laserwan-premio-giovani-scienziati-ue-sedicenne-italiano

LaserWan: il premio giovani scienziati UE a studente sedicenne italiano

Durante il mese di luglio, abbiamo avuto modo di riportarvi alcuni dettagli relativi ad un progetto portato avanti da Facebook per implementare connessioni Wi-Fi con raggi laser, elevando le prestazioni di questo tipo di infrastrutture. Ora, anche uno studente italiano di 16 anni – Vincenzo Pagliarino della provincia di Asti – ha implementato qualcosa di simile con il suo LaserWan.

Il progetto realizzato dallo studente, che peraltro è stato insignito del premio del Concorso per i giovani scienziati della Commissione UE – giunto alla sua ventottesima edizione – si pone come obiettivo quello di mettere a disposizione delle connessioni con banda ultralarga, portando lo stesso anche in quelle piccole località  che non sono coperte da servizi a banda larga.

Ispirato dal fatto che la località  in cui vive – Castelnuovo Calcea – non è coperta dalla rete ad alta velocità , lo studente ha trovato il modo di portare fino a 500 Mbps la velocità  delle connessioni: ma come è riuscito a fare ciò? Semplicemente teorizzando l’installazione di ricetrasmettitori sulla sommità  dei piloni in cui passano i cavi dell’alta tensione.

Sfruttando queste infrastrutture per installare i ricetrasmettitori, è possibile approfittare di una connessione ad Internet con prestazioni paragonabili a quelle della fibra ottica, semplicemente perché il laser trasmette la luce in modalità  wireless, rendendo in questo modo superflua la necessità  di ricorrere all’utilizzo di un supporto fisico come quello della fibra.

Questo tipo di approccio verrà  impiegato per risolvere la problematica del digital divide? Per il momento, lo studente sedicenne si è guadagnato il primo premio (7.000 euro) del concorso europeo.

Nessun Articolo da visualizzare