Software

Come usare il tablet al posto dell’eReader

Redazione | 8 Aprile 2015

Domanda: Mi sono recentemente appassionato alla lettura usando il mio IdeaPad Yoga 13. Per leggere libri protetti però mi sembra che […]

DomandaMi sono recentemente appassionato alla lettura usando il mio IdeaPad Yoga 13. Per leggere libri protetti però mi sembra che l’unica possibilità  sia il Reader di Adobe. Mi sapreste indicare se esistono altri programmi che forniscano funzionalità  equivalenti a quelle di un eReader? Dal traduttore al dizionario integrato, alla possibilità  di inserire note, commenti o segnalibri in modo più immediato di Adobe, che ha peraltro una lentezza un po’ fastidiosa nella reazione ai comandi. Inoltre il software di Adobe in diversi libri non mette a disposizione l’indice con associato il numero di pagina. Infine mi farebbe piacere avere anche un layout un po’ più personalizzabile!

Risposta: L’IdeaPad Yoga 13 di Lenovo è un tablet convertibile basato su processori della famiglia Intel Core. È quindi equipaggiato con Windows 8.1 e può utilizzare tutto il software compatibile con questo sistema operativo. Esistono diverse app che forniscono le funzionalità  di un ebook reader tra le quali una scelta molto popolare è Bookviser, scaricabile gratuitamente dal Windows Store. Un’alternativa è Freda, inizialmente sviluppato per Windows Phone poi adattato per funzionare anche sulla Modern UI di Windows 8, il quale è in grado di gestire diversi formati tra cui ePub, Fb2, Html, impaginando le illustrazioni e mantenendo tutta la formattazione originale.

Freda supporta diverse piattaforme di distribuzione online di ebook come Feedbooks, Smashwords, Gutenberg, Manybooks, e così via. Chi invece preferisce app dal look più tradizionale potrà  considerare l’utilizzo di Bookreader oppure di OneDrive Media Console. Quest’ultimo rispetto agli altri software sopra indicati è in grado di gestire anche gli audiobook. Purtroppo una delle carenze principali di queste app è la limitata gestione degli ebook con Drm (digital rights management). Ciò è dovuto al fatto che gli algoritmi crittografici alla base della protezione sono proprietari e possono quindi essere implementati solo da chi ne detiene il copyright.

A volte è possibile aggirare il problema utilizzando software di conversione, come Calibre, in altri casi invece la visualizzazione sarà  possibile solo con dispositivi appositamente progettati. Per fortuna la disponibilità  di app per Windows 8.1 sta migliorando e lentamente diventano disponibili anche i software ufficiali dei più importanti negozi di ebook.

Dal Windows Store è ora possibile scaricare anche le app Amazon Kindle e Nook di Barnes & Noble. Con questi strumenti si avrà  accesso ai servizi di vendita online ma anche a tutti i rispettivi formati proprietari. Purtroppo il porting di queste applicazioni per Windows 8.1 è ancora nelle fasi iniziali e non mancano bug e problemi di affidabilità . Allo stato attuale chiunque tenti l’utilizzo di questi strumenti dovrà  armarsi di pazienza ma siamo sicuri che presto la situazione migliorerà  e le app di Amazon e Barnes & Noble diventeranno una reale alternativa ai eReader stand-alone.

cybersecurity turismo

Software

Come proteggersi con la cybersecurity nel settore del turismo

Martina Pedretti | 8 Giugno 2022

Il settore dei viaggi e del turismo nel mirino degli hacker: ecco come proteggersi usando la cybersecurity e investendo in soluzioni avanzate

Cybersecurity: il Settore Turistico nel Mirino degli Hacker

Sebbene il settore dei viaggi e del turismo sia stato uno dei più colpiti negli anni duri della pandemia da Covid-19, ha iniziato a riprendersi a un ritmo più rapido del previsto grazie al contributo di diversi fattori.

Con una tale crescita, il settore sta attirando sempre più l’attenzione dei criminali informatici. Negli ultimi 1-2 anni, c’è stato un numero crescente di attacchi informatici a danno di agenzie di viaggi e turismo. 

Negli ultimi 12 mesi, abbiamo anche assistito a un aumento degli attacchi informatici più sofisticati grazie all’utilizzo dell’IoT e ad attacchi mirati di crypto jacking. Di conseguenza, la sicurezza informatica è diventata una priorità assoluta per ogni settore, compreso quello turistico. Le aziende di tutto il mondo dovrebbero iniziare fin da subito a mettere da parte del budget per mantenere se stesse e i propri clienti al sicuro.

Sfide chiave per la Cybersecurity nel Settore del Turismo

Il settore dei viaggi e del turismo dipende in gran parte dalle interazioni online per la realizzazione di prenotazioni, la pubblicazione di annunci e offerte, oltre che per i pagamenti. Questo lo rende un facile bersaglio per gli hacker. 

