La seconda vita del DivX

Per molti l’acronimo DivX è legato nella memoria alla pratica assai diffusa e molto poco legale di copiare i Dvd utilizzando il codec di compressione video sviluppato dall’omonima società  poi comprata da Sonic Solutions. Oggi anche quest’ultima non esiste più ed è stata acquisita da Rovi Corporation, la ex Macrovision, e il DivX è diventato parte integrante delle attività  di video content delivery del nuovo gruppo americano. La scommessa è quella di portare la piattaforma di streaming costruita sul codec a diventare la più diffusa su tutte le periferiche oggi in uso: quindi in primis smartphone e tablet, oltre naturalmente a desktop e notebook.

Per questo Rovi ha sviluppato la tecnologia DivX Plus Streaming, presentata alla stampa italiana, che sarà  integrata in una serie di dispositivi, a partire dalle nuove smart Tv  connesse a Internet, ai lettori Blu-ray  Disc.

Questa tecnologia è un’evoluzione del codec video DivX utilizzato da milioni di consumatori in tutto il mondo ed ha come peculiarità  la funzione di adaptive streaming che modifica dinamicamente il flusso video  fornendo in ogni istante la massima qualità  visiva in base alla larghezza di banda disponibile . In questo modo la riproduzione del video è sempre fluida e viene eliminato il fastidioso effetto buffering. Altra caratteristica importante di DivX Plus Streaming è il supporto per l’alta definizione a 1080p e la possibilità  di avere sottotitoli, tracce in più lingue, tasti di selezione (rewind, fast forward, avvio rapido). A oggi ci sono oltre 600 milioni dispositivi di elettronica di consumo di svariati produttori che hanno ottenuto la certificazione DivX: ciò significa che solo questi prodotti sono in grado di riprodurre file video con la qualità  e le funzionalità  avanzate previste dalla società .

Non solo, negli anni il formato DivX ha incorporato un sistema di Drm proprietario che è stato approvato dalle major cinematografiche di Hollywood per la distribuzione legale dei loro contenuti in formato DivX e che è stato adottato anche nel DivX Plus Streaming.

Sul mercato americano sono diversi i content provider che hanno stretto accordi con Rovi per distribuire video in formato DivX: tra questi c’è lo shop on line della Warner Bros (WBshop.com); Filmfresh.com e BestBuy.com con Cinemanow.com. In Europa la tedesca MediaMarkt (la capogruppo di MediaWorld) offre titoli in DivX nel suo catalogo on line di streaming video e in Francia e in UK sono attivi accordi simili con altri content provider.

In Italia Rovi intende proporre la tecnologia  DivX Plus  Streaming a tre tipologie di operatori: telco, operatori mobili e Pay Tv: produttori di contenuti interessati a veicolarli anche in digitale e i cosiddetti servizi over the top, tra cui Mediaset Premium.

Il nostro paese finora sembra aver apprezzato la tecnologia Rovi: circa il 3% di tutti i download software arrivano dall’Italia e l’ultima versione del software DivX ha ricevuto 300 milioni di download mentre quella di DivX Plus Software ne ha ottenuti circa 8 milioni. Il formato è supportato dal 78% dei lettori Dvd e Blu-ray e dal 31% delle Smart Tv venduti nel 2011 (fonte: Gfk 2011).

La dimostrazione a cui abbiamo assistito ha mostrato come le varie piattaforme  (iPad, tablet Samsung, smartphone Android e iPhone) siano in grado di operare con il formato DivX Plus Software garantendo una riproducibilità  dei video con livelli di qualità  e funzioni diverse, a seconda o meno del fatto di essere certificati DivX.

Presto i produttori di periferiche potranno verificare da soli la conformità  o meno dei loro dispositivi alle specifiche DivX grazie a un Test Kit che Rovi metterà  a disposizione dal 1 agosto 2012. Si tratta di un insieme di strumenti presi direttamente dal DivX Certifiication test Kit, che saranno rilasciati sul sito Rovi dietro specifica richiesta.

Per gli utenti è invece disponibile DivX Plus Software, scaricabile  gratuitamente dal sito www.divx.com: oltre al player il software include anche DivX Plus Web Player, DivX Plus Converter, DivX Plus Codec Pack.

Nessun Articolo da visualizzare