Hardware

Test: JBL Synchros S500

Redazione | 1 Novembre 2014

Audio

Lo storico produttore californiano di sistemi di altoparlanti professionali si cimenta nel settore cuffie con un prodotto oggettivamente accattivante per […]

Lo storico produttore californiano di sistemi di altoparlanti professionali si cimenta nel settore cuffie con un prodotto oggettivamente accattivante per il profilo estetico ultra moderno e promettente sul piano acustico.

I driver da 50 mm che equipaggiano le Synchros 500 lavorano sia in modalità  normale sia filtrata attraverso la tecnologia proprietaria attiva LiveStage, che migliora la ricostruzione spaziale e offre una resa realistica simile a quella dei diffusori. La cuffia dispone di un archetto non molto imbottito ma flessibile, che non stringe troppo: i padiglioni sono rivestiti di materiale morbido e confortevole che non fa sudare.

La resa acustica è gradevole, seppur non particolarmente analitica: si ascolta per lunghi periodi senza fatica, sia in modalità  passiva sia col circuito attivo. Nel primo caso il suono, seppur un po’ scuro, è ben ripartito fra le varie frequenze, con i medi coinvolgenti, i bassi ben rappresentati e la gamma alta rifinita; l’intervento dell’elettronica è drastico, con un evidente allargamento della scena accompagnato da un differente profilo sonoro che sbilancia appena la timbrica in favore delle tonalità  medio/alte rendendo talvolta il suono meno naturale e “leggero”.

Complessivamente è una cuffia piuttosto divertente, con un impatto dinamico che invoglia ad alzare il volume.
Marco Martinelli

+ PRO
Comoda da indossare
Tecnologia attiva LiveStage
Funzionamento in modalità  attiva e passiva

– CONTRO
Timbrica tendenzialmente scura senza Dsp attivo

Produttore: JBL, https://eu.jbl.com
Euro 249,00 Iva inclusa

[box type=”shadow” ]Le nove cuffie in prova
➜ Audio Technica ATH-M50x
➜ B&W P5 Serie 2
➜ Beats Studio V2
➜ Bose SoundTrue
➜ Focal Spirit Classic
➜ JBL Synchros S500
➜ Nad Viso HP 50
➜ Philips Fidelio X1
➜ Sennheiser HD598
[/box]

Apple AirPods Max

Wearable

AirPods Max, le cuffie wireless di Apple

Luca Colantuoni | 9 Dicembre 2020

Apple Audio Wearable

AirPods Max sono le nuove cuffie wireless over-ear di Apple con driver da 40 millimetri, cancellazione attiva del rumore e audio spaziale in vendita a 629,00 euro.

Dopo iPad, iPhone 12 e MacBook con chip ARM, Apple ha svelato le AirPods Max, le nuove cuffie wireless con cancellazione attiva del rumore che completano la famiglia di indossabili composta anche da AirPods e AirPods Pro. Il prezzo è tuttavia accessibile ad un numero limitato di utenti.

AirPods Max, design e funzionalità audio

Le AirPods Max sono cuffie over-ear con una qualità costruttiva molto elevata. Apple ha utilizzato vari materiali per offrire una vestibilità perfetta: fascia traforata sull’archetto in tessuto traspirante, archetto in acciaio inossidabile con aste telescopiche e padiglioni in alluminio anodizzato. Questi ultimi sono dotati di cuscinetti interni in memory foam che si agganciano tramite un meccanismo magnetico.

https://www.youtube.com/watch?v=FXI_-OesT3A

Su un padiglione c’è la Digital Crown (corona digitale), simile a quella degli Apple Watch, che permette di regolare il volume, avviare/sospendere la riproduzione dei brani musicali, passare al brano successivo/precedente, rispondere alle chiamate e attivare Siri. È inoltre presente un pulsante per attivare/disattivare la cancellazione attiva del rumore (ANC). I colori sono cinque: argento, grigio siderale, celeste, rosa e verde.

