instagram tutela privacy più giovani nuove funzioni

Instagram introduce novità per la privacy dei più giovani

Instagram introduce diverse novità in tutela dei più giovani, per rendere più sicura la loro esperienza sul social: ecco di cosa si tratta

Continua la campagna di Instagram per rendere la piattaforma social sempre più sicura. In particolare, le novità introdotte sono rivolte ai più giovani che devono avere almeno 13 anni per accedere. Instagram sta introducendo nuove politiche che limitano le interazioni tra adolescenti e adulti. L’app vieterà agli adulti di inviare messaggi diretti ai più giovani che non li seguono. Inoltre sta per lanciare i “suggerimenti di sicurezza” che verranno mostrati agli adolescenti quando inviano DM ad adulti che hanno “esibito comportamenti potenzialmente sospetti”.

Questi messaggi di sicurezza daranno agli utenti più giovani la possibilità di segnalare o bloccare gli adulti che stanno inviando loro messaggi. Le istruzioni spiegheranno ai giovani di non sentirsi spinti a rispondere ai messaggi. Inoltre sarà suggerito di “fare attenzione a condividere foto, video o informazioni con qualcuno che non si conosce”. Se quindi un adulto chiede un follow a diversi account sotto i 18 anni, questa novità informerà gli interessati. Così avranno la possibilità di troncare ogni possibile conversazione e bloccare l’utente sospetto. Questa funzione sarà lanciata su determinati mercati già da questo mese.

Le novità di Instagram in tutela dei più giovani

Nel tempo poi gli account sospetti riceveranno delle limitazioni. Tra queste ad esempio sarà impedito loro di visualizzare gli account dei più giovani nella sezione Utenti Consigliati, Reels o Esplora. Inoltre i commenti dei minori di 18 anni sotto i post pubblici non saranno da questi visualizzabili. Inoltre Instagram vuole introdurre una funzione che impedisca agli adulti di inviare messaggi a giovani sotto i 18 anni che non li seguono.

Instagram inoltre sta sviluppando una nuova “tecnologia di intelligenza artificiale e apprendimento automatico” per cercare di rilevare l’età di qualcuno quando si registra sul social. Ufficialmente, l’app richiede che gli utenti abbiano almeno 13 anni, ma è facile mentire sulla propria età. L’azienda ha affermato di voler fare “di più per impedire che ciò accada”. Tuttavia non è entrata nei dettagli su come i nuovi sistemi di apprendimento automatico potrebbero aiutare con questo problema.

Infine, l’azienda intende incoraggiare i nuovi utenti adolescenti che si iscrivono a Instagram a rendere privato il proprio profilo. Se sceglieranno di creare comunque un account pubblico, Instagram invierà loro una notifica in seguito. Questa evidenzierà i vantaggi di un account privato e ricordando loro di controllare le loro impostazioni.

PCProfessionale © riproduzione riservata.