotto di riferimento della categoria.

La nuova versione, denominata MKII, alza il livello qualitativo con l’aggiunta del supporto nativo Direct-Stream Digital (Dsd) a 2,8 MHz via Dsd su Pcm (DoP). Il progetto è rimasto sostanzialmente invariato, così come la realizzazione e la destinazione d’uso: l’Essence One svolge funzioni di scheda audio esterna per Pc e Mac, Dac autonomo e amplificatore per cuffia.

Le specifiche tecniche e la realizzazione restano di livello elevato, evidente nell’esame interno che svela un layout circuitale ordinato e l’impiego di componenti di qualità , a partire dai condensatori Wima e dall’alimentatore toroidale sovradimensionato. Il chipset audio è composto dal processore C-Media CM6631A, dal Dsp Analog Devices ADSP 21261 e dalla coppia di Dac Burr Brown PCM1795, per gestire segnali Dsd64 e campionamenti fino a 192 kHz, sovracampionamento simmetrico 8x fino a 352 kHz / 32 bit e riproduzione in modalità  bit perfect attraverso i driver Asio 2.2, raggiungendo un rapporto segnale/rumore di ben 120 dB.

Degna di nota la sezione cuffia, dotata di amplificazione e potenziometro del volume dedicati, in grado pilotare carichi variabili dai 16 ai 600 ohm. Sul versante funzionale il dispositivo offre una dotazione completa: il pannello anteriore ospita il selettore di sovra campionamento, degli ingressi – con relativi led più gli indicatori delle modalità  Dsd, bit perfect e della frequenza di campionamento – e i potenziometri di linea e cuffia, mentre sul retro troviamo le uscite analogiche stereo Rca (sbilanciate), Xlr (bilanciate) e gli ingressi digitali S/Pdif ottico e coassiale, più la porta Usb.

La caratteristica di spicco dell’Asus rimane la possibilità  di sostituire gli 11 op-amp responsabili della timbrica, ovvero effettuare un upgrade e un tuning audio in maniera semplice e veloce senza richiedere attrezzature specifiche o conoscenze tecniche particolari. La procedura è ben documentata nel manuale Asus, che suggerisce inoltre le combinazioni possibili indicando anche il risultato sotto il profilo della resa sonora. Nelle sessioni di ascolto abbiamo utilizzato l’Essence One MKII sia da Pc via Usb asincrono sia come Dac autonomo collegato all’uscita digitale elettrica di un lettore Cd, in modo da valutare tutte le potenzialità  del dispositivo. Questa seconda modalità  ha evidenziato l’inconveniente di un aggancio ritardato del segnale (circa 3 secondi dall’inizio di ogni brano) tra meccanica e convertitore, un difetto probabilmente imputabile all’accoppiata specifica e rilevato sia in modalità  standard a 44.1 kHz sia attivando l’upsampling.

L'Asus sfoggia una dotazione completa sia sotto l'aspetto  dei controlli e spie frontali sia dal punto di vista di connessioni analogiche e digitali.
L’Asus sfoggia una dotazione completa sia sotto l’aspetto
dei controlli e spie frontali sia dal punto di vista di connessioni analogiche e digitali.

Il setup per l’utilizzo via Usb da Pc è semplice e veloce, tuttavia per impostare correttamente la modalità  Dsd occorre seguire alcuni passaggi per impostare il software di riproduzione, operazione piuttosto semplice con JRiver Media Center – programma estremamente valido e versatile ma dal costo di 49,98 dollari – e un po’ più contorta con Foobar 2000, che tuttavia ha il vantaggio di essere gratuito.

Con il set di op amp standard (3 LM4562A, 6 NE5532P e 2 LME 49720NA) l’Asus ha sfoggiato una resa di tutto rispetto tanto in termini di dettaglio quanto nell’estensione e nel controllo della gamma bassa e medio alta.

La timbrica è risultata piuttosto aperta, con una minima predominanza delle frequenze medie e medio alte che sono apparse appena più avanti rispetto alle altre frequenze; molto apprezzabile l’estensione in senso laterale del palcoscenico virtuale, un po’ meno invece la ricostruzione in profondità , risultata più compressa.

Come prevedibile, i migliori risultati si sono avuti con file Dsd, nettamente più definiti e con quel tipico senso di maggiore trasparenza e ariosità ; con materiale standard a 16 bit / 44.1 kHz l’Asus ha esibito un’ottima dinamica, ma anche qualche accenno di ruvidità  in gamma alta.
Marco Martinelli

+ PRO
Qualità  costruttiva impeccabile
Suono dettagliato e dinamico
Op amp sostituibili dall’utente
Utilizzabile anche come Dac autonomo senza computer

– CONTRO
Prezzo di listino elevato
Gamma alta talvolta in evidenza con gli op amp di serie

Produttore: Asus, www.asus.com/it/
Euro 731,88 Iva inclusa

[box type=”shadow” ]I tre Dac in prova
➜ Asus Essence One MKII
➜ Korg DS-DAC-100
➜ Schiit Loki / Asgard
[/box]

Nessun Articolo da visualizzare