Per la cancellazione attiva del rumore vengono sfruttati otto microfoni, sei rivolti verso l’esterno per rilevare il rumore ambientale e due rivolti verso l’interno per misurare i suoni che arrivano all’orecchio. Due di essi più un terzo microfono sono utilizzati per isolare la voce durante le chiamate.

Oltre al driver dinamico da 40 millimetri, all’interno di ogni padiglione ci sono quattro sensori (ottico, posizione, rilevamento custodia e accelerometro), mentre il giroscopio è solo in un padiglione. I calcoli necessari per la cancellazione del rumore sono eseguiti dal chip audio Apple H1 con 10 core (uno per padiglione).

Apple AirPods Max

Il chip viene sfruttato anche dall’equalizzatore adattativo (regola il suono in base alla posizione dei cuscinetti), dalla modalità Trasparenza (lascia entrare i suoni ambientali) e dall’audio spaziale (accelerometro e giroscopio rilevano i movimenti della testa e del dispositivo in modo da collocare i suoni nello spazio).

Per il collegamento agli iPhone, iPad e MacBook tramite Bluetooth 5.0 è sufficiente un singolo tap. Quando l’utente toglie le cuffie viene interrotta automaticamente la riproduzione audio. La batteria offre un’autonomia fino a 20 ore e viene ricaricata tramite cavo Lightning. Le AirPods Max saranno disponibili dal 15 dicembre al prezzo di 629,00 euro.

Wearable

Sony WF-1000XM3

Michele Braga | 27 Novembre 2020

Audio Auricolari Sony Wearable

I Sony WF-1000XM3 sono auricolari capaci di regalare un’ottima esperienza di ascolto sul divano di casa come in viaggio.

Gli auricolari WF-1000XM3 targati Sony sono tra i migliori di tipo true wireless con riduzione attiva del rumore che potete acquistare, almeno per il moment. Sono la trasposizione ultra compatta delle cuffie WH-1000XM3 che erano il fiore all’occhiello dell’azienda nel settore dei prodotti con tecnologia ANC. Oggi potete acquistare il nuovo modello WH-1000XM4.

Gli auricolari WF-1000XM3 sono indirizzati a chi desidera una qualità audio eccellente abbinata alla possibilità di isolarsi dal rumore esterno durante un viaggio, mentre ci si sposta in città ma anche in molte situazioni ambientali rumorose, il tutto con un ingombro ridotto anche se non ridottissimo.

Questi sono auricolari pensati prima di tutto per ascoltare musica e per questo potrebbero non rispondere alle esigenze dell’utente che cerca un prodotto unico adatto un po’ a tutto: non sono impermeabili e non resistono al sudore, ma vista la loro dimensione sarebbe difficile indossarli senza il rischio che cadano mentre si pratica sport.

Potete telefonare e utilizzarli anche con gli assistenti vocali Google Assistant e Amazon Alexa. Quello che davvero renderà giustizia alla spesa sostenuta per il loro acquisto è rilassarsi ascoltando i propri brani preferiti da una buona sorgente audio. I WF-1000XM3 suonano molto bene con ogni genere, dalla musica classica alla più aggressiva progressive.

Come sono fatti

Indossando gli auricolari WF-1000XM3 si percepisce dal primo momento l’attenzione dei progettisti al comfort. Pur non essendo piccolissimi e pur utilizzando una forma a pillola che in buona parte resta all’esterno dell’orecchio; questi auricolari sono molto comodi grazie a tre punti di appoggio che distribuiscono il peso all’interno del padiglione auricolare. Nel complesso la tenuta in sede è molto buona e stabile.

L’elettronica e la batteria ricaricabile a bottone sono racchiusi all’interno della struttura a forma di pillola che rimane all’esterno dell’orecchio e che serve a distribuire il peso. Le antenne wireless e le superfici di controllo touch sono su entrambi i lati esterni degli auricolari.
L’elettronica e la batteria ricaricabile a bottone sono racchiusi all’interno della struttura a forma di pillola che rimane all’esterno dell’orecchio e che serve a distribuire il peso. Le antenne wireless e le superfici di controllo touch sono su entrambi i lati esterni degli auricolari.

