apple-iphone-aggiornamenti

Apple: in futuro più aggiornamenti per gli iPhone?

La capacità  di creare tanta suspence durante l’attesa per l’arrivo dei suoi nuovi smartphone sul mercato, è sempre stata una delle peculiarità  di Apple: poi il rilascio dei suoi iPhone è diventato sempre più cadenzato, con l’alternarsi di nuovi gadget e versioni S, ed ora, secondo alcune indiscrezioni di fornitori nipponici della Mela, a Cupertino starebbero cambiando la loro politica di commercializzazione degli smartphone.

In quale modo? La risposta è molto semplice: lavorando maggiormente sugli aggiornamenti dei suoi smartphone, i quali riceverebbe in questa maniera nuovo software sull’arco di 2-3 anni, allungandone la vita utile per gli utenti. In realtà , però, secondo i meglio informati, questa scelta potrebbe essere dettata anche dalla necessità  di avere più tempo per supportare lo sviluppo di novità  tecnologiche da proporre sui propri iPhone.

Il bisogno di mantenere l’effetto sorpresa con i suoi prodotti – quella capacità  di stupire il pubblico con le sue innovazioni – sembra quindi essere di capitale importanza per l’azienda statunitense, tant’è vero che alcune speculazioni al riguardo del lancio del nuovo iPhone 7, in arrivo nei prossimi mesi, lo danno più come una sorta di iPhone 6s dotato di caratteristiche migliorate: potrebbe essere davvero l’inaugurazione di un nuovo ciclo?

In realtà , la scelta commerciale di Apple potrebbe ricalcare quanto già  compiuto da Intel con i suoi processori, che nella politica di aggiornamento dei suoi prodotti è passata da un lasso di tempo di 2 anni agli attuali 3.

Del resto, bisogna considerare come Cupertino si stia avviando ad un cambiamento importante: la nuova sfida a livello di politica di vendite, dopo il calo dei ricavi registrato, è quella di assicurare risultati stabili nel tempo, che preservino il valore del brand e la fiducia degli investitori nelle capacità  del colosso statunitense di saper affrontare ogni nuova sfida.

Nessun Articolo da visualizzare