HP presenta la serie Pavilion dv3

Dopo il color bronzo che aveva caratterizzato la serie HP Pavilion DV3000, proposta in occasione dello scorso Natale, adesso è la volta delle finiture HP Imprint disponibili in due versioni: Espresso (nero lucida con motivi circolari simili alle bolle) e Moonlight (bianca con striature grigie).

HP Pavilion serie dv3 Espresso

HP Pavilion serie dv3 EspressoI primi esemplari della nuova serie HP Pavilion dv3 ad arrivare in Italia saranno i modelli dv3-2020el e dv3-2010el dotati rispettivamente di processore Intel Core 2 Duo P8600 (2,40 GHz, 3 MB di cache L2) e Intel Core 2 Duo T6400 (2 GHz, 2 MB di cache L2). Per entrambi i notebook la dotazione prevede uno schermo Led da 13,3″ in formato 16:9 con tecnologia BrightView Infinity, una scheda grafica Nvidia GeForce G105M con 512 MB di memoria dedicata e 4 GB di memoria Ram Dddr2. La differenza riguarda il disco fisso: 250 GB per il dv3-2010el e 320 GB per il dv3-2020el.

HP Pavilion serie dv3 Moonlight

HP Pavilion serie dv3 MoonlightNumerose, inoltre, le funzionalità  multimediali che prevedono il software HP MediaSmart, audio SRS premium, doppia presa per le cuffie, webcam VGA, telecomando, masterizzatore LightScribe Dvd Rw e lettore di supporti digitali 5-in-1. La sicurezza è affidata, infine, alla soluzione proprietaria HP ProtectSmart Hard Drive Protection e al lettore di impronte digitali.

La serie HP Pavilion dv3 sarà  disponibile da maggio a un prezzo a partire da 899,00 euro Iva inclusa

PCProfessionale © riproduzione riservata.

3 Commenti

  1. Io sono possessore del modello bronze, quello precedente ai modelli qui sopra presentati, con processore da 2,26 Ghz e devo dire di essere molto contento, l’unico difetto che questo modello aveva era la tastiera poco leggibile a causa del poco contrasto tra il colore bronzeo e i caratteri grigi (questo perchè in origine nella versione USA i tasti erano retroilluminati, mentre misteriosamente in Italia la retroilluminazione è sparita… misteri di HP Italia).

  2. Wow! @faisman lavori per HP? 😛
    A parte la battuta, da un punto di vista meramente estetico li trovo decisamente interessanti, dal punto di vista tecnologico nulla da dire, delle belle macchine. L’unica cosa che mi ha sempre deluso un pochino degli HP è la qualità dei display parlando soprattutto dell’angolo di visuale piuttosto scarso.

    Per il resto sono sicuramente tra i primi 3 produttori di portatili che prediligo.

  3. Un portatile che completa una gamma di prodotti che rischiava di concentrarsi solo o su piccole dimensioni e prestazioni dei netbook o sui poco portatili computer multimediali con diagonale da 17 pollici.
    Credo che questo sia un sunto della giusta via di mezzo: portatilità vera e potenza di calcolo più che adeguate per un mobile. Di sicuro strizza l’occhio ai professionisti che hanno necessita di spostarsi e avere con se un pc su cui possono far girare qualche programma pesantino anche senza rimettere troppo in leggerezza e portabilità, fino ad ora ero solito a trovare dei prodotti di questa diagonale circa e potenza nei Sony vayo la cui cura costruttiva, ed il marchio affidabile e solido portava a prezzi finali molto impegnativi e valutabili solo espressamente se l’acquisto era per ovvie ragioni professionali; questo Hp riesce a rimanere nel target standard di prezzo pur concentrando il tutto in dimensioni abbastanza ridotte. Insomma la giusta via di mezzo che può far da concorrenza al Macbook per le dimensioni e diciamo anche le prestazioni (io ad esempio quando dovrò sostituire il mio notebook valutavo l’acquisto del mac per le dimensioni e rapporto qualità e prezzo, in questo modo ora il nuovo Hp farà dura concorrenza a computer simili, e non mi sembra che ci sia tutta questa offerta varia per pc da 13,3 pollici sotto i 1000 € che sanno raccogliere queste prestazioni aprendo di fatto una sfida ad altri produttori per fare altrettanto, sempre tenendo in considerazione non solo la diagonale ma anche il sunto tecnologico e prestazionale)

Comments are closed.