Su entrambi gli auricolari sono presenti due zone sensibili al tocco e che possono essere configurate dall’utente con comandi personalizzati attraverso l’app Sony dedicata; avvio e stop della riproduzione audio, attivazione di uno degli assistenti vocali supportati e così via. Come altri prodotti di questa fascia, i Sony WF-1000XM3 riconoscono in automatico quando vengono indossati e rimossi dall’orecchio; in questo modo è sufficiente rimuovere un solo auricolare per mettere in pausa la riproduzione audio e ascoltare in modo diretto l’ambiente circostante. Sotto la scocca è presente un doppio microfono che serve come sorgente per i dati inviati al processore QN1e. Il chip si occupa della cancellazione del rumore e che allo stesso tempo opera da DAC a 24 bit.

La custodia dei Sony WF-1000XM3 è piuttosto voluminosa, ma non è poi così scomoda visto che è piuttosto sottile. All’esterno è presente un led di ricarica.

La custodia è piuttosto ingombrante, ma di ottima qualità; sull’esterno sono visibili i led di carica, mentre la porta Usb-C per la ricarica si trova sul retro. Nel complesso la batteria della custodia garantisce tre ricariche complete degli auricolari; l’autonomia di questi ultimi è stimata in poco meno di cinque ore con riduzione attiva del rumore.

La dotazione fornita da Sony è la più completa che abbiamo visto fino a questo momento sul mercato. Il set di cappucci comprende un set in silicone abbinato a un set completo in spugna. Entrambe le tipologie di cappucci sono disponibili in tre misure differenti.

La confezione Sony è senza dubbio una delle più complete in circolazione. Oltre alla dotazione standard di custodia e batteria sono presenti due set completi di cappucci: uno in silicone e uno in spugna, entrambi disponibili nelle tre misure piccola, media e grande. In questo caso è praticamente impossibile non trovare la giusta misura per indossarli comodamente anche per molte ore di fila.

I Sony WF-1000XM3 sono disponibili in diverse colorazioni. Quella nero e oro è molto elegante, ma potete scegliere la più classica versione nera o quella chiara.

Come suonano

L’isolamento passivo offerto da questi auricolari è ottimo anche grazie all’ampio set di cappucci inseriti da Sony all’interno della confezione; abbiamo apprezzato in modo particolare quelli in schiuma che garantiscono un comfort eccezionale anche per lunghi tempi di ascolto. Sin dal primo momento si capisce che i WF-1000XM3 sono in grado di regalare un’esperienza d’ascolto di alto livello. Il soundstage appare ampio, dinamico e privo di compressioni; i bassi riescono ad essere caldi, avvolgenti ma anche secchi ed energici quando serve. La spinta sui bassi è compensata da una leggera enfasi dei medio alti che in alcuni casi potrebbero perdersi.

Curiosità
Stranamente i WF-1000XM3 supportano i codec audio Bluetooth AAC e SBC, mentre manca il supporto per il codec proprietario LDAC di Sony e per quello aptX. Tuttavia questa mancanza è spiegata dal fatto che è presente la funzioni DSEE HX che esegue l’upscaling dei formati audio compressi.

Questo prodotto Sony supporta inoltre la tecnologia 360 Reality Audio il cui obiettivo è restituire l’esperienza d’ascolto come se si fosse in uno studio di registrazione o in un concerto dal vivo.

Il formato utilizza lo standard audio 3D MPEG-H aperto ottimizzato per lo streaming musicale e gli ingegneri del suono possono mappare e collegare qualsiasi elementi di una registrazione audio all’interno di uno spazio sferico a 360 gradi. Al momento non sono molti i brandi disponibili e le piattaforme di streaming che supportano questo formato, ma se siete dei patiti del surround vi consigliamo di tenere in considerazione il supporto offerto dai WF-1000XM3. Al momento i servizi – tutti a pagamento – che supportano questa modalità audio sono deezer, bugs.net e Tidal.

