Come verificare la legittimità  di un’immagine Iso di Windows o di Office

Il tempo in cui si acquistava la scatola di Windows dagli scaffali di un negozio sembra ormai tramontato; oggi sempre più spesso si scaricano da Internet i file di installazione, di solito distribuiti come immagine binaria Iso. Questo formato è nato come copia bit per bit del contenuto di un disco ottico, e può essere masterizzato facilmente su un supporto vergine oppure riversato in una memoria di massa esterna, come per esempio una chiavetta Usb.

Capita spesso di salvare sull’hard disk oppure sul server dell’azienda varie immagini Iso, magari relative a versioni diverse del sistema operativo o della suite per l’ufficio Office. E, dopo qualche tempo, ci si dimentica della loro provenienza, tanto da non essere più certi che si tratti effettuvamente delle immagini di installazione ufficiali, e non invece di una versione personalizzata con uno degli strumenti di manipolazione degli installer di Windows, o peggio ancora di qualche release di dubbia provenienza scaricata da una rete peer to peer.

Esiste però uno strumento che permette di verificare in pochi istanti la legittimità  di un’immagine Iso di Windows o di Office: è il freeware di Windows ISO Verifer. Al suo interno si trova un ampio database di codici hash relativi alle varie immagini Iso rilasciate ufficialmente da Microsoft, e il tool non fa altro che calcolare l’hash del file per poi confrontarlo con l’archivio interno. Windows Genuine ISO Verifier non ha bisogno di installazione, ma è distribuito come archivio Rar: potrebbe essere necessario un software di terze parti (come per esempio l’ottimo 7-zip) per decomprimere l’archivio. Il suo funzionamento è molto semplice: bisogna indicare il percorso del file Iso nel primo campo, e poi premere il pulsante Verify; entro qualche minuto, il programma mostrerà  il risultato dell’analisi nel campo di testo in basso.

Clicca qui per scaricare.

PCProfessionale © riproduzione riservata.