Il prolungarsi della pandemia ha ulteriormente spinto le interazioni digitali, il che si è tradotto in scambi di ingenti somme di denaro e dati sensibili tramite l’utilizzo di Internet.

Una delle più grandi violazioni dei dati nel settore si è verificata nel 2018, quando una catena di hotel leader a livello mondiale è stata attaccata da un banda di hacker informatici. Qui vennero compromessi i dati sensibili di circa mezzo milione di ospiti. Oltre alla perdita di dati, il gruppo alberghiero ha dovuto sopportare pesanti multe per non aver protetto i dati personali della propria clientela.

Misure di Sicurezza Informatica per le Agenzie di Viaggio e Turismo

È importante che tutte le società che operano nel settore dei viaggi e del turismo rispettino alcune misure di sicurezza di base. Tra queste citiamo la limitazione dell’uso di siti web non sicuri, l’utilizzo di password complesse, l’aggiornamento costante degli antivirus e il controllo dell’accessibilità ai server di dati di back-end, etc. 

Tuttavia, questo non è più sufficiente, poiché la crescita delle minacce informatiche ha superato la capacità di queste aziende di affrontarle efficacemente. Per essere cybersafe, sarà imperativo per il settore implementare un sistema di risposta basato sulla prevenzione piuttosto che sugli incidenti. Pertanto, è urgente investire in soluzioni avanzate che possano aiutare a far fronte a tutte le minacce e le preoccupazioni informatiche.

A seconda delle proprie esigenze, un’azienda può optare per:

  • Valutazioni dei rischi per la sicurezza al fine di identificare, stimare e assegnare priorità ai rischi per la sicurezza delle informazioni. Inoltre è utile a fornire una visione olistica end-to-end della posizione di sicurezza, delle vulnerabilità e delle conformità dell’azienda.
  • Accesso alla rete Zero Trust in modo da proteggere i carichi di lavoro in un ambiente di accesso sfaccettato e fornire un limite di accesso logico attorno a un’applicazione o a un insieme di applicazioni in base all’identità e al contesto.
  • Misure con intelligence predittiva sulle minacce, caccia e mitigazione proattiva del rischio.
  • Monitoraggio delle minacce in tempo reale nell’ambiente desiderato e analisi dello stato di sicurezza attuale.

Queste soluzioni stanno aiutando molte aziende del settore a mantenersi al sicuro e hanno ridotto i costi di gestione della sicurezza. Anche la loro conformità e il rating di maturità sono aumentati in modo significativo. Tuttavia, anche con queste misure e soluzioni in atto, è sempre meglio condurre valutazioni regolari della propria posizione a livello di sicurezza informatica e mantenere i sistemi protetti mediante l’impiego delle ultime tecnologie.

Qualche Consiglio di Sicurezza Informatica per i Viaggiatori

Infine, è bene che anche gli stessi viaggiatori, nel momento in cui si prestano a prenotare un viaggio mediante un portale online, adottino alcuni semplici accorgimenti per evitare di cadere vittima di truffe informatiche.

In modo particolare, è importante non utilizzare mai una connessione Wi-Fi pubblica senza protezione quando si effettuano acquisti con una carta bancaria. È inoltre indicato avvalersi sempre di una VPN (anche una VPN gratis) in modo da crittografare le proprie informazioni e nascondere il reale indirizzo IP del dispositivo.

vpn

Software

Cos’è la VPN: tutto quello che c’è da sapere per proteggere la rete

Martina Pedretti | 8 Giugno 2022

Tutto sulla VPN: che cos’è e a come serve, come proteggere la propria rete e il nostro traffico internet ovunque siamo

VPN, protezione della rete e del nostro traffico internet

La tecnologia negli ultimi tempi senza dubbio ha fatto passi da gigante e tutti, chi più e chi meno, ne usufruiscono. Telefoni cellulari, tablet, pc di casa o in ufficio, ormai dappertutto è possibile collegarsi con la rete per scoprire notizie in tempo reale, scegliere, prenotare, acquistare o parlare con persone anche a distanza notevole. Certo, non stiamo parlando di tematiche nuove o che possano incuriosire, tanto è l’utilizzo e l’abitudine odierni, spesso però conosciamo poco di quello che c’è dietro a quanto detto fino ad ora, alla possibilità e alle modalità di connessione alla rete, come si ottiene e tramite che cosa. Cerchiamo di scoprire qualche segreto in più e capirne i meccanismi tramite la conoscenza della VPN.