Nell’utilizzo come auricolare per le chiamate telefoniche questi auricolari si comportano bene, ma non eccellono come nell’utilizzo per l’ascolto musicale. Il vostro interlocutore vi sentirà bene, ma sentirà in modo pronunciato anche suoni e rumori che vi circondano. Se desiderate utilizzarli per lunghe chiamate di lavoro o per conferenze da remoto, assicuratevi di essere in un ambiente silenzioso.

La cancellazione del rumore offerta dai Sony WF-1000XM3 è di altissimo livello. Gli auricolari non hanno protezione contro il sudore e quindi non li consigliamo per lo sport, ma sono ottimi in tutte le altre circostanze, a casa come in viaggio.

Cancellazione del rumore

L’ottimo isolamento passivo di questi auricolari offre una base di partenza ottima per il sistema integrato di riduzione attiva del rumore che è risultato essere il migliore che abbiamo provato. Dall’app di Sony è possibile scegliere quanto del rumore ambientale eliminare ovvero scegliere il livello di trasparenza che permette di non isolarsi completamente dall’ambiente esterno. Quando si attiva in modo pieno la tecnologia ANC tutti i rumori a bassa frequenza come il condizionatore di casa, la lavatrice, ma anche il rumore del treno o dell’auto vengono efficacemente eliminati.

Sebbene sia ancora possibile sentire alcuni rumori ad alta frequenza o rumori improvvisi di breve durata, non sentirete mai la necessità di alzare troppo il volume. Al massimo potreste avere la tentazione di alzare il volume per godere appieno della corposità sonora offerta dai WF-1000XM3.

Sotto la scocca è presente un doppio microfono che serve come sorgente per i dati inviati al processore QN1e che si occupa della cancellazione del rumore e che allo stesso tempo opera da DAC a 24 bit.

Connessione a dispositivi Apple e Android

Questi auricolari true wireless di Sony possono essere abbinati a uno smartphone attraverso la tecnologia NFC oppure quella Bluetooth mentre durante il funzionamento la connessione è di tipo Bluetooth 5.0 e la copertura è di circa 10 metri. In realtà la stabilità del segnale è ottima anche oltre i 10 metri e all’interno di ambienti domestici con numerose pareti; questo risultato è imputabile anche al posizionamento delle antenne che corrono subito sotto la superficie esterna degli auricolari. I WF-1000XM3 possono essere accoppiati a un solo dispositivo per volta purtroppo. Ciò significa che se volete passare dallo smartphone al computer o al tablet dovrete per forza di cose procedere al reset degli auricolari ed eseguire nuovamente la procedura di peering.

Sull’App Store di Apple e sul Play Store di Goole è disponibile l’app Sony Headphones Connect compatibile con diversi prodotti della casa nipponica. Sebbene l’app non sia indispensabile è però necessaria per gestire l’equalizzazione del suono, la personalizzazione dei controlli a tocco e altre impostazioni. Una delle funzioni più interessanti è quella che abilita il controllo adattivo del suono; questo modifica in modo automatico le impostazioni degli auricolari in funzione dell’ambiente. Se ad esempio vi trovate in aeroporto potrebbe essere necessario aumentare la riduzione attiva del rumore, mentre se siete a casa questa potrebbe essere spenta o potrebbe essere attiva la modalità trasparenza.

