La resa dei conti in Apple: qualcuno sconta l’errore delle Mappe

Non è certo passato inosservato il ribaltone ai vertici di Apple, annunciato ieri sera dalla società . John Browett responsabile dell’area Retial e Scott Forstall, responsabile della business mobile unit, lasceranno l’azienda. L’uscita di scena di quest’ultimo è in realtà  quella più ricca di retroscena, spiega oggi l’edizione on line del Wall Street Journal, visto che Forstall è stato il vero responsabile del flop della tecnologia di Mappe sviluppata da Apple per iPhone 5, che fin dai primi giorni del rilascio ha mostrato diversi bug e imprecisioni nelle indicazioni stradali.

Pare anche, sempre secondo l’autorevole quotidiano americano, che Forstall si si sia opposto a mettere la sua firma sulla lettera di scuse agli utenti Apple, che ha poi fatto il giro del mondo con la firma di Tim Cook, Ceo di Apple.

Insomma ce n’è abbastanza per una svolta e così Apple annuncia l’arrivo di Eddy Cue alla guida del gruppo di lavoro su Siri (riconoscimento vocale) e Mappe e di John Ive alla direzione per la Human Interface oltre a quella dell’Industrial Design. Rinnovato anche il team alla guida di IOS e OS X ora capitanato da Craig Federici. Infine nasce il nuovo gruppo Tecnologie sotto la guida di Bob Mansfield, che combina in un’unica organizzazione tutte la squadra wireless di Apple includendo anche la parte dei semiconduttori.

Il settore Retail, finora guidato da John Browett passa di mano a  Tim Cook, Ceo di Apple che si occuperà  quindi anche della rete di Apple Store sparsi in tutto il mondo.

Nessun Articolo da visualizzare