VPN sinonimo di sicurezza nello sconfinato mondo di internet

Ma che cos’è questa VPN? L’acronimo sta per Virtual Private Network, ovvero una tipologia di rete che imita una rete privata attraverso una pubblica. Questa consente all’utente di utilizzare internet e navigare con privacy e sicurezza. In buona sostanza l’aiuto è concreto, il mondo della rete è sconfinato e non si ha mai la certezza di essere al riparo da certi rischi. La VPN invece è sinonimo di sicurezza, ti protegge nel momento in cui utilizzi hotspot wi-fi pubblici, nasconde il tuo indirizzo IP. Inoltre introduce un’azione di codifica del tuo traffico internet impedendo che questo possa venire rintracciato o ancor peggio registrato per poi essere rivenduto magari a broker pubblicitari.

Maschera la tua connessione e naviga senza problemi

Con questa VPN è come se il tuo traffico internet fosse in un certo senso “mascherato”. Tutto questo è senza dubbio più che utile in quanto i tuoi pacchetti dati saranno reindirizzati, modificando successivamente il tuo IP e dando l’impressione che la tua navigazione provenga dalla posizione del server invece che da quella del dispositivo che si sta utilizzando in quel momento. Una cosa davvero utile, diremmo straordinaria, anche se questi argomenti ad una prima lettura possono essere di competenza soltanto di chi è esperto del settore. Nulla di più sbagliato invece, perché tutti devono poter scoprire queste informazioni tecnologiche che in un modo o nell’altro fanno parte della vita quotidiana di ciascuno di noi. Ovvio che, per i più inesperti, è utilissimo farsi consigliare da personale qualificato che potrà dissipare ogni dubbio.

Sicurezza e riservatezza: un tunnel VPN per la codifica dati

La sicurezza e la riservatezza, queste sono le parole chiave se facciamo riferimento alla VPN. Immagina un tunnel, sì come lo conosciamo noi. Durante la connessione alla rete viene creato questo passaggio tra la rete, appunto, e uno dei suoi server per il trasferimento del traffico internet codificando i tuoi dati, cioè trasformare tutto in codici illeggibili e confusi. Così facendo nessuno potrà “spiare” il passaggio di questi dati. Solo alla fine della navigazione essi saranno riorganizzati e decodificati in un testo leggibile facendo rimanere nascoste la tua posizione, la tua identità, l’indirizzo IP a tutti, all’ISP e a parti terze del web. Scopri di più sulla VPN e sulla navigazione senza pericoli, per entrare nel mondo sconfinato di internet tranquilli e sicuri.

windows 11 come installare

Software

Come scaricare e installare Windows 11 sul PC

Martina Pedretti | 25 Novembre 2021

Come scaricare e installare Windows 11 sul proprio PC? Guida all’installazione dell’aggiornamento del sistema operativo di Microsoft

Windows 11 arriva oggi 5 ottobre, e in molti si stanno chiedendo come installare l’aggiornamento sul proprio dispositivo. Si tratta di un update gratuito e disponibile solo per alcuni modelli compatibili, e gradualmente sarà accessibile a sempre più utenti. Ecco quindi come scaricare Windows 11.

La distribuzione graduale di Windows 11 verrà completata entro i primi mesi del 2022. Solo nei prossimi mesi quindi tutti gli utenti potranno installare l’aggiornamento. Il primo passo nel processo di installazione è quello di verificare se il proprio dispositivo è compatibile con Windows 11. Per farlo vi consigliamo di leggere QUESTA pagina, che spiega in modo dettagliato chi può installare l’update.

Il secondo accorgimento è quello di avviare l’installazione durante la notte, dato che l’aggiornamento a Windows 11 potrebbe bloccare il PC per diverse ore.

Come installare sul PC Windows 11

Dopo aver verificato che il proprio PC rispetti tutti i requisiti minimi di Windows 11 si può precedere con l’installazione. Bisogna notare però che che questo aggiornamento non si può forzare. Infatti è necessario attendere che Microsoft rilasci l’update per ogni singolo dispositivo. Per questo ci potrebbero volere ancora settimane o mesi, dato che l’obiettivo dell’azienda è evitare che milioni di utenti si avvalgano da subito dell’aggiornamento, per poi incappare in bug.

Per controllare se l’aggiornamento a Windows 11 è disponibile, basterà recarsi su Windows Update. In ogni caso l’utility di Windows 10 provvederà a comunicare all’utente la ricezione dell’aggiornamento, invitandolo a scaricare e installare il nuovo sistema operativo. Pertanto, se non si vuole controllare ogni giorno, basterà attendere una notifica sul proprio device.

Si consiglia, prima di procedere con l’aggiornamento a Windows 11, di salvare tutti i progetti aperti e di effettuare un backup di sicurezza. Come già spiegato inoltre, l’update potrebbe durare diverse ore, pertanto l’orario notturno è ideale per procedere con l’installazione.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.