Una volta collegati allo smartphone, dall’app Sony Headphones Connect è possibile visualizzare lo stato di carica degli auricolari e della custodia, così come attivare o disattivare il controllo adattivo del suono. Nella scheda per le impostazioni del suono è possibile regolare il livello di riduzione attiva del rumore, regolare le impostazioni dell’equalizzatore e attivare la modalità 360 Reality Audio se siete abbonati a un servizio in grado di fornivi musica in streaming in questo formato. Sempre dall’app potete configurare il comportamento degli auricolari quando li indossate e rimuovete dall’orecchio, scegliere se usare l’assistente vocale di Google o quello Alexa di Amazon ed eseguire l’aggiornamento del firmware degli auricolari.
Una volta collegati allo smartphone, dall’app Sony Headphones Connect è possibile visualizzare lo stato di carica degli auricolari e della custodia, così come attivare o disattivare il controllo adattivo del suono. Nella scheda per le impostazioni del suono è possibile regolare il livello di riduzione attiva del rumore, regolare le impostazioni dell’equalizzatore e attivare la modalità 360 Reality Audio se siete abbonati a un servizio in grado di fornivi musica in streaming in questo formato. Sempre dall’app potete configurare il comportamento degli auricolari quando li indossate e rimuovete dall’orecchio, scegliere se usare l’assistente vocale di Google o quello Alexa di Amazon ed eseguire l’aggiornamento del firmware degli auricolari.

Sony WF-1000XM3
Euro 179,00
Pro
Ottima qualità audio / Suono adattivo / Supporto Google Assistant / Ottima vestibilità / Set completo di tip
Contro
Prezzo / Custodia di ricarica ingombrante / Nessuna protezione da sudore o acqua

Wearable

Jabra Elite Active 75t

Michele Braga | 27 Novembre 2020

Audio Auricolari Wearable

I Jabra Elite Active 75t sono auricolari pensati per le persone attive che praticano sport. Con l’ultimo aggiornamento sono dotati di ANC.

Presentati al CES 2020, gli Elite Active 75t sono la nuova generazione di auricolari true wireless intraurali dedicati da Jabra alle persone più attive. L’azienda danese produce cuffie e dispositivi Bluetooth da più di 25 anni; questi auricolari sono ottimizzati per le esigenze di chi desidera essere immerso nella musica mentre pratica sport. Dal 20 ottobre scorso, inoltre, sono dotati anche della tecnologia ANC attivata sfruttando al massimo il potenziale del SoC integrato. Trovate i dettagli dell’aggiornamento nella nostra prova a questo link.

Come sono fatti

Grazie alla nuova forma più ergonomica della precedente, gli Elite Active 75t restano bene in posizione all’interno dell’orecchio e creano un ottimo isolamento passivo.

Ogni auricolare della serie Elite Active 75t integra due microfoni che servono a catturare la voce in modo chiaro e per la tecnologia HearThroug. Questa permette ai suoni ambientali di filtrare attraverso gli auricolari e risulta particolarmente utile quando, ad esempio, ci si muove per strada; ancora quando occorre mantenere l’attenzione su ciò che accade attorno in ufficio, anche durante una chiamata telefonica o la riproduzione musicale.

Il più grosso limite delle Elite Active 75t – era presente sui modelli precedenti – riguarda l’impossibilità di utilizzare il solo auricolare sinistro in modo indipendente. Questo dipende dal fatto che solo l’auricolare destro gestisce la connessione Bluetooth, il pairing con lo smartphone e la sincronizzazione dell’audio. Ciò significa che oltre a non poter utilizzare l’auricolare sinistro da solo, se pendete quello destro il sinistro diventa un oggetto inutile.

Gli Elite Active 75t sono forniti di una nuova custodia con chiusura magnetica – molto più pratica della precedente – che integra una batteria di ricarica. Jabra dichiara un’autonomia di 7,5 ore che salgono fino a 28 ore se si mettono in conto le ricariche garantite dalla custoria. Questa utilizza un connettore Usb-C molto più pratico di quello micro Usb utilizzato sui modelli precedenti; in alternativa è possibile optare per la custodia compatibile per con i sistemi di ricarica wireless. All’intento della confezione trovate una serie di capsule in silicone per adattare al meglio gli auricolare alla forma del vostro orecchio e un cavetto Usb. Questo serve sia per alimentare la custodia sia per eseguire gli aggiornamenti del firmware degli auricolari collegandoli a un computer.

