Problemi di comunicazione con l’unità  Ssd Intel 330

Nel mio Pc ho installato come disco d’avvio un’unità  Ssd Intel 330 da 180 Gbyte. La configurazione hardware è la seguente: scheda madre ASRock P55 Pro/Usb3, processore Intel Core i7-870 a 2,93 GHz, 16 Gbyte di Ram Ddr3, Windows 7 Ultimate a 64 bit con SP1. Il problema per il quale chiedo aiuto riguarda il soft­ware diagnostico Intel Solid-State Drive Toolbox 3.1.8. Quando cerco di eseguire la funzione Ssd Optimizer, che dovrebbe pulire l’unità  mediante la funzionalità  Trim, nella finestra di dialogo si legge il seguente avviso: “Intel Ssd Toolbox non può comunicare con l’Ssd selezionato. Considerare il passaggio a un altro driver di archiviazione compatibile con il sistema e provare di nuovo lo strumento”. Inoltre, una volta visualizzato il messaggio, è impossibile eseguire una delle tre scelte disponibili perché le relative caselle sono disabilitate.
La mia perplessità  riguarda la richiesta di “passaggio a un altro driver” perché non riesco a comprendere cosa dovrei cercare e installare, poiché tutte le periferiche risultano configurate e perfettamente funzionanti. L’utility di Intel rileva che il controller Serial Ata è gestito dal driver “Intel Series/3400 Chipset Family 4 port Serial Ata Storage Controller – 3B20 e 3B26” versione 9.1.1.1013 e anche dopo un’approfondita ricerca non sono riuscito a trovare un software di gestione aggiornato.

Il messaggio d’errore può verificarsi se l’unità  Ssd non è rilevata correttamente dal sistema. Il primo controllo consiste quindi nell’entrare in Gestione dispositivi, espandere il ramo delle memorie di massa e fare doppio clic sull’unità  Ssd Intel 330. Dalla scheda Dettagli, visualizzate l’Id Hardware della periferica e accertatevi che riporti l’identificativo del produttore, nel caso specifico Intel. Una volta escluso che il problema dipenda dall’errata configurazione, si dovranno esaminare i driver del controller che gestisce l’unità  Ssd. Sempre dal segnalibro Dettagli, accertatevi che la memoria di massa sia gestita da un controller Sata/Ide e non sia rilevata come periferica Scsi. È sempre consigliabile che le unità  Ssd siano collegate al controller integrato nel chipset della scheda madre e non a controller Serial Ata aggiuntivi, che spesso configurano le periferiche come dispositivi Scsi e possono impedire il regolare funzionamento di strumenti diagnostici come l’Ssd Toolbox di Intel.

L'utilità  Ssd Toolbox di Intel richiede che il controller Serial Ata sia configurato in modalità  Ahci.  In caso contrario, alcune funzioni di manutenzione dell'unità  a stato solido non saranno disponibili.
L’utilità  Ssd Toolbox di Intel richiede che il controller Serial Ata sia configurato in modalità  Ahci.
In caso contrario, alcune funzioni di manutenzione dell’unità  a stato solido non saranno disponibili.

È anche possibile che il controller Serial Ata sia stato configurato dal Bios in modalità  Ide compatibile prima dell’installazione del sistema operativo: ciò può precludere l’esecuzione dell’Ssd Toolbox di Intel. Per eseguire attività  di manutenzione particolari, come la pulizia dei blocchi parzialmente utilizzati oppure l’aggiornamento del firmware, è necessario che il controller Serial Ata sia gestito in modalità  Ahci. Purtroppo, la sostituzione dei driver del controller utilizzato per la gestione del disco d’avvio è un’operazione critica e ha un’elevata probabilità  di impedire il caricamento del sistema operativo.

Prima di tentare modifiche alla configurazione consigliamo di eseguire una copia immagine della partizione Windows, in modo da poterla ripristinare se l’operazione non andasse a buon fine. A questo punto si potrà  tentare di rimuovere i driver del controller Serial Ata tramite Gestione Dispositivi, sostituendoli con quelli Ahci. Se il produttore del controller non mettesse a disposizione driver specifici, si potranno utilizzare quelli standard di Microsoft a corredo del sistema operativo. Al momento d’individuare il driver, selezionatelo dalla lista di quelli disponibili, entrate nella sezione Microsoft e fate clic sul driver Ahci.

Completata l’operazione, si dovrà  riavviare il computer per rendere effettivi i cambiamenti. Nella configurazione ottenuta, l’utilità  Ssd Toolbox dovrebbe essere in grado di eseguire regolarmente le operazioni diagnostiche e di manutenzione

Nessun Articolo da visualizzare