All’interno dei piccoli auricolari è presente il SoC audio Qualcoom della serie QCC5126 che garantisce un’elevata qualità del suono combinata con una lunga durata della batteria grazie alla bassissima potenza assorbita.
All’interno dei piccoli auricolari è presente il SoC audio Qualcoom della serie QCC5126 che garantisce un’elevata qualità del suono combinata con una lunga durata della batteria grazie alla bassissima potenza assorbita.

Come suonano?

Per quanto riguarda la qualità audio, gli Elite Active 75t propongono in versione sportiva i grandi passi avanti fatti con versione standard Elite 75t. Oltre a un miglioramento globale rispetto ai modelli precedenti cambia anche il bilanciamento dell’equalizzazione di fabbrica. I modelli precedenti spingevano sulle frequenze della metà alta dello spettro sonoro, mentre le frequenza basse e medio basse avevano poco carattere e dettagli scarsi.

Gli Elite Active 75t sono quasi l’opposto: le basse frequenze e quelle medio basse sono enfatizzate e riescono a dare maggiore rotondità all’audio. Il soundstage è caratterizzato da frequenze medie e alte meno presenti; questo può creare un suono ovattato con generi musicali dove il basso o la cassa della batteria troppo enfatizzati possono sovrastare completamente le alte frequenze; il fenomeno si avverte maggiormente con file audio con una dinamica carente.
Con questo prodotto è essenziale scegliere i cappucci in silicone della misura corretta; da una lato si migliora la stabilità dell’auricolare all’interno dell’orecchio soprattutto durante i movimenti causati dall’attività sportiva. In secondo luogo solo raggiungendo il corretto isolamento passivo si riesce a godere appieno della qualità audio degli Elite Active 75t.

Se li indossate in modo lasco la qualità e la potenza del suono decade in modo rapido e drammatico; i bassi risultano quasi assenti e nel complesso l’audio risulta povero, un po’ come ascoltare la musica da una vecchia radiolina portatile.

Nell’uso pratico i Jabra Active 75t regalano grandi soddisfazioni. In primis, il design compatto e che non sporge dall’orecchio è ottimo quando si pratica sport all’aperto anche alle basse temperature. Già perché il loro ingombro ridottissimo permette di indossare un berretto per proteggersi dal freddo senza alcun fastidio o pressione aggiuntiva sull’orecchio. Gli auricolari sono piuttosto stabili durante la pratica sportiva, anche se non siamo al livello di quelli dotati di archetto sovraurale.

Cancellazione del rumore

I Jabra Elite Active 75t sono nati sprovvisti di cancellazione attiva del rumore, ma sono e sono stati uno dei prodotti migliori in commercio senza ANC per qualità dell’isolamento passivo. Quest’ultimo, quando si sceglie la misura corretta dei cappucci intraurali, è così buono che riesce a eliminare gran parte del rumore di sottofondo.

Dopo l’aggiornamento del firmware, all’interno del software Jabra Sound+ sarà disponibile la nuova voce Cancellazione attiva del rumore.
Dopo l’aggiornamento del firmware, all’interno del software Jabra Sound+ sarà disponibile la nuova voce Cancellazione attiva del rumore.

Con il nuovo firmware è stato attivato un algoritmo in grado di sfruttare al massimo potenza di calcolo del SoC e le funzioni della piattaforma hardware per offrire la funzione di riduzione attiva del rumore. Pur non essendo allo stesso livello delle tecnologie ANC ibride, quella frontfeedback adottata in questo caso è comunque molto buona.

Uno delle funzioni più interessanti offerte da Jabra è quella HearThrough; quando attiva l’audio esterno è catturato dai microfoni e riprodotto dagli auricolari insieme all’eventuale audio in riproduzione. Si tratta di una funzione presente su tutti gli auricolari con cancellazione attiva del rumore e in questo caso è possibile regolare il livello di trasparenza verso l’audio ambientale.

La tecnologia HearThrough è particolarmente utile quando si pratica sport all’aria aperta in modo da percepire l’ambiente circostante, il sopraggiungere di autoveicoli o altri rumori importanti per la propria sicurezza.

La funzione Soundscape presente nella modalità d’uso focus permette di riprodurre suoni di sottofondo di vario genere il cui scopo è quello fornire un aiuto a concentrarsi e mascherare il rumore esterno residuo che non può essere eliminato con il solo isolamento passivo offerto da questi auricolari.

Connessione a dispositivi Apple e Android

Tutte le funzioni avanzate dei dispositivi Jabra sono controllate dall’app Sound+ disponibile sia sull’App Store di Apple sia sul Play Store di Google. Una volta collegati gli auricolari attraverso il pannello di controllo Bluetooth del vostro smartphone, potete utilizzare l’app per configurare i parametri di equalizzazione – su cinque bande – che possono essere associati a tre diverse modalità d’uso: predefinito (musica), pendolare (viaggio) e focus (ufficio).

Per ogni profilo è possibile selezionare una tra sei impostazioni di equalizzazione predefinite – parlato, aumenta bassi, aumenta acuti, semplice ed energica – oppure salvare più profili personalizzati. Sempre nelle impostazioni avanzate di ogni modo d’uso è presente un pannello per configurare la risposta degli auricolari durante una chiamata. Potete scegliere il livello con il quale sentire la vostra voce attraverso gli auricolari (ricordiamo che essendo di tipo in ear isolano molto dai suoni ambientali) e se enfatizzare gli acuti o i bassi della voce dell’interlocutore.

L’equalizzatore musicale dell’app Sound+ offre sei profili preconfigurati: predefinito, parlato, aumenta bassi, aumenta acuti, semplice e energizza. Il profilo semplice aumenta i medio-bassi e tagli i medio-alti, mentre quello energizza esalta bassi e alti tagliando le frequenze medie. L’app Sound+ permette di attivare e disattivare la funzione HearThrough. Quando attiva l’audio esterno è catturato dai microfoni e riprodotto dagli auricolari insieme all’eventuale audio in riproduzione. La funzione Soundscape permette di riprodurre una selezione di ambientazioni e rumori che possono facilitare la concentrazione o aggiungere un po’ di rumore quando ci si trova in un ambiente troppo silenzioso.
L’equalizzatore musicale dell’app Sound+ offre sei profili preconfigurati: predefinito, parlato, aumenta bassi, aumenta acuti, semplice e energizza. Il profilo semplice aumenta i medio-bassi e tagli i medio-alti, mentre quello energizza esalta bassi e alti tagliando le frequenze medie. L’app Sound+ permette di attivare e disattivare la funzione HearThrough. Quando attiva l’audio esterno è catturato dai microfoni e riprodotto dagli auricolari insieme all’eventuale audio in riproduzione. La funzione Soundscape permette di riprodurre una selezione di ambientazioni e rumori che possono facilitare la concentrazione o aggiungere un po’ di rumore quando ci si trova in un ambiente troppo silenzioso.

Tra le funzioni accessorie trovate anche quella Find My Jabra: questa salva la posizione Gps degli auricolari nel momento in cui questi si disconnettono dallo smartphone. L’app mantiene solo la posizione più recente ed elimina di volta in volta quella precedente. Nessuna preoccupazione, quindi, per quanto riguarda eventuali tracciamenti degli spostamenti; Find My Jabra può rivelarsi utile se dimenticate da qualche parte gli auricolari quando non li indossate.

Jabra Elite Active 75t
Euro 199,99
Pro
Ottimo isolamento passivo dai rumori esterni / Buona qualità audio / Adatti allo sport
Contro
Non è possibile utilizzare l’auricolare sinistro da solo

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.